Salta al contenuto Salta al menu'

Pari opportunità

In Primo Piano

Istituzioni e uffici competenti per l'imprenditoria femminile

Uffici dello Stato e della Regione competenti per la promozione e il sostegno dell'imprenditoria femminile. Strutture dello Stato Presidenza del Consiglio dei Ministri –...

Consigliera Regionale di Parità

La consigliera ha una specifica competenza ed esperienza in materia di lavoro femminile, di normative sulla parità e pari opportunità e di mercato del lavoro.

Tra uguaglianza e differenze: il nuovo diritto antidiscriminatorio

Tra uguaglianza e differenze: il nuovo diritto antidiscriminatorio


Atti del convegno
19 giugno 2006 - Firenze

Quali possibili scenari si aprono nella strategia della lotta alla discriminazione in Europa e in Italia?
Quali sono i nuovi strumenti istituzionali a disposizione dei giuristi e degli operatori del settore?
Siamo pronti ad affrontare il 2007, anno dedicato dal’U.E. alle “pari opportunità per tutti”?
L’incontro odierno vuole essere un’ occasione di confronto e di discussione sull’allagamento dell’orizzonte delle politiche di pari opportunità a forme di discriminazione diverse da quelle di genere: discriminazioni basate sulla razza, sull’origine etnica, sulla religione, sulle convinzioni personali, sull’handicap, sull’età e sull’orientamento sessuale. La principale spinta alla riflessione proviene dall’Unione Europea, che ha emanato tre importanti direttive in proposito, la 2000/43/CE sulla discriminazione per razza ed origine etnica, la 2000/78/CE, che regola tutti gli altri motivi di discriminazione sopra citati, e la 2002/73/CE, che riformula la direttiva 76/207/CE in tema di eguaglianza di genere.
Si tratta ora di analizzare e valutare se ed in che modo il legislatore italiano abbia saputo darne corretta trasposizione mediante i recenti provvedimenti di attuazione (il d.lgs. n. 215/03 per la direttiva su razza ed origine etnica, il d.lgs. n. 216/03 per la direttiva su religione, convinzioni personali, handicap, età ed orientamento sessuale, ed infine il d.lgs. n.145/05 per la direttiva sulla discriminazione di genere), per sottolinearne l’incisività e la centralità nel nostro ordinamento.
Si aprono pertanto nuove prospettive nelle politiche di lotta alle discriminazioni e di promozione delle pari opportunità nel nostro paese, ma si evidenziano al tempo stesso problematiche finora sconosciute nell’applicazione e nella comprensione degli strumenti a disposizione delle istituzioni, che necessitano un grande impegno collettivo da parte di tutti gli operatori e le operatrici di pari opportunità sia nelle istituzioni che nella società civile.

- scarica la copertina in pdf
- scarica la pubblicazione in pdf

La pubblicazione è inoltre disponibile fino ad esaurimento copie presso gli uffici della Consigliera di Parità della Toscana,
via Luca Giordano, 13
50132 - Firenze

per richiederne una o più copie inviare una e-mail all'indirizzo:
consiglieraparita@regione.toscana.it


Ultima modifica: 02/12/2012 03:23:49 - Id: 51761