Skip to Content skip-to-menu

Difesa del suolo

In Primo Piano

Documento Operativo per la Difesa del Suolo

Atto di programmazione per gli interventi di mitigazione del rischio idraulico e idrogeologico

Studi e banche dati sulla difesa del suolo

In questa sezione sono pubblicati studi e dati relativi alla prevenzione del rischio idrogeologico e idraulico.

Modulistica per la tutela delle opere idrauliche e la gestione delle risorse idriche e della costa

Moduli per: Autorizzazioni idrauliche - Concessioni acque pubbliche e aree del demanio fluviale - Invasi e sedimenti marini

Contratti di fiume

La Giunta regionale ha approvato un bando finalizzato alla promozione e divulgazione dei contratti di fiume in Toscana

Difesa del suolo, la mappa interattiva

E' online la mappa interattiva degli interventi per la riduzione del rischio idraulico e idrogeologico

Interventi di difesa del suolo

Lavori di messa in sicurezza idraulica, regimazione e manutenzione dei corsi d'acqua

Frane e alluvioni: gli ultimi eventi calamitosi

Frane e alluvioni: gli ultimi eventi calamitosi

Nei giorni del 25 e 26 Ottobre 2011 la parte settentrionale della Regione Toscana, la zona della Lunigiana in particolare, è stata interessata da piogge di elevata intensità che hanno fatto registrare in alcune stazioni pluviometriche nel bacino del fiume Magra, Provincia di Massa Carrara, afflussi meteorici superiori ai 300 mm nell'arco di 36 ore.

Le piogge sono iniziate alle ore 4:00 del 25 ottobre, hanno subito una forte intensificazione tra le ore 11:00 e le ore 18:00 dello stesso giorno, fenomeni residui si sono poi prolungati fino alle prime ore del giorno 26 ottobre.

La Sala Operativa Unificata Permanente della Protezione Civile regionale aveva emesso nella giornata del 24 ottobre un avviso di allerta meteo elevata per piogge intense tra le 18 del 24 ottobre e le 18 del 26 ottobre nell'area poi colpita.

I comuni maggiormente interessati dall'evento sono stati Aulla, Mulazzo, Pontremoli, Zeri, Bagnone, Filattiera, Villafranca in Lunigiana, Tresana, Casola in Lunigiana, Licciana Nardi ed in misura minore anche Comano, Fivizzano e Podenzana.

L'intensità delle precipitazioni e la loro concentrazione geografica nelle aree di Pontremoli, Mulazzo e Bagnone ha determinato una crisi del reticolo idrografico non più in grado di contenere le portate che in breve tempo si sono accumulate, causando smottamenti, frane e l'esondazione dei corsi d'acqua principali.

Le acque hanno di conseguenza invaso le strade e allagato i centri abitati provocando tra l'altro l'inagibilità delle vie di accesso ad alcune frazioni rimaste isolate con la conseguente interruzione dei servizi elettrici, telefonici, di gas e acqua potabile. Notevoli difficoltà sono state peraltro registrate sulla SS1 Aurelia interessata da frane e smottamenti per un tratto di oltre 20 Km, sulla SS 62 in corrispondenza delle località di Pontremoli e Villafranca in Lunigiana, sulla SS63 in corrispondenza di Aulla e Fivizzano. E' stata chiusa l'Autostrada A 15 (Autostrada della Cisa che collega Parma a La Spezia) ed è stato consentito esclusivamente il passaggio dei mezzi di soccorso in direzione Aulla. Sono inoltre state chiuse le strade provinciali 31, 32, 36, 37, 38, 39 e 67, e in seguito a tutti gli eventi descritti c'è da registrare il crollo di 5 ponti e la chiusura precauzionale di altri 2.

Per il superamento dell'emergenza il Governo ha nominato un Commissario Delegato nella figura del Presidente della regione Toscana Enrico Rossi

Anche il territorio dell'Isola d'Elba è stato interessato il 7 novembre 2011 da un eccezionale evento atmosferico che ha causato dissesti di versante ed esondazione di corsi d'acqua con allagamento di centri abitati, causando danni rilevanti agli edifici ,alle attività produttive ed alle infrastrutture. Anche in questa occasione il Governo ha delegato il Presidente Enrico Rossi Commissario per il superamento dell'emergenza.


 


Ultima modifica: 08/04/2014 13:40:41 - Id: 55800
  • Condividi
  • Condividi