Skip to Content skip-to-menu

Ospedale

In Primo Piano

Ricoverarsi in ospedale

Day hospital, ricovero ordinario e la lungodegenza riabilitativa: cosa sono e come avviene la dimissione.

Ospedale senza dolore

Cos'è l'ospedale senza dolore e come funziona. Il progetto toscano.

Cure ospedaliere

Cure ospedaliere

 

Il Programma nazionale esiti (PNE) 2012, curato, come ogni anno, dall'Agenas, l'Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali, pone la Toscana ai primi posti per qualità di cure ospedaliere.

Delle prestazioni valutate in 55 strutture sanitarie:

  • 191, pari al 23,32 %  sono migliori della media - in blu nel grafico
  • 557, pari al 68,01% sono nella media  - in grigio nel grafico
  • 71, pari al 8,67% sono peggiori della media - in rosso nel grafico

La percentuale delle strutture toscane con prestazioni migliori della media - 23,32% - è la più alta tra tutte le regioni.
Le strutture sanitarie sono state valutate sulla base di 39 indicatori

Percentuale indicatori per Regioni

Le performance della sanità toscana 

Area clinica cardiovascolare
Bassissima la mortalità a 30 giorni per bypass aortocoronarico a Careggi (1,1%).
La mortalità a 30 giorni dal ricovero per infarto miocardico acuto senza esecuzione di agioplastica coronarica (PTCA) è inferiore alla media in quattro strutture e nella media in tutte le altre.
Rientrano tutte nella media le prestazioni di riparazione di aneurisma non rotto dell'aorta addominale.
Le situazioni di criticità: la mortalità a 30 giorni dal ricovero per infarto miocardico acuto per gli ospedali riuniti della Valdichiana; la mortalità a 30 giorni per bypass aortocoronarico dell'azienda ospedaliero-universitaria pisana; la mortalità a 30 giorni dal ricovero per scompenso cardiaco all'ospedale di Pistoia.
Info: i dati struttura per struttura 

Area clinica cerebrovascolare
Tutte le strutture considerate sono migliori o nella media (aree blu e grigia).
Info: i dati struttura per struttura

Area chirurgica
E' ottima per gran parte delle strutture la prestazione di intervento chirurgico entro 2 giorni per la frattura del collo del femore. Era uno dei bersagli indicati dal Laboratorio di Management e Sanità, MeS, e tutti gli ospedali sono migliorati per questa performance.
Molto buoni anche per tutte le strutture considerate i tempi di attesa per l'intervento chirurgico per la frattura della tibia/perone (da 2 a 5 giorni).

In area rossa, peggiori della media, il secondo intervento a 30 giorni di colecistectomia laparoscopica all'ospedale Misericordia di Grosseto; la mortalità a 30 giorni per frattura del collo del femore all'ospedale di Livorno; la mortalità a 30 giorni per intervento chirugico per tumore allo stomaco, al Santa Maria Annunziata a Ponte a Niccheri, Firenze, agli ospedali riuniti della Valdichiana e al Misericordia e Dolce di Prato.
Info: i dati struttura per struttura

Tassi di "deospedalizzazione" - Il territorio cura
Sono tutte al di sopra della media le prestazioni di ospedalizzazione per scompenso cardiaco.
L'ospedalizzazione per gastroenterite pediatrica era un bersaglio indicato dal Mes, e tutte le aziende sono migliorate, risultando tutte al di sopra della media.

 

 

 


Ultima modifica: 13/02/2014 15:04:31 - Id: 5279559