Skip to Content skip-to-menu

Guida incentivi

In Primo Piano

La nuova edizione della Guida di orientamento agli incentivi per le imprese

Comunicazione del 3 aprile 2018. Pubblicati due nuovi supplementi, uno su "Criteri ambientali minimi ed economia", l'altro su aiuti alle pubbliche amministrazioni per rimozione e smaltimento...

Agevolazioni fiscali per sostenere la cultura e il paesaggio in Toscana

La LR 18/2017, che ha abrogato e sostituito la LR 45/2012, prevede agevolazioni fiscali per imprese, liberi professionisti, fondazioni (comprese le fonazioni bancarie) che contribuiscano alla...

Fondo start up nell'internazionalizzazione

Fondo start up nell'internazionalizzazione

Sostegno alla penetrazione commerciale nei mercati extra-europei


Finalità. Realizzare interventi - a condizioni di mercato - per favorire la fase di avvio di progetti di internazionalizzazione promossi in Paesi extra UE da parte di singole PMI nazionali o da loro raggruppamenti.

Tipo di agevolazione: partecipazione al capitale

Beneficiari. PMI, in forma singola o associata.
Per poter accedere, le PMI che promuovono il progetto di internazionalizzazione dovranno dar vita ad una nuova società cui sarà affidata la realizzazione del progetto.
La PMI che realizzerà il progetto di internazionalizzazione, deve essere costituita da non prima di 18 mesi dalla presentazione della domanda di partecipazione al Fondo.

Progetti ammessi all'agevolazione
Progetti di internazionalizzazione in paesi extra UE.

Partecipazione al fondo
Il Fondo consente una partecipazione temporanea, di minoranza e a condizioni di mercato, al capitale sociale di nuove società italiane (o società costituite in paesi UE).
Caratteristiche della partecipazione al progetto: partecipazione temporanea, in ogni caso non superiore al 49% del capitale sociale della società destinataria; importo massimo di partecipazione non superiore ad € 200.000 per iniziativa; durata della partecipazione da 2 a 4 anni (fino ad un massimo di 6 anni, qualora lo richieda la specificità del progetto).
La remunerazione per la quota di partecipazione sottoscritta dal Fondo è rappresentata dai dividendi sugli utili maturati durante il periodo di partecipazione e dall'eventuale maggior valore derivante dalla cessione della quota di partecipazione al termine del periodo. È comunque prevista una remunerazione minima annua non inferiore al tasso base fissato dalla Commissione Europea di almeno 400 punti base: http://ec.europa.eu/competition/state_aid/legislation/reference_rates.html

Per approfondire
www.simest.it/page.php?id=45
www.simest.it/page.php?id=306
www.sviluppoeconomico.gov.it

Contatti. Soggetto gestore: SIMESt S.p.A

 


Ultima modifica: 28/11/2014 14:03:44 - Id: 1257270
  • Condividi
  • Condividi