Skip to Content skip-to-menu

Eventi culturali

In Primo Piano

Weekend in musica. L'aria dei luoghi insoliti

Calendario delle visite guidate e dei concerti gratuiti nei palazzi storici della Regione Toscana

@Trazione Cultura, orizzonti ed economia della cultura

Ospite speciale Neri Marcorè. A Fiesole, venerdì 9 novembre

Albert Camus, solitario solidale

Archivio

Albert Camus, solitario solidale

In occasione del centenario della nascita 26 e 27 settembre 2013, Firenze
Albert Camus
Albert Camus

A cura di Sandra Teroni

Giovedì 26 settembre
Sulle tracce di Albert Camus

Ore 17 - Istituto Italiano di Scienze Umane, Palazzo Strozzi, sala "l'Altana"
Saluti:
Cristina Scaletti, Assessore alla Cultura e Turismo della Regione Toscana.
Sergio Givone, Assessore alla Cultura del Comune di Firenze.
Éric Tallon, Consigliere culturale dell'Ambasciata di Francia in Italia e direttore dell'Institut français Italia.

Valerio Magrelli. Lo straniero
Sergio Givone. Firenze, l'esperienza del deserto
Italo Dall'Orto. Lettura da Il deserto
Coordinano Nadia Fusini e Sandra Teroni

Ore 21 - Cinema Odeon, Piazza Strozzi
Incontro con Gianni Amelio
A seguire, ore 21.30
Il primo uomo (Italia/Francia/Algeria 2011).
Regia di Gianni Amelio. Versione italiana.
_____________________________________________________

Venerdì 27 settembre 2013
Albert Camus vivant


Ore 11 - Piazza Pitti
Dal Giardino di Boboli verso Forte Belvedere. Percorso camusiano

Ore 17 - Institut français Firenze,
Piazza Ognissanti 2
Maïssa Bey. Camus, un français d'Algérie
Sandra Teroni. Con e contro Sartre
Benjamin Stora. Les héritages de Camus
Coordina Laura Barile

Ore 21 - Institut français Firenze,
Piazza Ognissanti 2
Lo straniero (Italia 1967).
Regia di Luchino Visconti.
Con Marcello Mastroianni e Anna Karina.
Ingresso libero

Info Institut français Firenze:
institutfrancais-firenze.com - T 055 2718801
quellidellacompagnia.it

"Firenze! Uno dei pochi luoghi d'Europa in cui ho capito che nel cuore della mia rivolta dormiva un consenso. Nel suo cielo misto di lacrime e di sole imparavo a dir sì alla terra e ad ardere nella fiamma cupa delle sue feste. Provavo ma quale parola? Quale dismisura? Come consacrare l'accordo dell'amore e della rivolta? La terra! In questo grande tempio disertato dagli dei, tutti i miei idoli hanno piedi d'argilla."


Ultima modifica: 04/10/2013 15:07:53 - Id: 4010637