Skip to Content skip-to-menu

Paesaggio

In Primo Piano

Agevolazioni fiscali per sostenere la cultura e il paesaggio in toscana

La LR 18/2017, che ha abrogato e sostituito la LR 45/2012, prevede agevolazioni fiscali per imprese, liberi professionisti, fondazioni (comprese le fonazioni bancarie) che contribuiscano alla...

Piano di indirizzo territoriale con valenza di piano paesaggistico

Avviso di approvazione dell'integrazione del piano di indirizzo territoriale (PIT) con valenza di piano paesaggistico.

Carta dei vincoli. Il sistema informativo territoriale

Il progetto del Sistema informativo territoriale per i beni culturali e paesaggistici della Regione

Il governo del territorio (Legge regionale 65/2014)

Pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione n. 53, parte prima, del 12 novembre 2014

Commissione Regionale per il Paesaggio

Art. 137 D.Lgs 42/2004 e LR 26/2012 e s.m.i.

Garante regionale dell'informazione e della partecipazione

Aassicura l'informazione e la partecipazione dei cittadini nella formazione degli atti di governo

2. Disciplina di piano

Piano di indirizzo territoriale della Toscana

2. Disciplina di piano

sommario

Titolo 1 – Natura e articolazione della disciplina del Piano di indirizzo territoriale p.4
  • Articolo 1 – Natura della disciplina del Piano di indirizzo territoriale p.4
  • Articolo 2 – Articolazione della disciplina del Piano di indirizzo territoriale e suoi elaborati p.4
Titolo 2 – Statuto del territorio toscano p.6
  • Articolo 3 – I sistemi che definiscono la struttura del territorio toscano e le sue funzionalità p.6
  • Articolo 4 – La "città policentrica toscana" quale invariante strutturale dello Statuto. Definizione tematica p.7
  • Articolo 5 - La "città policentrica toscana" come agenda per l'applicazione dello statuto del territorio toscano. Direttive per potenziare l'accoglienza della "città toscana" mediante moderne e dinamiche modalità dell'offerta di residenza urbana p.7
  • Articolo 6 - Prescrizioni correlate p.8
  • Articolo 7 - La "città policentrica toscana" come agenda per l'applicazione dello statuto del territorio toscano. Direttive per dotare la "città toscana" della capacità di offrire accoglienza organizzata e di qualità per l'alta formazione e la ricerca p.8
  • Articolo 8 - La "città policentrica toscana" come agenda per l'applicazione dello statuto del
  • territorio toscano. Direttive per la mobilità intra e inter-regionale p.9
  • Articolo 9 - Prescrizioni correlate p.9
  • Articolo 10 - La "città policentrica toscana" come agenda per l'applicazione dello statuto del territorio toscano. Direttive per sostenere la qualità della e nella "città toscana" p.12
  • Articolo 11 - La "città policentrica toscana" come agenda per l'applicazione dello statuto del territorio toscano. Direttive per la governance integrata su scala regionale p.13
  • Articolo 12 - Prescrizioni correlate p.13
  • Articolo 13 – La "città policentrica toscana" e il turismo. Prescrizioni p.13
  • Articolo 14 – La "città policentrica toscana" e il commercio. Direttive p.14
  • Articolo 15 – La "città policentrica toscana" e il commercio. Prescrizioni correlate p.15
  • Articolo 16 – La "città policentrica toscana. La regolazione degli orari p.15
  • Articolo 17 – La presenza "industriale" in Toscana quale invariante strutturale dello Statuto. Definizione tematica p.15
  • Articolo 18 – La presenza "industriale" in Toscana come agenda per l'applicazione dello statuto del territorio toscano. Direttive per il suo sviluppo e il suo consolidamento p.16
  • Articolo 19 – Prescrizioni correlate p.17
  • Articolo 20 – Il patrimonio "collinare" della Toscana quale invariante strutturale dello Statuto. Definizione tematica p.17
  • Articolo 21 – Il patrimonio "collinare" della Toscana come agenda per l'applicazione dello statuto del territorio toscano. Direttive ai fini della conservazione attiva del suo valore p.18
  • Articolo 22 – Il patrimonio "collinare" della Toscana come agenda per l'applicazione dello statuto del territorio toscano. Direttive ai fini della conservazione attiva delle risorse agroambientali e di quelle paesaggistiche, oltre che sociali ed economiche, della Toscana rurale p.19
  • Articolo 23  Prescrizioni correlate p.20
  • Articolo 24 – Il patrimonio "collinare" della Toscana come agenda per l'applicazione dello statuto del territorio toscano. Direttive p.21
  • Articolo 25 - Prescrizioni correlate p.21
  • Articolo 26 – Il patrimonio "costiero, insulare e marino" della Toscana quale invariante strutturale dello Statuto. Definizione tematica p.21
  • Articolo 27 – Il patrimonio "costiero insulare e marino" della Toscana come agenda per l'applicazione dello statuto del territorio toscano. Direttive ai fini della conservazione attiva del suo valore p.22
  • Articolo 28 – Prescrizioni p.23
  • Articolo 29 – Le infrastrutture di interesse unitario regionale quale invariante strutturale dello Statuto. Definizione tematica p.24
  • Articolo 30 – Le infrastrutture di interesse unitario regionale come agenda per l'applicazione dello statuto del territorio toscano. Direttive correlate p.24
  • Articolo 31 – I beni paesaggistici di interesse unitario regionale quale invariante strutturale dello Statuto. Definizione tematica p.25
  • Articolo 32 - – I beni paesaggistici di interesse unitario regionale. Direttive correlate p.27
  • Articolo 33 – I beni paesaggistici di interesse unitario regionale: progressiva implementazione della disciplina paesaggistica p.27
  • Articolo 34 – Prescrizioni correlate p.27
  • Articolo 35 – Lo Statuto del territorio toscano. Direttive generali p.28
  • Articolo 36 – Lo Statuto del territorio toscano. Misure generali di salvaguardia p.28
  • Articolo 37 – Normativa transitoria relativa alle direttive di urbanistica commerciale p.29
Titolo 3 – L'agenda strategica e l'efficacia effettuale del Piano di indirizzo territoriale. I sistemi funzionali e la valutazione p.29
  • Articolo 38 – Natura e funzionalità dell'agenda strategica del PIT p.29
  • Articolo 39 – La messa in opera delle opzioni statutarie e strategiche del Piano mediante la valutazione integrata e il monitoraggio degli effetti p.30

Ultima modifica: 09/01/2013 15:22:53 - Id: 73892