Salta al contenuto Salta al menu'

Verso un'economia circolare: tavola rotonda il 2 maggio a Firenze

State of the Union: Roundtable on circular economy, Florence, 2 May 2019

Verso un'economia circolare: tavola rotonda il 2 maggio a Firenze

Ambizioni europee e contributi locali per migliorare la vita dei cittadini. Appuntamento alle 15 nella sala Pegaso della Regione Toscana, in piazza Duomo n. 10

Creare un dibattito sull'interconnessione tra le sfide future delle economie verdi e circolari dell'Unione europea e la loro effettiva attuazione a livello regionale e nazionale attraverso i fondi strutturali e di investimento dell'Unione Europea. E' questo l'obiettivo della tavola rotonda in programma a Firenze giovedì 2 maggio 2019, nella sede della Presidenza della Regione Toscana, sala Pegaso di Palazzo Guadagni Strozzi Sacrati in piazza Duomo n. 10 (inizio lavori alle 15.00), organizzata in occasione della Conferenza State of the Union (SoU, Firenze 2-4 maggio 2019), Il giorno successivo,  il 3 maggio un altro appuntamento a Firenze, sempre taggato SoU: Stavolta Voto! L'Europa, non solo un esempio di globalizzazione riuscita, ma un baluardo di pace, rispetto dei valori e diritti democratici – Citizens Dialogue on Human Rights


Tavola rotonda
moderatore Massimo Vanni, giornalista
  • Simona Bonafè, membro del Parlamento europeo e relatrice per l'economia circolare
  • Carlo Pettinelli, direttore per i consumatori, Tecnologie ambientali e sanitarie, Dg Grow per il Mercato interno, l'industria, l'imprenditorialità e le Pmi, Commissione Europea
  • Enrico Rossi, presidente della Regione Toscana
  • Giulia Deidda, sindaco di Santa Croce sull'Arno, Toscana
  • Alessandro Francioni, presidente dell'Associazione Conciatori

Per partecipare: iscriviti online  >>> compilando e inviando il form iscrizione

Informazioni e contatti: Elisa Sassoli, Regione Toscana e Enrico Mayhrofer, Regione Toscana


Le misure proposte dall'UE per sostenere un'economia circolare aiutano le imprese e i consumatori a intraprendere la transizione verso un'economia più forte, dove le risorse sono utilizzate nel modo più sostenibile possibile. Queste azioni politiche contribuiscono al miglioramento delle pratiche di riciclaggio e hanno effetti benefici sia sull'economia che sull'ambiente, chiudendo il ciclo di vita di tutti i prodotti.

L'obiettivo è utilizzare in modo efficiente materie prime, prodotti e rifiuti, ottenendo il massimo valore promuovendo al tempo stesso il risparmio energetico e riducendo le emissioni di gas serra. Pertanto, le Regioni, in collaborazione con le istituzioni nazionali, possono e si considereranno garanti di tali misure a livello locale. Contribuiranno a rendere la vita dei loro elettori più verde e più sostenibile.

La Toscana ricicla circa il 56% dei rifiuti prodotti. L'obiettivo è raggiungere il 70% entro il 2020 e l'80% entro il 2023. Il restante 20% dovrebbe essere composto da

  • 5% rifiuti di trattamento meccanico biologico (MBT)
  • 7% materiale di incenerimento
  • 8% residuo per discariche

I progetti puntano a realizzare 6 nuovi biodigestori entro il 2022.

La notizia dell'evento sul sito dell'Istituto universitario europeo (in Eglish)


Anna Luisa Freschi

Ultima modifica: 15/05/2019 11:43:08 - Id: 16272825