Skip to Content skip-to-menu

Servizio antincendio

In Primo Piano

Incendi boschivi novembre 2017

Cinque incendi hanno percorso un ettaro di superficie boscata

La Toscana aderisce a Euforfire

A Sintra in Portogallo, l'organizzazione antincendi della Regione Toscana ha preso parte - unica rappresentanza italiana - alla costituzione del network europeo Euforfire (European Forest Fire...

Abbruciamento di residui vegetali

Norme per abbruciamenti e accensione fuochi Periodo non a rischio di incendio (fino al 30 giugno 2018) In questo periodo la normativa consente l'abbruciamento di...

Organizzazione regionale antincendi (Aib)

La gestione operativa AIB che la Regione Toscana si è data mira a favorire l'attività preventiva di controllo del territorio e di rapida segnalazione dei principi di incendio,...

Incendi boschivi gennaio 2015

Incendi boschivi gennaio 2015

Nel territorio grossetano di Orbetello l'incendio più impegnativo del mese


Nel mese appena concluso gli incendi boschivi sono stati tre, ma uno in particolare ha richiesto un forte impegno da parte di numerose squadre dell'Organizzazione regionale antincendi boschivi.

Si è trattato di un evento sviluppatosi il 29 gennaio sul territorio grossetano di Orbetello, in località Binetti, dove a chiusura delle operazioni di spegnimento e messa in sicurezza si sono contati oltre 8 ettari di superficie boscata: più precisamente un soprassuolo fortemente degradato composto da ceduo di roverella con una grande diffusione di specie arbustive.
Intorno a mezzogiorno l'incendio si è sviluppato in modo frazionato su una superficie difficile da riaggiungere, le squadre in intervento hanno chiesto anche il supporto di un elicottero che non è stato possibile far decollare a causa delle condizioni meteo avverse presenti nelle due basi di schieramento, a Firenze e Lucca.

Sul posto si sono portate, quindi, numerose squadre che hanno operato sotto la guida del DO AIB della provincia di Grosseto. Per dichiarare spento l'incendio sono state necessarie quasi sei ore di intervento, seguite da un prezioso e impegnativo lavoro di bonifica e messa in sicurezza.

Al termine della vigilanza notturna, la situazione era decisamento migliorata anche grazie all'evoluzione delle condizioni meteo e in particolare al vento che risultava quasi assente.
Gli altri due incendi che hanno richiesto l'intervento delle squadre AIB nel corso del mese hanno interessato, il 16 gennaio, il territorio lucchese di Pescaglia e il 27 quello fiorentino di Vicchio. 

In località San Martino in Freddana, a Pescaglia, si è trattato in realtà di un brevissimo intervento di bonifica su un incendio di circa 40 mq sviluppatosi a partire da un cantiere forestale dove il fuoco, lasciato incustodito, si era allargato al bosco ceduo. La stessa ditta che stava eseguendo i lavori ha provveduto a spegnere l'incendio e le squadre AIB hanno operato per la messa in sicurezza.

Anche sull'incendio di Postignana, a Vicchio, dove sono andati in fumo 3 mila metri quadrati di bosco di latifoglie non è stato necessario operare per lo spegnimento; le squadre arrivate sul posto hanno trovato l'incendio, originato da una ripulitura incustodita in un castagneto, già spento e si sono limitate all'attività di controllo.

Nel corso del mese, l'organizzazione AIB non è mai stata chiamata a intervenire su incendi di vegetazione a supporto del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco che sulle aree non boscate ha la competenza diretta.

A livello statistico, i 3 incendi del mese appena concluso sono inferiori come numero alla media di circa 8 incendi registrata nel mese di gennaio degli ultimi 5 anni. Una media fortemente influenzata dal 2012, anno nel quale si sono avuti, solo nel mese di gennaio, ben 34 eventi per oltre 50 ettari di superficie boscata andata in fumo. A gennaio 2013 e 2014 non si erano verificati incendi di bosco. Allineata alla media dell'ultimo quinquennio, invece, la superficie boscata bruciata complessivamente nel corso del mese (8,80 ettari quest'anno contro gli oltre 10 del periodo 2010-2014).

La superficie boscata media ad evento di quest'anno, pari a 2,93 ettari, è nettamente superiore alla media dell'ultimo quinquennio (1,30 ettari), in conseguenza dell'evento di Orbetello diffuso su una superficie importante, anche se di bosco degradato. Per trovare una superficie interessata dalle fiamme così consistente bisogna risalire al mese di luglio 2014, quando gli ettari bruciati furono 12, ma su un totale di 33 eventi.

Nel corso del mese di gennaio, la Sala Operativa Unificata Permanente della Regione ha gestito cinque false segnalazioni.
 

Regione Toscana – GENNAIO 2015
MESE / ANNO INCENDI BOSCHIVI (NUMERO) SUPERFICIE BOSCATA (ETTARI) SUPERFICIE BOSCATA MEDIA AD EVENTO (ETTARI) SUP. NON BOSCATA (ETTARI) SUP. TOTALE (ETTARI) INCENDI AREE NON BOSCATE CON SUPPORTO ORGANIZZAZ. REGIONALE AIB (NUMERO) FALSE SEGNALAZIONI (NUMERO)
GENNAIO 2010 2 0,20 0,10 0,46 0,66 1 8
GENNAIO 2011 5 2,59 0,52 53,81 56,40 3 12
GENNAIO 2012 34 50,56 1,49 0,10 50,66 10 23
GENNAIO 2013 0 0,00 0,00 0,00 0,00 0 2
GENNAIO 2014 0 0,00 0,00 0,00 0,00 0 3
Totale 41 53,35 1,30 54,37 107,72 14 48
MEDIE MESE GENNAIO 2010-2014 8,20 10,67 1,30 10,87 21,54 2,80 9,60
GENNAIO 2015 3 8,800 2,93 0,00 8,80 0 5

 


Ultima modifica: 06/03/2015 10:11:50 - Id: 12324918