Skip to Content skip-to-menu

Energia

In Primo Piano

Certificazione energetica in Toscana

Certificazione energetica degli edifici: ecco le regole vigenti in Toscana

Piano ambientale ed energetico

Il Paer è lo strumento per la programmazione ambientale ed energetica.

Conferenze dei Servizi

Pubblicati qui gli ultimi avvisi di convocazione

Controlli sugli impianti termici

Gli "impianti termici" sono gli impianti per il riscaldamento o il condizionamento dei nostri immobili

Efficienza e risparmio

Efficienza e risparmio

Risparmiare energia significa spendere meno e ridurre l'impronta ecologica (cioè l'impatto sul mondo, il consumo di ambiente) di ognuno di noi. Risparmiare energia significa, in prospettiva, lasciare un mondo meno inquinato e quindi un po' più sano e pulito ai nostri figli e ai figli dei nostri figli. Si può dire cioè che il risparmio (energetico) fa bene al portafogli, ma soprattutto che fa bene alla salute. Cerchiamo allora di saperne di più.

Cos'è il risparmio energetico? Cosa è l'efficienza energetica?

Risparmiare energia è prima di tutto un fatto culturale: significa spendere meno e meglio, cercando di ridurre ogni inutile spreco, senza per questo diminuire la propria qualità della vita. Anzi, molto spesso accade proprio il contrario, perché riducendo l'impronta ecologica di ognuno di noi se ne guadagna in salute.
Tecnologie migliori, come ad esempio lampadine a risparmio energetico, e comportamenti migliori, come ad esempio spengere la luce quando si esce da una stanza, ci permettono, nella pratica, di ridurre il consumo di risorse energetiche e quindi di ambiente e di denaro, rendendo più pulito il primo e utilizzabili in altro modo il secondo.
Ecco due altri esempi di utilizzo razionale dell'energia: investendo per coibentare (cioè per isolare dal caldo e dal freddo) meglio la nostra casa si ottiene un minor consumo di combustibili, cioè il cosiddetto risparmio energetico passivo; oppure se installo sistemi di riscaldamento più efficienti (cioè che producono lo stesso calore consumando meno combustibile) o se installo un pannello fotovoltaico, che genera energia elettrica, ottengo il cosiddetto risparmio energetico attivo, con ancora una volta una riduzione del mio consumo.
Il modo migliore per risparmiare energia è migliorare l'efficienza energetica delle tecnologie che usiamo, delle nostre case, delle nostre auto. L'efficienza energetica ad esempio di una casa, infatti, è la capacità di sfruttare bene l'energia ad essa fornita. Migliorando l'efficienza energetica di ciò che usiamo avremmo lo stesso confort, la stessa qualità di vita, con consumi nettamente inferiori.
Se poi vuoi calcolare, per esempio, i tuoi costi per i consumi di energia elettrica e soprattutto capire come e quanto potresti risparmiare con alcuni accorgimenti: utilizza il risparmiometro.

Perché è bene risparmiare energia?

Migliorare l'efficienza, detto in parole molto semplici, è utile soprattutto perché si risparmia. E non solo sui costi della bolletta, con benefici effetti sul portafoglio ma anche sui consumi delle materie prime. Questo è essenziale perché l'energia non è infinita. Perché l'energia in natura non si trova sempre immediatamente disponibile e per produrla consumiamo risorse che in natura esistono (carbone, gas, petrolio, ecc.) ma che non sono infinite. Oltretutto queste materie, che vengono bruciate per produrre l'energia che usiamo, sono piuttosto inquinanti. Perché ad oggi, anche se abbiamo fatto passi in avanti rispetto a pochi anni fa, non riusciamo a produrre in modo più pulito e rinnovabile tutta l'energia che ci serve. Infine perché risparmiare energia significa, in prospettiva, lasciarne un po' di più ai nostri figli e ai figli dei nostri figli.

Come posso risparmiare e migliorare la mia efficienza energetica?

Esistono due modi, entrambi importanti, per risparmiare energia:

  • intervenire su muri, finestre, pavimento, delle nostre abitazioni, oppure sul sistema di illuminazione, sulla classe degli elettrodomestici, e così via

Vedi la efficienza energetica delle abitazioni

  • tenere comunque un determinato comportamento, rivolto a consumare di meno e, quindi, spendere di meno per luce e gas e contribuire a ridurre a ridurre i consumi di energia e quindi anche le emissioni di gas serra e i prelievi delle fonti di energia

L'esempio più classico è la temperatura dell'appartamento, che può essere fissata tranquillamente intorno ai 19-20 gradi, perché non c'è alcun bisogno di tenere temperature da deserto anche d'inverno: un maglione in casa è sicuramente più salutare degli sbalzi di temperatura interno/esterno.

Ecco poche e semplici regole da seguire per rendere più efficiente la tua casa
1.   Non lasciare gli elettrodomestici in stand-by
2.   Usare lampadine a basso consumo
3.   Installare valvole termostatiche sui termosifoni
4.   Usare la lavatrice a temperature basse (40/60ºC)
5.   Usare la lavastoviglie solo a pieno carico
6.   Isolare dal caldo e dal freddo il cassonetto degli avvolgibili
7.   Non utilizzare l'asciugatura ad aria calda nella lavastoviglie
8.   Sostituire gli elettrodomestici vecchi con nuovi elettrodomestici più efficienti
9.   Sostituire lo scaldabagno elettrico con uno a gas
10. Scegliere una caldaia più efficiente
11. D'inverno tenere in casa una temperatura di 19-20º C
12. D'estate ridurre l'uso del condizionatore in casa

Per saperne di più: altri consigli utili

Energeticamente efficienti… anche in auto

Molte famiglie possiedono almeno un auto. Alcune addirittura due o tre. In auto passiamo una parte della nostra vita, in auto percorriamo molti chilometri ogni anno, consumando benzina o gasolio, cioè fonti di energia non rinnovabili e inquinanti. Aumentare la propria efficienza in auto e quella dell'auto stessa, è quindi molto importante. Ecco quindi 10 consigli utili per essere, anche in auto, energeticamente efficienti risparmiando consumi e denaro.

1.   Mantenere una velocità moderata in autostrada
2.   Mantenere un'andatura regolare in città
3.   Utilizzare le marce alte (quarta e quinta) appena possibile
4.   Evitare di riscaldare il motore a veicolo fermo
5.   Usare correttamente l'aria condizionata (meglio non usarla!)
6.   Controllare la pressione dei pneumatici almeno una volta al mese
7.   Scegliere pneumatici "Fuel Saver"
8.   Scegliere lubrificanti "Fuel Economy"
9.   Non utilizzare accessori che penalizzano l'aerodinamicità dell'auto
10. Evitare carichi superflui
Un'ultima, ma non meno importante, raccomandazione: se avete modo di fare un investimento, trasformate la propria auto a metano o, quando è il momento di sostituirla, acquistarne una già alimentata a metano.

Un'ultima, ma non meno importante, raccomandazione: se avete modo di fare un investimento, trasformate la propria auto a metano o, quando è il momento di sostituirla, acquistarne una già alimentata a metano.

Posso fare ancora qualcosa?

Puoi evitare di utilizzare imballaggi inutili (per esempio puoi non usare shopper in plastica, ma borse riutilizzabili in tela) e puoi evitare di acquistare prodotti con imballaggi inutili. L'esempio classico è il dentifricio: a cosa serve la scatoletta di cartone? Un altro esempio è l'acqua minerale in bottiglia: perché non bere quella del rubinetto, magari filtrata se non ha un buonissimo sapore?
La domanda spontanea è: cosa c'entrano gli imballaggi con il risparmio energetico? Semplice: ogni oggetto che utilizziamo viene prodotto utilizzando energia. Ridurre gli imballaggi significa quindi risparmiare energia e materie prime. Chiaro, no?


Ultima modifica: 10/12/2014 16:07:05 - Id: 258275
  • Condividi
  • Condividi