Salta al contenuto Salta al menu'

Università e ricerca

In Primo Piano

La ricerca va in scena: politiche in azione

22 novembre 2017 - Teatro della Compagnia -Via Cavour 50/r- Firenze Sessione mattutina (9.15-13.00) Progetti innovativi: università, enti di ricerca e imprese a confronto ...

Por Fse 2014-2020, voucher per Master all'estero 2017-2018

Bando per laureati under 35. Importo voucher 14-17 mila euro. Domande entro il 21 novembre.
« Indietro

Voucher per dottorato di ricerca all'estero 2015-2016: cosa fare per l'erogazione

Programma operativo regionale (Por) del Fse 2014-2020

Voucher per dottorato di ricerca all'estero 2015-2016: cosa fare per l'erogazione

Se sei tra i vincitori del bando Por Fse 2014-2020 della Regione Toscana per voucher finalizzati alla frequenza di corsi di dottorato di ricerca all'estero, devi conoscere gli adempimenti e la documentazione da presentare previsti per ottenere l'erogazoione del tuo voucher. A indicarli è l'articolo 11 del bando stesso.


La Regione Toscana ricorda ai giovani vincitori del bando Por Fse per usufruire di voucher per la frequenza di un  corso di dottorato di ricerca all'estero, le modalità e gli adempimenti per l'erogazione del voucher così come indicate puntualmente dall'articolo 11 "Adempimenti  gestionali dei  destinatari  del  voucher  e  modalità  erogazione del voucher" del bando (approvato con decreto dirigenziale n. 6307/15 e succesisve modifiche, graduatorie approvate il 6 giugno 2016 con decreto dirigenziale n. 3870 del 6 giugno 2016

L'articolo 11 del bando indica la documentazione che il titolare (beneficiario) del voucher deve conseguire, preparare e presentare. In particolare descrive: l'atto unilaterale di impegno (già presentato con la domanda di voucher), le modalità di erogazione del voucher (che possono essere in unica soluzione al termine dell' attività formativa, o in due tranche, in base alla scelta effettuata dal vincitore del voucher in sede di domanda), e termini per la consegna del rendiconto, la documentazione di spesa, la documentazione di fine percorso di studio e ricerca dottorale, la documentazione intermedia al termine di ogni annualità di dottorato, la polizza fideiussoria, le modalità di invio della documentazione alla Regione Toscana.

Ecco l' Articolo 11 "Adempimenti gestionali dei destinatari del voucher e modalità erogazione voucher" del bando

A) Atto unilaterale di impegno  (allegato D del bando)
I soggetti richiedenti devono compilare, firmare e trasmettere, contestualmente alla domanda di voucher e secondo le modalità indicate nell'articolo 2 e nell'articolo 6 del bando, apposito atto unilaterale di impegno. La validità dell'atto unilaterale di impegno è condizionata all'assegnazione del voucher.

B) Modalità di erogazione del voucher e termini per la consegna del rendiconto
L'erogazione del voucher assegnato avviene secondo due diverse modalità a scelta dell'assegnatario al momento della domanda:

I) Modalità di erogazione del voucher a saldo finale. Il voucher viene erogato interamente alla conclusione delle attività.
1) Per richiedere l'erogazione occorre che il destinatario consegni:
1) lettera, indirizzata al settore "Diritto allo Studio Universitario (DSU) e Sostegno alla ricerca" della Regione Toscana, di richiesta a saldo finale
2) rendiconto a costi reali delle spese di iscrizione al percorso formativo;
3) prospetto di calcolo delle spese accessorie di soggiorno (numero giorni effettivi x tariffe giornaliere) e delle spese di viaggio (cfr. allegato G del bando);
4) copia del titolo finale o certificazione dell'ente erogatore del dottorato che attesti l'ottenimento del titolo
5)  attestazione dell'ente erogatore del dottorato che certifichi in via definitiva la data di avvio e di conclusione del percorso di studio e ricerca dottorale, eventuali giornate di sospensione del suddetto percorso superiori a 15 giorni solari consecutivi.

6) dichiarazione attestante l'eventuale fruizione/non fruizione della detrazione di imposta del 19% prevista per le spese di istruzione ai sensi del comma 1 lett. e) art. 15 del DPR 917/1986 (TUIR) riferita a tutti gli anni in cui è stato effettuato il pagamento delle quote di iscrizione;
7)  dichiarazione ai sensi del DPR 445/2000 di non aver ricevuto ulteriori contributi finanziari / borse, assegnati da soggetti pubblici, per la partecipazione allo stesso master per il quale si chiede il voucher.

II) Modalità di erogazione del voucher in due tranche (acconto e saldo). Il voucher viene erogato in due tranche.

1)  Per richiedere l'erogazione della prima tranche del voucher, pari al 60% dell'importo assegnato, occorre che il destinatario consegni:
1) lettera, indirizzata al settore "DSU e sostegno alla ricerca" della Regione Toscana, di richiesta di pagamento della prima tranche del voucher,
2) la dichiarazione sostitutiva attestante l'avvenuta iscrizione al corso;
3) polizza fideiussoria (originale) a copertura dell'importo da erogare (60% dell'importo assegnato) comprensiva della documentazione di spesa attestante il pagamento dei premi;

2) Per richiedere l'erogazione della seconda tranche a saldo, occorre che il destinatario, al termine del percorso formativo ed esame finale, consegni:
1)  lettera, indirizzata al settore "DSU e Sostegno alla ricerca" della Regione Toscana, di richiesta a saldo finale
2) rendiconto a costi reali delle spese di iscrizione e delle spese di fideiussione
3) prospetto di calcolo delle spese accessorie di soggiorno (numero giorni effettivi x tariffe giornaliere) e delle spese di viaggio (allegato G del bando);
4) copia del titolo finale o certificazione dell'ente erogatore che attesti l'ottenimento del titolo;
5)  attestazione dell'ente erogatore del dottorato che certifichi in via definitiva la data di avvio e di conclusione del percorso di studio e ricerca dottorale, eventuali giornate di sospensione del percorso superiori a 15 giorni solari consecutivi;
6) dichiarazione attestante l'eventuale fruizione / non fruizione della detrazione di imposta del 19%prevista per le spese di istruzione ai sensi del comma 1 lett. e) art. 15 del DPR 917/1986 (TUIR) riferita a tutti gli anni in cui sono state corrisposte le quote di iscrizione;
7) dichiarazione di non aver ricevuto ulteriori contributi finanziari / borse, assegnati da soggetti pubblici, per la partecipazione allo stesso percorso per il quale si chiede il voucher, ai sensi del DPR 445/2000.

In entrambe le modalità, il rendiconto e la richiesta del saldo devono essere trasmessi alla Regione entro 30 giorni dalla data in cui viene sostenuto l'esame finale. Il settore "DSU e Sostegno alla ricerca" della Regione fornirà la modulistica da utilizzare per la richiesta dell'acconto e per il rendiconto finale.
L'erogazione del voucher da parte della Regione avviene solo mediante bonifico su c/c intestato o cointestato al beneficiario del voucher.

C) Documentazione della spesa. Il destinatario del voucher deve produrre la seguente documentazione della spesa sostenuta:
1) documenti originali quietanzati attestanti l'avvenuto versamento degli importi dovuti per l'iscrizione al corso di studio e ricerca dottorale, corredati da fattura o altro documento contabile equivalente emesso dal soggetto erogatore del dottorato di ricerca

2) documenti originali quietanzati che attestino l'avvenuto pagamento dei premi della fideiussione corredati dalla polizza originale.
3) dichiarazione emessa dall'ente erogatore del dottorato di ricerca nella quale siano attestate la data di inizio e la data di conclusione del percorso di studio e ricerca dottorale effettivamente svolto all'estero, l'indicazione di eventuali periodi di sospensione del percorso dottorale;
4) elenco riepilogativo dei giustificativi di spesa prodotti a rendiconto dei costi di iscrizione e fideiussione (vedi precedenti punti 1 e 2) con indicazione per ognuno della voce di spesa, del soggetto erogatore e dell'importo corrisposto. L'importo deve essere indicato nella moneta estera in cui è stato corrisposto; se questa è diversa dall'euro va indicato anche il valore in euro, secondo il tasso di cambio vigente alla data in cui è stata sostenuta la spesa. La conformità di tale elenco è attestata dal beneficiario ai sensi del DPR 445/2000.
5) prospetto di calcolo delle spese accessorie, ovvero spese di viaggio e spese di soggiorno calcolate tenendo a riferimento il paese estero e il numero complessivo dei giorni nei quali si è svolto il percorso di studio e ricerca dottorale all'estero (cfr. allegato G al bando);

Qualora i giustificativi di spesa di cui ai precedenti punti 1 e 3 siano prodotti in lingua diversa da italiano, inglese, francese e spagnolo, occorre produrre anche la traduzione italiana la cui conformità è attestata dal richiedente ai sensi del DPR 445/2000.
Sono ritenuti ammissibili i pagamenti delle quote di iscrizione al percorso e dei costi di fideiussione effettuati tramite:
a) bonifico bancario o postale, anche tramite homebanking (in tale caso occorre produrre oltre alla ricevuta di pagamento anche copia dell'estratto conto che ne attesti l'avvenuto pagamento);
b) vaglia e bollettino postale;
c) assegno bancario: occorre produrre oltre alla copia dell'assegno, copia dell'estratto conto che ne attesti l'avvenuto pagamento;
d) bancomat e carta di credito: in tale caso occorre produrre oltre alla ricevuta di pagamento anche copia dell'estratto conto che ne attesti l'avvenuto pagamento.
Non è ammissibile a rimborso il pagamento effettuato in contanti.

D) Documentazione di fine percorso
Copia del titolo finale rilasciato oppure certificazione dell'ente erogatore del corso che attesti la conclusione del dottorato, la data dell'avvenuto esame finale  ed il titolo ottenuto.

E) Documentazione intermedia
Il beneficiario del voucher dovrà trasmettere, al termine di ogni annualità di dottorato, al settore "DSU e Sostegno alla ricerca" della  Regione Toscana un'attestazione dell'Università di regolare frequenza ed avvenuta ammissione all'anno successivo del dottorato.
Se la documentazione è prodotta in lingua straniera diversa dall'inglese, francese e spagnolo occorre la traduzione in lingua italiana e la dichiarazione dello studente che ne attesti la conformità ai sensi del DPR 445/2000.

F) Polizza fideiussoria
In caso si intenda optare per la modalità di erogazione del voucher in due tranche (acconto e saldo) è necessario stipulare una polizza fideiussoria. Tale polizza deve essere presentata in fase di richiesta della prima tranche del voucher:
1) la polizza deve essere stipulata a garanzia del 60% del voucher assegnato.
2) deve essere rilasciata da una dei seguenti soggetti:
a) banca ai sensi del Dlgs 1.09.1993 n. 385 (TU bancario);
b) impresa di assicurazioni autorizzata dall'IVASS all'esercizio del ramo cauzioni ai sensi della legge 10.06.1982 n. 348 e del Dlgs 209 del 2005
c) intermediario finanziario iscritto all'elenco speciale previsto dall'art. 107 del Dlgs 385 del 1993
d) Confidi iscritto nell'elenco speciale previsto dall'art. 107 del Dlgs 385 del 1993                                                                                                                          
3) deve avere la forma di atto pubblico o scrittura privata autenticata.
4) deve avere efficacia fino a 12 mesi dal termine del percorso formativo comprensivo dell'esame finale per il rilascio del titolo, con proroghe automatiche per non più di due semestri successivi. Eventuali svincoli anticipati sono disposti dalla Amministrazione competente.
5) deve prevedere il pagamento a prima richiesta entro 15 giorni e la rinuncia formale ed espressa al beneficio della preventiva escussione di cui all'art. 1944 del Codice civile. Il mancato pagamento del premio non potrà in nessun caso essere opposto al beneficiario, in deroga all'art. 1901 del Codice civile. La garanzia fideiussoria è valida prescindendo dall'eventuale assoggettamento a fallimento o ad altra procedura concorsuale dell'assegnatario del voucher.

G) Modalità di invio della documentazione
La documentazione deve essere trasmessa alla Regione Toscana mediante posta raccomandata  indirizzata a Regione Toscana - settore "DSU e Sostegno alla ricerca" via Farini n. 8 - 50121 Firenze, o mediante consegna a mano presso gli stessi uffici del settore, nei seguenti orari: martedì e giovedì dalle ore 9,30 alle ore 12,30 .
La documentazione dei costi di iscrizione e di fideiussione deve essere prodotta in originale (si raccomanda di conservare una copia)


Ultima modifica: 13/02/2017 19:03:14 - Id: 13488902