Salta al contenuto Salta al menu'

Servizio Fitosanitario

In Primo Piano

Nuovo Piano d'azione contro il Punteruolo rosso

Il Punteruolo rosso, parassita oggetto di lotta obbligatoria su tutto il territorio nazionale, rappresenta la principale causa di moria delle palme anche in Toscana dove, dopo 6 anni...

"Non rischiare" di portare a casa parassiti e malattie delle piante

Parassiti e malattie si possono nascondere all'interno delle piante. Quindi, non portare a casa dai tuoi viaggi piante, semi, frutta, ortaggi e fiori. " Quando viaggi evita di...

Servizio Fitosanitario Regionale della Toscana

La protezione delle piante, ed in particolare la protezione del territorio su cui esse vengono coltivate è una esigenza sentita da tutti i paesi in cui l'agricoltura riveste un ruolo...

Xylella fastidiosa: approvato il piano d'emergenza

Con Delibera di Giunta della Regione Toscana n. 475 del 09/05/2017 è stato approvato il 'Piano regionale di attuazione del Piano nazionale di emergenza per la gestione di Xylella fastidiosa in...

Lymantria dispar all'Isola d'Elba

Il nuovo attacco di Limantria dispar alle leccete dell’ Isola d’Elba ripropone le necessità di riflettere sui defogliatori delle foreste e sulla tollerabilità del loro livello di infestazione.

Sistema aziendale di autocontrollo fitosanitario volontario nei vivai

Il caso “Xylella fastidiosa” ha portato alla consapevolezza che il pericolo dell’introduzione in Toscana di nuovi parassiti può comportare danni rilevanti per l’intero territorio regionale. Per...

Risultati del monitoraggio di Xylella fastidiosa: La malattia non è presente in Toscana.

Risultati del monitoraggio di Xylella fastidiosa: La malattia non è presente in Toscana.


Al fine di verificare l'eventuale presenza del batterio Xylella fastidiosa in Toscana è in corso un capillare monitoraggio, realizzato ai sensi della direttiva 2015/789/CE,  nelle aree considerate a maggiore rischio di introduzione, come ad esempio le aree vivaistiche, i garden, le vie di grande comunicazione, e tutti i comprensori olivicoli regionali.

Nel 2015, al 30 settembre, sono stati prelevati ed analizzati 2355 campioni da 50 specie vegetali suscettibili alla infezione del batterio fra cui olivo, oleandro, poligala, ginestra, ecc..

Tutte le analisi effettuate dal laboratorio del Servizio Fitosanitario sulle matrici vegetali che sugli hanno dato esito NEGATIVO.

Nell'ambito del monitoraggio sono stati anche catturati 850 insetti vettori ritenuti in grado di trasmettere il batterio, gli insetti sono stati analizzati per verificarne la eventuale patogenicità. Tutte le analisi sugli insetti effettuate dal laboratorio del CREA – APB  hanno dato esito NEGATIVO.

Alle luce dei risultati ottenuti si può affermare che la malattia non è presente sul territorio toscano.

 


Ultima modifica: 14/06/2016 11:05:05 - Id: 12855606
  • Condividi
  • Condividi