Salta al contenuto Salta al menu'

Richiedere il nullaosta per le importazioni di vegetali

Cosa fare per

Richiedere il nullaosta per le importazioni di vegetali

Servizio Fitosanitario Regionale


Quando si deve richiedere un nulla-osta all'importazione di vegetali:
quando si importano da paesi extra UE vegetali destinati alla piantagione e i vegetali e prodotti vegetali e le sementi incluse nell'allegato V parte B e nell'allegato XX1 del D. Lgs. 214/05 e successivi aggiornamenti.

Chi può richiedere un nulla-osta all'importazione di vegetali:
coloro che sono in possesso di specifica autorizzazione rilasciata dai Servizi fitosanitari regionali e che sono iscritti al Registro ufficiale dei produttori (RUP) come importatori, secondo quanto previsto dall'art. 19 punto (c) del D. Lgs 214/05, o i loro rappresentanti in dogana.

I vegetali, prodotti vegetali e altre voci indicati nell'allegato V parte B e nell'allegato XXI, provenienti dai Paesi extra UE, anche se contenuti nei pacchi postali, possono essere introdotti nel territorio della Repubblica italiana solo attraverso i punti di entrata elencati nell'allegato VIII del D. Lgs. 214/05 e successive modifiche  (per la Toscana: Porto di Livorno e Aeroporto di Pisa).

Chi è esonerato dalla richiesta di un nulla-osta all'importazione di vegetali:
purché non ci sia rischio di diffusione di organismi nocivi nella Unione europea, non necessitano di nulla-osta all'importazione piccoli quantitativi di vegetali, prodotti vegetali, prodotti alimentari o alimenti per animali, destinati ad essere usati dal proprietario o dal ricevente a fini personali, o ad essere consumati durante il trasporto.

Come fare la richiesta:
chi intende ottenere il nulla-osta all'importazione deve inviare una e- mail all'indirizzo: fitosanitario-porto-li@regione.toscana.it con l'apposito modulo e copia del certificato fitosanitario rilasciato dal paese esportatore rilasciato in conformità con quanto riportato nell'art. 37 del D. Lgs 214/ 05 (per le voci riportate nell'allegato XX! del D. Lgs. 214/05 il certificato fitosanitario d'origine non è obbligatorio, ma se emesso dovrà essere consegnato in originale al Servizio Fitosanitario al momento del rilascio del nulla osta).

Scarica il modulo

Il SFR è a disposizione per fornire informazioni dettagliate circa la documentazione necessaria e le modalità di rilascio dei Nulla Osta all'importazione.

I tempi necessari: 
Gli agenti doganali dovranno inoltrare la richiesta almeno il giorno lavorativo antecedente dello sbarco della merce, tuttavia la tempistica del rilascio del nulla-osta è vincolata ai tempi necessari per lo svolgimento dei controlli previsti dal Titolo VIII del D. Lgs 214/05.

Quanto costa:
Gli importatori (o i loro agenti doganali), prima di richiedere il nulla osta all'importazione, devono versare una "tariffa fitosanitaria" come previsto dall'allegato XX del D. Lgs 214/05:


Modalità di pagamento della tariffa fitosanitaria per il rilascio del nulla osta all'importazione La Tariffa fitosanitaria potrà essere pagata nel seguente modo:

  •  con bonifico bancario su c/c intestato a Regione Toscana - Tesoreria Regionale Tariffe per Servizi Fitosanitari, IBAN IT 72 D 07601 02800 001003018049  - specificando la causale del versamento e il codice fiscale dell'azienda richiedente.

  •  con bollettino di versamento postale CCP N. 1003018049 intestato a Regione Toscana - Tesoreria Regionale Tariffe per Servizi Fitosanitari - (nel caso si tratti di certificato fitosanitario import o export, la ricevuta del pagamento deve essere allegata alla richiesta del certificato stesso).



Vedi la normativa
D Lgs n. 214/2005
Allegato V B
Allegato XX
Allegato XXI


Per ulteriori informazioni invia una e-mail a:
serviziofitosanitario@regione.toscana.it
oppure a: fitosanitario-porto-li@regione.toscana.it


 

indietro ►►

Ultima modifica: 23/08/2018 09:27:30 - Id: 68412