Salta al contenuto Salta al menu'

Formazione

In Primo Piano

Catalogo dell'offerta formativa

Tutti i corsi di formazione a cui è possibile iscriversi sul territorio regionale

Esami di certificazione professioni: accesso dei candidati esterni

Disposizioni per la partecipazione di candidati esterni agli esami di certificazione dei percorsi di formazione per l'abilitazione a svolgere professioni normate da legge ...

La formazione risponde alle imprese

Le misure attive e quelle in corso di attivazione per la formazione

Voucher formativi individuali rivolti a imprenditori e liberi professionisti

Por Fse 2014-2020 - Strategia regionale Industria 4.0. - erogazione a sportello fino a esaurimento risorse
« Indietro

Apprendimento permanente

Apprendimento permanente

dall'educazione prescolare e dal diritto allo studio fino alla qualificazione e alla riqualificazione dei lavoratori e agli interventi per le competenze di base degli adulti

 

 

La Regione Toscana sostiene l'apprendimento lungo tutto l'arco della vita, dall'educazione prescolare e dal diritto allo studio fino alla qualificazione e alla riqualificazione dei lavoratori e agli interventi per le competenze di base degli adulti; lo sostiene in modo integrato, come ha previsto fin dal 2002 con la legge regionale 32, che promuove il diritto all'apprendimento permanente quale condizione per la libertà individuale e per la coesione sociale.

Le principali azioni regionali a sostegno delle competenze della popolazione adulta riguardano

  • La rete regionale per l'apprendimento permanente ►►
  • Il sistema regionale di individuazione, validazione e certificazione delle competenze ►►
  • L'istruzione e formazione professionale (IeFP) per gli adulti disoccupati ►►
  • L'istruzione e formazione professionale (IeFP) per gli adulti occupati ►►
  • Tirocini di reinserimento lavorativo ►►
  • TRIO: il sistema di web-learning della Regione Toscana ►►

 

Rete regionale per l'apprendimento permanente
E' operativa dal 2018 la rete regionale per l'apprendimento permanente, che vede la partecipazione, sancita da uno specifico Protocollo d'intesa, dell'Agenzia Regionale Toscana per l'Impiego (ARTI), di ANCI Toscana, dell'Ufficio Scolastico Regionale, della Rete toscana dei Centri Provinciali per l'Istruzione degli Adulti (CPIA) e di tutte le parti sociali: integrando l'azione dei diversi soggetti, istituzionali e non, la rete può garantire il pieno funzionamento del sistema regionale di individuazione, validazione e certificazione delle competenze e la sua effettiva spendibilità nel mercato del lavoro e mettere a disposizione anche degli adulti un'offerta di Istruzione e Formazione Professionale (IeFP), per l'acquisizione di una qualifica.

torna su

_______________________________________________________________________

Sistema regionale di individuazione, validazione e certificazione delle competenze
La Regione Toscana è tra le prime Regioni ad aver istituito un sistema di certificazione delle competenze, che permette, dal 2009, di rilasciare ai cittadini certificati di singole competenze (Unità di Competenza) o intere Figure professionali del Repertorio Regionale delle Figure Professionali, secondo una metodologia di progettazione formativa e assessment all'avanguardia, che ha ispirato l'attuale Sistema nazionale di certificazione, varato nel 2013. Attraverso i nuovi servizi di individuazione, validazione e certificazione delle competenze acquisite in ambito non formale e informale (quindi anche nella vita lavorativa, familiare e privata dell'individuo) sarà possibile veder certificate le proprie competenze, comunque acquisite. Un nuovo diritto, quindi, sarà esigibile e la Regione potrà valorizzare le competenze delle persone in cerca di lavoro e facilitare l'incontro tra domanda e offerta di lavoro

torna su

_______________________________________________________________________

Istruzione e formazione professionale (IeFP) per gli adulti disoccupati
La Regione sostiene percorsi di formazione per gli adulti, finalizzati al conseguimento di una qualifica.
Per gli adulti disoccupati, sono finanziati, per l'importo complessivo di 5 milioni di euro, percorsi formativi professionalizzanti e qualificanti, che prevedono

- il coinvolgimento dei Centri Provinciali per l'Istruzione degli Adulti (CPIA), il cui ruolo sarà quello di contribuire al successo formativo, operando didatticamente per il recupero dello svantaggio culturale dei destinatari con bassa scolarità, e colmando il divario tra gli ambiti generali del sapere e le competenze più direttamente spendibili nel lavoro;
- l'indicazione dei potenziali sbocchi occupazionali, correlati alla professionalità acquisibile con la formazione proposta e territorio individuato;
- l'individuazione delle aziende del territorio indicato nel progetto, che si rendono, in modo formale, disponibili ad accogliere i destinatari del percorso formativo in stage e ad effettuare le assunzioni con contratto a tempo determinato di almeno sei mesi, contratto a tempo indeterminato   e   contratto   di apprendistato.

torna su

_______________________________________________________________________

Istruzione e formazione professionale (IeFP) per gli adulti occupati
I percorsi formativi, finanziati dalla Regione e realizzati in dai Centri per l'Istruzione degli Adulti (CPIA), sono stati previsti nel 2018, nella prima fase di sperimentazione, nei territori della città metropolitana di Firenze, delle aree di crisi delle province di Massa Carrara e Livorno e dell'Amiata, per alcune figure professionali, preventivamente individuate da ciascun CPIA  sulla   base   delle   caratteristiche   del   mercato   del   lavoro   e   dei   profili   professionali maggiormente richiesti in ciascun territorio.
Nel 2019, l'offerta formativa sarà estesa a tutti i CPIA della Toscana.

torna su

_______________________________________________________________________

Tirocini di reinserimento lavorativo
Per le aree di crisi, la Regione sostiene, con un contributo regionale mensile di 500 euro (pari all'indennità minima di partecipazione prevista dalla normativa regionale), i tirocini di disoccupati non beneficiari di strumenti di sostegno al reddito, senza vincoli di età.
Sono ammessi, tra i soggetti ospitanti, anche gli enti pubblici.
I tirocinanti dovranno essere residenti o domiciliati in uno dei seguenti Comuni:

- Area di crisi complessa industriale di Piombino: Comuni di Piombino, Campiglia Marittima, San Vincenzo, Suvereto (polo siderurgico di Piombino) e Sassetta
- Aree di crisi interessate a Piani di reindustrializzazione: Comuni di Livorno, Collesalvetti e Rosignano Marittimo e Comuni della Provincia di Massa-Carrara
- Aree interessate a fenomeni crisi socio-economica (comprensorio dell'Amiata):  Abbadia San Salvatore, Castiglion D'Orcia, Piancastagnaio, Radicofani, San Quirico D'Orcia, Arcidosso, Castel del Piano, Castell'Azzara, Cinigiano, Roccalbegna, Santa Fiora, Seggiano, Semproniano

torna su

_______________________________________________________________________

TRIO: il sistema di web-learning della Regione Toscana
La formazione a distanza costituisce un'opportunità formativa che consente di personalizzare tempi e luoghi della formazione: TRIO, primo progetto in Europa per la formazione a distanza, è il sistema per l'apprendimento innovativo via web, con cui la Regione Toscana mette a disposizione prodotti e servizi formativi fruibili online in forma totalmente gratuita.
Sono oltre 1900 le risorse didattiche, che coprono 12 diverse macro-aree tematiche su argomenti trasversali o specialistici, sempre disponibili.  I corsi e-learning TRIO sono multimediali e interattivi; esercitazioni e simulazioni sono attive nei nuovi moduli didattici, pensati per una crescente interazione degli utenti, a cui è data la possibilità di collaborare attraverso webinar e laboratori didattici.

torna su


Ultima modifica: 15/04/2019 10:29:23 - Id: 16269194