Salta al contenuto Salta al menu'

Beni architettonici

Villa Schifanoia

Villa Schifanoia

Comune: Fiesole
Località: San Domenico
Via: Boccaccio, 121

 

La Villa Schifanoia sorge sui resti di un antico casale di Villa Palmieri Il nucleo principale della villa, d'origine quattrocentesca, appartenne alla famiglia Cresci fino al 1550. Nel tempo ha subito vari passaggi di proprietà, molte modifiche e aggiunte successive quali: la cappella gentilizia, costruita verso la metà del XIX secolo, l'ampio cancello da cui si diparte il viale che attraversa il giardino giungendo al portico d'ingresso del nucleo principale e la piccola costruzione su due piani detta la "villetta". Nel 1927 questa tenuta divenne proprietà del ricco americano Myron Taylor, ambasciatore degli Stati Uniti presso la Santa Sede durante il pontificato di Pio XII. Taylor restaurò la villa per ospitare la sua collezione d'arte, e creò nell'ampio terreno verso il lato sud un bellissimo giardino all'Italiana a terrazze, suddivise in tre eleganti parterre bordati di bosso e disposte attorno a una serie di piccole fontane. Il bel giardino formale è animato da statue, decorazioni a spugne, piccole vasche e fontane, di cui una sulla terrazza superiore segna la divergenza dall'asse principale. Nel 1986 è stata acquistata dallo Stato Italiano ed adibita a Istituto Universitario Europeo.

 

Villa Schifanoia was built over the remains of the ancient Villa Palmieri. The main core of the villa, of 15th-century origin, belonged to the Cresci family until 1550. It has changed hands many times over the centuries, and seen many alterations and additions, such as the family chapel, built in the mid-19th century, and the large gate from which the avenue leads through the garden and up to the main entrance of the villa and a small two-storey outbuilding known as la villetta. In 1927 the property passed into the hands of Myron Taylor, the United States Ambassador to the Vatican during the pontificate of Pope Pius XII. Taylor restored the villa to house his own art collection and also laid out a beautiful Italian-style garden on the generous stretch of land on the south side, divided into three elegant parterres edged with box hedges and arranged around a series of small fountains. The beautiful formal garden is enlivened with statues and other stone decorations, small pools and fountains, of which the one on the upper terrace is skewed off the main axis. In 1986 the villa was bought by the State and converted into a European University Institute.


Ultima modifica: 27/05/2016 16:35:09 - Id: 11586543