Skip to Content skip-to-menu

Energia

In Primo Piano

Certificazione energetica in Toscana

Certificazione energetica degli edifici: ecco le regole vigenti in Toscana

Piano ambientale ed energetico

Il Paer è lo strumento per la programmazione ambientale ed energetica.

Conferenze dei Servizi

Pubblicati qui gli ultimi avvisi di convocazione

Controlli sugli impianti termici

Gli "impianti termici" sono gli impianti per il riscaldamento o il condizionamento dei nostri immobili

Faq: i controlli di efficienza energetica sugli impianti termici in Toscana

Faq: i controlli di efficienza energetica sugli impianti termici in Toscana

Ultimo aggiornamento: 1 gennaio 2017

I controlli sugli impianti termici per la climatizzazione invernale ed estiva degli edifici e per la preparazione dell'acqua per usi igienici e sanitari sono disciplinati a livello nazionale dal D.lgs. 192/2005 e, in particolare, dal D.P.R. 74/2013 (che ha stabilito i criteri generali in materia di esercizio, conduzione, controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici).
Per gli stessi impianti termici, se superiori alle soglie di potenza specificate alla faq 7, si eseguono anche controlli di efficienza energetica periodici.
Allo scopo di uniformare tali procedure sul territorio la Regione Toscana ha emanato una propria disciplina sul tema:
- il DPGR 3 marzo 2015, n. 25/R "Regolamento di attuazione dell'articolo 23 sexies della legge regionale 24 febbraio 2005, n. 39 (Disposizioni in materia di energia). Esercizio, controllo, manutenzione ed ispezione degli impianti termici"
- le "Linee guida regionali sui controlli degli impianti termici" DGR 19 gennaio 2016, n. 11
- L.R. 85/2016 "Disposizioni per l'esercizio delle funzioni regionali in materia di uso razionale dell'energia. Modifiche alle leggi regionali 39/2005, 87/2009 e 22/2015"
- la Delibera di Giunta Regionale 27/12/2016, n.1402 "Legge Regionale 85/2016 ‘Disposizioni per l'esercizio delle funzioni regionali in materia di uso razionale dell'energia. Modifiche alle leggi regionali 39/2005, 87/2009 e 22/2015': disposizioni di prima applicazione"
- decreto dirigenziale n. 14115 del 19/12/2016 - modello di rapporto di controllo di efficienza energetica – Tipo 1B (gruppi termici a biomassa solida)
- decreto dirigenziale n. 14106 del 19/12/2016 - modello di rapporto di ispezione – generatori a fiamma
Di seguito si riportano risposte a come tali attività sono regolate in Toscana.
[Le risposte succitate utilizzano e citano, rapportandole alla regolamentazione toscana, l'importante lavoro sulle faq in materia prodotto dal Ministero dello sviluppo economico, dalla Regione Piemonte, dal CTI ]


 

Cosa si intende per "impianti termici"
1. Cosa si intende per "impianto termico"
Il decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192 e ss.mm.ii. (di seguito d.lgs. 192/2005), sulla prestazione energetica degli edifici e degli impianti in essi installati, regolamenta per gli stessi fini di efficienza energetica anche l'esercizio, il controllo, la manutenzione e le ispezioni degli impianti termici.
La definizione di "impianto termico" del d.lgs. 192/2005 (art. 2, comma 1, l-tricies), nella versione introdotta dalla legge n. 90/2013, recita:
l-tricies "impianto termico": impianto tecnologico destinato ai servizi di climatizzazione invernale o estiva degli ambienti, con o senza produzione di acqua calda sanitaria, indipendentemente dal vettore energetico utilizzato, comprendente eventuali sistemi di produzione, distribuzione e utilizzazione del calore nonché gli organi di regolarizzazione e controllo. Sono compresi negli impianti termici gli impianti individuali di riscaldamento. Non sono considerati impianti termici apparecchi quali: stufe, caminetti, apparecchi di riscaldamento localizzato ad energia radiante; tali apparecchi, se fissi, sono tuttavia assimilati agli impianti termici quando la somma delle potenze nominali del focolare degli apparecchi al servizio della singola unità immobiliare e' maggiore o uguale a 5 kW. Non sono considerati impianti termici i sistemi dedicati esclusivamente alla produzione di acqua calda sanitaria al servizio di singole unità immobiliari ad uso residenziale ed assimilate."

Quindi si tratta degli impianti di climatizzazione invernale o estiva (costituiti da apparecchi, dispositivi e sottosistemi) installati in modo fisso.
Sono esclusi solo gli apparecchi di climatizzazione quali: stufe, caminetti, apparecchi di riscaldamento localizzato ad energia radiante; ma se la somma delle potenze nominali del focolare degli apparecchi (fissi) al servizio della singola unità immobiliare è maggiore o uguale a 5 kW anche questi sono considerati impianti termici.

2. E gli impianti che producono esclusivamente acqua calda sanitaria? Rientrano negli impianti termici?
Bisogna vedere che tipo di immobili servono:
a) Dalla faq MISE-1: "Non sono impianti termici i sistemi dedicati esclusivamente alla produzione di acqua calda sanitaria al servizio di singole unità immobiliari ad uso residenziale ed assimilate. Tra le singole unità immobiliari ad uso residenziale ed assimilate sono da intendersi comprese anche:

  • gli edifici residenziali monofamiliare

  • le singole unità immobiliari utilizzate come sedi di attività professionali (ad esempio studio medico o legale) o commerciale (ad esempio agenzia di assicurazioni) o associativa (ad esempio sindacato, patronato) che prevedono un uso di acqua calda sanitaria comparabile a quello tipico di una destinazione puramente residenziale"

b) altrimenti, se servono altre tipologie di immobili sono assimilati agli impianti di climatizzazione.

3. E gli impianti che servono, oltre che per la climatizzazione e la produzione di acqua calda sanitaria, anche per processi produttivi?
Il d.lgs. 192/2005 (art.3 comma 3) esclude dalla sua applicazione: "gli edifici industriali e artigianali quando gli ambienti sono riscaldati per esigenze del processo produttivo o utilizzando reflui energetici del processo produttivo non altrimenti utilizzabili".
Il MISE precisa che (faq MISE-1) "Sono assimilati agli impianti termici quegli impianti ad uso promiscuo nei quali la potenza utile dedicata alla climatizzazione degli ambienti sia superiore a quella dedicata alle esigenze tecnologiche e/o a fini produttivi".

Chi sono i "responsabili di impianto"
4. Chi è il responsabile dell'impianto termico
L'Allegato A al d.lgs. 192/05 definisce il responsabile dell'impianto termico come "l'occupante, a qualsiasi titolo, in caso di singole unità immobiliari residenziali; il proprietario, in caso di singole unità immobiliari residenziali non locate; l'amministratore, in caso di edifici dotati di impianti termici centralizzati amministrati in condominio; il proprietario o l'amministratore delegato in caso di edifici di proprietà di soggetti diversi dalle persone fisiche".

Il responsabile dell'impianto termico è quindi:

  • l'occupante, a qualsiasi titolo, in caso di singole unità immobiliari residenziali;

  • il proprietario, in caso di singole unità immobiliari residenziali non locate;

  • l'amministratore, in caso di edifici dotati di impianti termici centralizzati amministrati in condominio;

  • il proprietario o l'amministratore delegato in caso di edifici di proprietà di soggetti diversi dalle persone fisiche.

Secondo l'art. 6 del D.P.R. 74/2013 il responsabile succitato può assegnare con regolare contratto la responsabilità sull'impianto ad un tecnico che diventa così "terzo responsabile".
Dalla faq CTI 6:2015: "la nomina del terzo responsabile non è consentita nel caso di impianti autonomi a meno che il generatore di calore e/o di freddo non sia collocato in un locale tecnico ad uso esclusivo accessibile al solo terzo responsabile".

Chi sono i manutentori
5. Quali sono i requisiti che devono avere i manutentori degli impianti termici e come li devono dimostrare?
Si riporta quanto specificato nella faq MISE -9:
"Le operazioni di controllo e manutenzione dell'impianto devono essere eseguite da ditte abilitate ai sensi del decreto del Ministro dello sviluppo economico 22 gennaio 2008, n. 37 (D.M. 37/08), per le tipologie impiantistiche pertinenti.
Le tipologie impiantistiche riguardanti gli impianti termici degli edifici sono quelle previsti dalle lettere c) ed e) del suddetto D.M. 37/08. In particolare esse sono:
lettera c) impianti di riscaldamento, di climatizzazione, di condizionamento e di refrigerazione di qualsiasi natura o specie, comprese le opere di evacuazione dei prodotti della combustione e delle condense, e di ventilazione ed aerazione dei locali;
lettera e) impianti per la distribuzione e l'utilizzazione di gas di qualsiasi tipo, comprese le opere di evacuazione dei prodotti della combustione e ventilazione ed aerazione dei locali.
Nella maggior parte dei casi, impianti termici alimentati a gas, occorrono entrambe le abilitazioni che la ditta manutentrice dimostra attraverso un documento rilasciato dalla Camera di Commercio.
Nel caso di impianti con macchine frigorifere contenenti gas serra occorre, inoltre, che l'impresa sia inscritta al registro nazionale delle persone e delle imprese ai sensi del DPR 43/2012."

Quali controlli e manutenzioni per la sicurezza vanno effettuati e con che frequenza
6. Ai sensi dell'art. 7 del d.lgs. 192/05 il responsabile dell'impianto termico (o per esso il "terzo responsabile" laddove esistente) provvede affinché siano eseguite le operazioni di controllo e di manutenzione secondo le prescrizioni della normativa vigente.
Tali operazioni devono essere eseguite "conformemente alle prescrizioni e con la periodicità contenute nelle istruzioni tecniche per l'uso e la manutenzione" (art. 7 DPR 74/2013).

Secondo l'art. 7 del dpr statale spetta all'installatore rendere disponibile le "istruzioni tecniche per l'uso e la manutenzione". L'installatore deve dichiarare in forma scritta "e facendo riferimento alla documentazione tecnica del progettista dell'impianto o del fabbricante degli apparecchi… quali siano le operazioni di controllo e manutenzione di cui necessita l'impianto" e con quale frequenza queste operazioni vadano effettuate.

Per gli impianti già esistenti, qualora l'installatore non abbia fornito proprie istruzioni specifiche, o queste non siano più disponibili, la dichiarazione di cui sopra è scritta dal manutentore:
1) conformemente alle prescrizioni e con la periodicità contenute nelle istruzioni tecniche relative allo specifico apparecchio o dispositivo, parte dell'impianto, elaborate dal fabbricante ai sensi della normativa vigente;
2) per gli elementi d'impianto, apparecchi e dispositivi per i quali non siano disponibili né reperibili le istruzioni del fabbricante, secondo le prescrizioni e con la periodicità prevista dalle normative UNI e CEI per lo specifico elemento o tipo di apparecchio o dispositivo.

L'operatore incaricato del controllo e della manutenzione degli impianti termici esegue dette attività a regola d'arte. L'operatore, al termine delle medesime operazioni, redige e sottoscrive un rapporto di controllo tecnico in cui si dà conto di quanto fatto.


Quali controlli di efficienza energetica vanno effettuati
7. Su quali impianti si fanno i controlli di efficienza energetica?
I controlli di efficienza energetica sono obbligatori solo sugli impianti termici superiori a determinate potenze: per l'art. 8 del dpr statale si tratta degli impianti termici di climatizzazione invernale di potenza termica utile nominale a partire da 10 kW e sugli impianti di climatizzazione estiva di potenza termica utile nominale a partire da 12 kW.
Per verificare se si è sopra tali soglie e quindi soggetti a tali controlli, la faq MISE- 7 contiene due precisazioni importanti:
a) per le macchine frigorifere e/o pompe di calore, anche se utilizzate talvolta per riscaldare, vale la soglia dei 12 kW: sono obbligatori i controlli di efficienza energetica se la potenza utile della macchina in una delle modalità di utilizzo (climatizzazione invernale/estiva) è tale o superiore;
b) in caso di presenza di più macchine/generatori, per verificare se si supera le soglie di potenza che comportano gli obblighi relativi ai controlli di efficienza energetica, "la somma delle potenze va effettuata solo quando le macchine siano al servizio dello stesso sottosistema di distribuzione. Per i singoli apparecchi con potenza inferiore ai valori limite riportati sul suddetto allegato A [per i generatori a fiamma o alimentati da teleriscaldamento 10 kW – per le macchine frigorifere 12 kW – per gli impianti cogenerativi 50 kW elettrici] non si compilano, pertanto, i rapporti di controllo di efficienza energetica".
Quindi, per gli apparecchi dello stesso tipo collegati a uno stesso sottosistema di distribuzione va considerata la potenza nominale utile complessiva. Per gli apparecchi NON al servizio di uno stesso sottosistema di distribuzione bisogna considerare la potenza utile nominale dei singoli apparecchi, ed eseguire i controlli di efficienza energetica solo per i singoli apparecchi con potenze utili nominali a partire da 10 kW nel caso di stufe o caldaie (12 kW nel caso di macchine frigorifere/pompe calore ).

8. In che cosa consiste il controllo di efficienza energetica?
Secondo il DPR 74/2013 il controllo di efficienza energetica riguarda:
a) il sottosistema di generazione come definito nell'Allegato A del decreto legislativo;
b) la verifica della presenza e della funzionalità dei sistemi di regolazione della temperatura centrale e locale nei locali climatizzati;
c) la verifica della presenza e della funzionalità dei sistemi di trattamento dell'acqua, dove previsti.

Il controllo di efficienza energetica è svolto con i contenuti e le modalità dettagliate dai modelli di "rapporti di controllo di efficienza energetica" (RCEE), differenziati secondo le tipologie di impianto. Al 2017 in Toscana si utilizzano i seguenti modelli :
- RCEE Tipo 1 per le caldaie o stufe a combustibili gassosi o liquidi (approvato con il DM 10/02/2014 "Modelli di libretto di impianto per la climatizzazione e di rapporto di efficienza energetica di cui al decreto del Presidente della Repubblica n. 74/2013"),
- RCEE Tipo 1 B per le caldaie o stufe a biomassa solida come legna o pellet (approvato con il decreto regionale 19/12/2016 n. 14115).
- RCEE Tipo 2 per i condizionatori o comunque gli impianti a pompa di calore (approvato con il succitato DM 10/02/2014)
- RCEE Tipo 3 per gli impianti a teleriscaldamento (approvato con il succitato DM 10/02/2014)
- RCEE Tipo 4 per i cogeneratori, cioè gli impianti che producono anche energia elettrica (approvato con il succitato DM 10/02/2014).

Il manutentore scelto dal responsabile di impianto, una volta compilato il rapporto di efficienza energetica, lo inoltra all'amministrazione compente (vedi faq 10) completo degli estremi del pagamento del contributo denominato "bollino". Infatti con queste risorse l'Amministrazione dovrà verificare il contenuto degli RCEE pervenuti, impartire eventuali prescrizioni, procedere ad ispezioni sul campo per quanto necessario.

In che occasioni vanno effettuati i controlli di efficienza energetica
9. Per gli impianti termici specificati alla faq 7 si eseguono i controlli di efficienza energetica in caso di:
- prima messa in esercizio dell'impianto, a cura dell'installatore;
- sostituzione degli apparecchi del sottosistema di generazione, quali il generatore di calore;
- interventi che non rientrino tra quelli periodici, ma tali da poter modificare l'efficienza energetica.

Per gli stessi impianti termici specificati alla faq 7 si eseguono anche controlli di efficienza energetica periodici, successivi a quelli indicati sopra.
Dal 1 gennaio 2017 le periodicità in tutta la Toscana sono quelle definite dal Regolamento regionale 25/2015 come modificate dalla LR 85/2016:
 

Tipologia impianto

Alimentazione

Potenza[1] in kW

Anno civile entro il quale si deve svolgere il controllo di efficienza energetica, a far data dal precedente

Impianti con generatore di calore a fiamma

Generatori alimentati a combustibile liquido o solido

10<P[2] 100

P >100

Generatori alimentati a gas, metano o GPL

10<P 100

- 4° dal controllo di "prima accensione"
- 2° per gli altri successivi controlli [3]

P >100

Impianti con macchine frigorifere/pompe di calore

Macchine frigorifere e/o pompe di calore a compressione di vapore ad azionamento elettrico e macchine frigorifere e/o pompe di calore ad assorbimento a fiamma diretta

12<P100

P >100

Pompe di calore a compressione di vapore azionate da motore endotermico

P >12

Pompe di calore ad assorbimento alimentate con energia termica

P >12

Impianti alimentati da teleriscaldamento

Sottostazione di scambio termico da rete ad utenza

P >10

Impianti cogenerativi

Microcogenerazione

Pel[4] <50

Unità cogenerative

Pel≥50

NOTE:
1 Ci si riferisce alla potenza utile nominale complessiva dei generatori e delle macchine frigorifere che servono uno stesso impianto (con un unico sistema di distribuzione/controllo)
2 P = Potenza termica utile nominale

3 Attenzione: termine cambiato rispetto al 2016
4 Pel = Potenza elettrica nominale
 

Per verificare a quale intervallo di potenza appartiene il proprio impianto e quindi individuare la periodicità con cui eseguire i controlli di efficienza energetica bisogna tenere conto di quanto specificato alla faq 7:
- per gli apparecchi collegati a uno stesso sottosistema di distribuzione (o controllo) va considerata la potenza nominale utile complessiva;
- per gli apparecchi NON al servizio di uno stesso sottosistema di distribuzione bisogna considerare la potenza utile nominale dei singoli apparecchi, ed eseguire i controlli di efficienza energetica solo per i singoli apparecchi con potenze utili nominali superiori alla soglia di potenza indicata in tabella: 10 kW per le stufe o caldaie (12 kW nel caso di macchine frigorifere/pompe calore).

Quali sono gli enti competenti per i controlli di efficienza energetica
10. Dal 1° gennaio 2017 la Regione Toscana riassume tutte le competenze degli enti locali – con eccezioni per il comune di Firenze e il Comune di Grosseto - in materia di controlli di efficienza energetica.
Il Comune di Firenze continua fino al 31/12/2018 a operare attraverso una società esterna scelta con gara.
Il Comune di Grosseto riprende tale attività dal 11/03/2017 (data di entrata in vigore della LR 8/2017) fino al 31/12/2017.
Per tutti gli altri territori, nelle more della formazione di una agenzia unica regionale, ogni ambito comunale ha una agenzia regionale di riferimento: vedi sotto.
 

Ambiti territoriali dei comuni con più di 40.000 abitanti

Ambiti territoriali provinciali (esclusi gli ambiti dei comuni con più di 40.000 abitanti)

Società

Sito

Arezzo

ambito provinciale di Arezzo

Artel energia srl

www.lamicaldaia.it

(per la città di Firenze vedi il Comune di Firenze)

ambito Città Metropolitana di Firenze

Agenzia fiorentina per l'energia srl

vedi
Agenzia Fiorentina per l'Energia

Prato, Campi Bisenzio, Scandicci, Sesto Fiorentino Empoli

ambito provinciale di Prato

PubliES srl

vedi
www.publiesenergiasicura.it

Pistoia

ambito provinciale di Pistoia

Publicontrolli srl

vedi
Agenzia Publicontrolli

Capannori, Lucca, Viareggio, Massa,

ambito provinciale di Lucca,

Sevas srl

vedi
Agenzia Sevas

Carrara

ambito provinciale di Massa – Carrara

Eams srl

vedi
www.eams.info

Pisa, Cascina

ambito provinciale di Pisa

Agenzia energetica provincia di pisa srl

vedi
Agenzia AEP

Livorno

ambito provinciale di Livorno

Energy Agency of Livorno Province srl

vedi
Agenzia Ealp

Siena

ambiti provinciali di Grosseto e Siena

Agenzia Provinciale per l'Energia, l'Ambiente e lo Sviluppo Sostenibile srl

vedi
Apea Siena

Grosseto

-------------

- Regione Toscana, dal 01/01/2017 al 10/03/2017

- Comune di Grosseto, dal 11/03/2017 al 31/12/2017

vedi
Controlli nel comune di Grosseto
 

Le modalità di invio del RCEE sono indicate da ogni Agenzia sul proprio sito.
Ogni Agenzia indica anche le modalità di pagamento all'Amministrazione dei contributi (bollini) che i privati cittadini versano all'amministrazione pubblica in occasione dei controlli di efficienza energetica sugli impianti del contributo (bollino) in occasione del RCEE.

Gli importi di tale contributo (bollino)dal 1 gennaio 2017 sono stati determinati con la delibera di Giunta Regionale n.1402 del 27/12/2016. Vedi sotto:

a) Impianti con generatore di calore a fiamma

1) Potenza nominale utile fino a 35 kw: euro 20,00

2) Potenza nominale utile superiore a 35 kw fino a 100 kw: euro 20,00

3) Potenza nominale utile superiore a 100 kw fino a 350 kw: euro 60,00

4) Potenza nominale utile superiore a 350 kw: euro 80,00

b) Impianti con macchine frigorifere/pompe di calore

1) Potenza nominale utile fino a 35 kw: euro 10,00

2) Potenza nominale utile superiore a 35 kw fino a 100 kw: euro 12,00

3) Potenza nominale utile superiore a 100 kw: euro 20,00

c) Impianti alimentati da teleriscaldamento

euro 10,00 per ogni 100 metri quadri o frazione superiore di superficie utile, come definita dall'allegato A al dlgs 192/2005.

d) Impianti cogenerativi

1) Potenza nominale utile fino a 100 kw: euro 15,00

2) Potenza nominale utile superiore a 100 kw fino a 350 kw: euro 20,00

3) Potenza nominale utile superiore a 350 kw: euro 30,00


 

 


Ultima modifica: 16/03/2017 13:43:26 - Id: 12452284
  • Condividi
  • Condividi