Salta al contenuto Salta al menu'

Presentazione

Presentazione

La Biblioteca Luigi Crocetti della Regione Toscana è la più importante struttura documentaria italiana specializzata in biblioteconomia, bibliologia, archivistica e scienze della documentazione e la più ricca per dotazione documentaria.
Nata col nome di Biblioteca del Servizio beni librari, poi divenuta Biblioteca dei servizi bibliografici, nel novembre 2007 è stata intitolata al nome del suo fondatore, che fu il primo Soprintendente ai beni librari della Regione Toscana.

Da più di trentacinque anni offre un servizio essenziale a tutti gli operatori del settore in Toscana e anche in Italia e costituisce un punto di riferimento insostituibile per la ricerca scientifica, per l'aggiornamento e la formazione professionale, per le attività di programmazione, gestione, tutela.

Ai fini di una sua maggiore valorizzazione, nel 2011 la Regione Toscana ha stipulato un accordo  con l'Università degli Studi di Firenze per il trasferimento della Biblioteca all'interno della sede della Biblioteca Umanistica, che dal 2014 ne cura la gestione.
Dal 2012 si trova presso un locale storico del plesso Brunelleschi, inserita così in un contesto già atto a ricevere, e a completare, la sua offerta informativa, data l'esistenza di insegnamenti nelle discipline archivistiche, bibliografiche e biblioteconomiche.
Nel 2013 il catalogo della Biblioteca è migrato nel catalogo del Sistema Bibliotecario di Ateneo, realizzando in tal modo una completa integrazione della Biblioteca nel sistema informativo universitario. Il rapporto di collaborazione tra Regione Toscana e Università, un'esperienza unica in Italia, garantisce un elevato livello di gestione tecnico-scientifica del patrimonio e dei numerosi servizi  offerti dalla Biblioteca e ne promuove la migliore fruizione da parte dell'utenza specializzata, in primis bibliotecari, studiosi, docenti e studenti.

Si possono indicare almeno quattro diversi livelli di utenza:

  1. bibliotecari e archivisti toscani di ente locale;
  2. tutti gli operatori toscani del settore: studenti, professori, archivisti, documentalisti, altri specialisti dell'informazione, studiosi di storia del libro;
  3. tutti gli operatori italiani del settore;
  4. altri utenti: operatori stranieri, studiosi di altre discipline comunque interessati, cittadini comuni.

La biblioteca è aperta a tutti gli uomini e le donne maggiorenni, senza distinzione di razza, sesso, religione, nazionalità, lingua e condizione.

La biblioteca riconosce i principi contenuti nel Manifesto UNESCO sulle biblioteche pubbliche.

Guarda il servizio di Toscana Notizie: La biblioteca dei bibliotecari

Inagurazione della nuova sede presso l'Università degli Studi di Firenze >>


Ultima modifica: 23/04/2018 11:36:41 - Id: 474111