Skip to Content skip-to-menu

Animali da compagnia

In Primo Piano

Viaggiare con gli animali

Regole e buone prassi su vari mezzi di trasporto e il passaporto europeo per l'espatrio

Tutela animali e controllo del randagismo

Sono più di seicentomila gli animali registrati nella banca dati animali d'affezione della Regione Toscana.

Fare il passaporto al proprio animale da compagnia

Fare il passaporto al proprio animale da compagnia

 

Il passaporto europeo è un documento unico per il turismo con i propri animali.
Consente viaggi e spostamenti in ambito comunitario di cani, gatti e furetti a seguito del proprietario o conduttore.
 

Requisiti minimi
Iscrizione all'anagrafe animali d'affezione della Regione Toscana, presenza di microchip sottocutaneo o tatuaggio leggibile, vaccinazione anti-rabbica in corso di validità (con vaccino registrato nella CE) effettuata su animali di almeno tre mesi e da più di 20gg. 

Dove si fa
Il passaporto è rilasciato dalle strutture dell'azienda sanitaria competente, ovvero in quella presso la quale l'animale è stato iscritto all'anagrafe.

Cosa occorre
Per ottenere il passaporto è necessario presentarsi con l'animale, il certificato di vaccinazione ed altre eventuali attestazioni sanitarie.

Dove è possibile viaggiare con il passaporto europeo
Il documento consente di viaggiare nei paesi dell'Unione europea e nei paesi terzi che ne riconoscano la validità (ad esempio Svizzera). I requisiti minimi (vaccinazione anti-rabbica in corso di validità) consentono viaggi nella Ue continentale.

Viaggi fuori Comunità Europea
Qualora si intenda portare il proprio animale da compagnia fuori dalla CE si tenga presente che le condizioni sanitarie per le introduzioni di animali al seguito in paesi terzi (cioè non facenti parte dell'Unione Europea) sono stabilite dal paese terzo stesso, pertanto, si consiglia di contattare l'ambasciata del paese terzo in Italia o direttamente l'autorità del paese verso cui si intende andare.
Qualora in molti casi sia sufficiente un certificato di buona salute (rilasciato da un veterinario ufficiale o nel caso degli USA anche un veterinario abilitato) e l'attestazione della vaccinazione anti-rabica fatta da almeno 30gg e non più di un anno. E' utile ricordare che in alcuni paesi terzi ci sono leggi molto severe che prevedono che l'animale venga messo in quarantena in una struttura sanitaria e quindi separato dal proprio padrone anche per lunghi periodi, oppure che vengano fatti particolari esami prima della partenza ed effettuata una richiesta di ingresso.
Si consiglia pertanto di acquisire ogni utile informazione con molto anticipo.

Validità
Il documento non scade, la validità è riferita alla scadenza delle attestazioni sanitarie. L'avvenuta vaccinazione può essere certificata sul passaporto da un veterinario autorizzato, la validità del vaccino è quella riportata dalla ditta che ha registrato il prodotto nella CE.

Il titolo AC per la rabbia è sempre valido purché non si faccia mai scadere la vaccinazione.
 


Ultima modifica: 04/04/2018 17:56:55 - Id: 49762