Salta al contenuto Salta al menu'

L'Europa Il Mediterraneo

« Indietro

Agricoltura di qualità con il Fondo di sviluppo rurale (Feasr)

Agricoltura di qualità con il Fondo di sviluppo rurale (Feasr)

Approvato il 26 maggio 2015 dalla Commissione europea, il Piano di Sviluppo Rurale rappresenta il principale strumento di finanziamento delle politiche agricole regionali. Dal 2014 al 2020 mette a disposizione quasi 962 milioni di euro complessivi. Rispetto ai quali l'Ue contribuisce per il 43,12%, mentre la restante parte è cofinanziata dalla Regione (17,06%) e dallo Stato (39,82%).

In questo modo si aiutano le imprese che si impegnano a migliorare la propria competitività, a contribuire alla conservazione degli ecosistemi naturali, all'adattamento ai cambiamenti climatici, allo sviluppo economico e sociale dei territori rurali, con una particolare attenzione a quelli montani, a moltiplicare i processi di progettazione integrata a vari livelli (territorio, filiere), a promuovere i prodotti di qualità e la diversificazione delle attività.

Dal maggio 2015 fino ad oggi, sono stati allocati circa 565 milioni di euro, a fronte dei quali sono state presentate circa 24 mila domande di aiuto. Se a questi sommiamo i 118 milioni che arrivano dalla programmazione 2007/2013 si arriva a quasi 683 milioni già allocati: siamo già al 70% dell'intera dotazione finanziaria prevista per tutti i 7 anni.

Ad oggi sono usciti 34 bandi. Su 54 linee finanziarie programmate (34 sottomisure e 19 tipi di operazione) ne sono già state attivate 40. Delle rimanenti 14 linee finanziarie ancora da attivare, 12 saranno attivate entro il 2017, solo 2 verranno attivate nel 2018.

Dalla suddivisione dei pagamenti per misura si vede che le misure in cui sono stati effettuati pagamenti più consistenti sono le misure a superficie, ovvero la misura 11 (biologico) con quasi 29 milioni e la 13 (indennità compensative) con quasi 8 milioni; a seguire ci sono la misura 4 (investimenti) con oltre 17 milioni e la misura 8 (forestazione) con quasi 17 milioni (la gran parte dovuti ai trascinamenti della vecchia programmazione).
 

APPROFONDIMENTI


INFOGRAFICA
 


Ultima modifica: 17/11/2017 16:03:27 - Id: 14656890