Salta al contenuto Salta al menu'

Paesaggio

In Primo Piano

Piano di indirizzo territoriale con valenza di piano paesaggistico

Avviso di approvazione dell'integrazione del piano di indirizzo territoriale (PIT) con valenza di piano paesaggistico.

Il governo del territorio (Legge regionale 65/2014)

Pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione n. 53, parte prima, del 12 novembre 2014

Garante regionale dell'informazione e della partecipazione

Aassicura l'informazione e la partecipazione dei cittadini nella formazione degli atti di governo

Dalla pianificazione alla gestione partecipata del paesaggio

26 Ottobre 2018. Educatorio Fuligno Via Faenza, 48 Firenze - Diretta streaming

Commissione Regionale per il Paesaggio

Art. 137 D.Lgs 42/2004 e LR 26/2012 e s.m.i.

GEOscopio

Il Geoportale GEOscopio è lo strumento webgis con cui è possibile visualizzare ed interrogare i dati geografici della Regione Toscana.
« Indietro

Bando per la concessione dei contributi regionali per la redazione dei piani strutturali intercomunali - Annualità 2018

Bando per la concessione dei contributi regionali per la redazione dei piani strutturali intercomunali - Annualità 2018


mercoledì, 09 maggio 2018 09:00
venerdì, 14 settembre 2018 23:59
Non specificato

Sono oggetto di contributo regionale le spese sostenute per la redazione dei piani strutturali intercomunali di cui agli articoli 23 e 24 della LR 65/2014 da due o più comuni riuniti in Unioni o Associazioni.

La finalità dei presenti finanziamenti è quella di incentivare la pianificazione di area vasta dando attuazione a quanto previsto nella LR 65/2014 agli articoli 23 e 24 sopra richiamati e nei relativi atti di programmazione sopra indicati.

 

INTEGRAZIONI

  • Decreto n. 13590 del 27/08/2018
    Bando per la concessione dei contributi regionali per la redazione dei Piani Strutturali Intercomunali art. 23 LR 65/2014 - Modifica decreto n. 6542/2018

 

Regione Toscana

Le proposte progettuali di piano strutturale intercomunale ammissibili a contributo avranno come
obiettivo:
- l'attuazione di azioni di programmazione e pianificazione di area vasta coerenti con le finalità della legge L.R. 65/2014 e del piano paesaggistico regionali, per lo sviluppo del territorio di ambito sovracomunale in termini di sostenibilità ambientale, infrastrutturale e socio economica;
- l'ottimizzazione del coordinamento tra diversi settori e tipologie di insediamento al fine di migliorare l'efficacia degli strumenti urbanistici locali operativi per la successiva attuazione di interventi nei diversi sistemi di tipo produttivo, culturale, abitativo, ambientale, logistico, paesaggistico e socio economico;
- la valorizzazione del territorio rurale, la tutela dei livelli di biodiversità esistenti, l'identità paesistica nel suo complesso oltre i singoli confini comunali limitando l'ulteriore consumo di suolo;
- la valorizzazione della gestione sostenibile delle risorse naturali e paesaggistiche dei territori di più comuni, dando priorità alla riqualificazione delle parti compromesse o degradate per un eventuale recupero e rigenerazione;
- l'equilibrio delle relazioni fra i diversi bisogni sociali, attività economiche e produttive, anche attraverso la minimizzazione degli impatti ambientali prodotti dalle attività economiche esistenti e di nuova previsione dell'ambito territoriale di riferimento.

Le proposte progettuali di piano strutturale intercomunale ammissibili a contributo dovranno attuare politiche e strategie di area vasta coerenti con il PIT vigente e con i PTC relativi, ed in particolare dovrà essere evidenziato il riferimento alla:
- razionalizzazione del sistema infrastrutturale e della mobilità, per l'accessibilità e l'intermodalità
delle aree coinvolte;
- attivazione di tutte le possibili sinergie per la valorizzazione ed il recupero dei sistemi insediativi
esistenti e previsti;
- razionalizzazione e riqualificazione del sistema artigianale ed industriale esistente;
- eventuali ipotesi di perequazione territoriale ai sensi dell'art.102 LR.65/2014.

Sono ammissibili solo le spese sostenute, calcolate nel rispetto del DM 17/6/2016, qualora ne ricorrano i presupposti, per la redazione dei piani strutturali intercomunali di cui agli articoli 23 e 24 LR 65/2014 ed in particolare dovranno essere relative a:
- attività di progettazione e redazione del P.S.I. ;
- azioni per la partecipazione e la comunicazione relative alle diverse fasi della P.S.I.;
- attività per l'espletamento del procedimento di V.A.S.;
- attività e consulenze attivate dall'Ufficio di Piano intercomunale quali ad esempio : eventuali consulenze esterne all'Ufficio di Piano necessarie per l'aggiornamento del Quadro conoscitivo intercomunale relative ad indagini sulla mobilità ed infrastrutture, sismiche, geologiche, idrauliche, agronomiche e forestali, storiche, culturali e paesaggistiche.

Per la Regione la struttura tecnica referente è la Direzione Urbanistica e Politiche Abitative – Settore Pianificazione del territorio.
Per l'ente richiedente il soggetto indicato nella domanda di richiesta di contributo come legale rappresentante dell'Unione/Associazione dei Comuni.


Ultima modifica: 07/09/2018 12:15:48 - Id: 14528636
  • Condividi
  • Condividi