Skip to Content skip-to-menu

Beni architettonici

In Primo Piano

Giardini e ville della Toscana

Un panorama su oltre 160 giardini aperti al pubblico

Ville e Giardini medicei in Toscana

Catalogo e video delle ville e dei giardini in Toscana

SSS - Suono Studio Savioli

La sonorizzazione dello studio per un'esperienza percettiva dello spazio architettonico. Dal 7 al 10 dicembre 2017, Studio Savioli Galluzzo

I luoghi della Fede in Toscana

Conoscenza, difesa e valorizzazione del patrimonio storico religioso della Toscana

Casa Barret Browning Firenze

Casa Barret Browning Firenze

Robert Browning ed Elizabeth Barrett si sposarono clandestinamente nel 1847, per l'opposizione del padre di lei. Giunsero a Firenze, quando lei era già una poetessa affermata, mentre il marito, di alcuni anni più giovane, era ancora poco noto. Erano attratti dalla storia passata della città, ma anche dalla lotta per l'indipendenza italiana.
Rimasero a Firenze per quattordici anni, fino alla morte di Elizabeth e si inserirono perfettamente nella folta colonia inglese, che qui allora risiedeva, e anche fecero amicizia con molti italiani famosi.
Elizabeth morì nel 1861 e fu sepolta nel cimitero inglese della città, che le dedicò una lapide in cui la sua poesia viene definita un anello d'oro che congiunge l'Italia e l'Inghilterra.
La casa di Piazza San Felice fu battezzata dalla stessa scrittrice Casa Guidi per dare l'idea di una residenza familiare. I Browning acquistarono a caro prezzo alcuni pezzi pregiati, ma la gran parte dei quadri e dei mobili fu acquistata presso i rigattieri fiorentini. L'arredamento era considerato semplice e funzionale. Il Landmark Trust e Eton College, proprietari della casa, hanno cercato di mantenere l'atmosfera originale, evitando che l'appartamento assumesse l'aspetto di un museo. Alcuni mobili provengono dalla famiglia Barrett, altri dalla famiglia Browning, ma l'insieme dell' appartamento rimane come nell'Ottocento; per esempio tutte le porte ed i caminetti sono quelli originari, mentre alcuni soffitti sono stati restaurati.

Ultima modifica: 13/12/2012 02:15:38 - Id: 276404