Salta al contenuto Salta al menu'

Prodotti tipici

In Primo Piano

Olio extravergine della Toscana: le 23 eccellenze della Toscana

Selezione 2017 Sono 23 gli oli extravergini di oliva che rappresentano l'eccellenza in Toscana e che da oggi diventeranno ambasciatori della nostra produzione olearia nelle...

Corsi per assaggiatori di olio d'oliva

Procedure amministrative per il rilascio dell'autorizzazione per la realizzazione di corsi per assaggiatori di olio d'oliva (decreto 18 giugno 2014 del Ministro delle Politiche...

Elenco dei tecnici ed esperti degli oli di oliva vergini e extravergini

Articolazione regionale toscana: come iscriversi   L'articolazione regionale toscana dell'elenco dei tecnici ed esperti degli oli di oliva vergini e extravergini è...

Modifica del disciplinare di produzione del vino a DOCG

Riunione di pubblico accertamento per esaminare la proposta di modifica del disciplinare di produzione del vino a DOCG Chianti presentata dal Consorzio Vino Chianti.

La nuova OCM vitivinicola

Dal 1° gennaio 2016 le nuove regole per la gestione del potenziale viticolo   Con il regolamento (UE) n. 1308/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17...

Presentazione del Disciplinare del Marrone del Mugello IGP

Avviso di riunione di pubblico accertamento per per le modifiche al disciplinare di produzione del Marrone del Mugello IGP

Quadro di riferimento e proposte per il settore olivicolo - oleario

Quadro di riferimento e proposte per il settore olivicolo - oleario

 

Il documento intitolato "Quadro di riferimento e proposte per il settore olivicolo - oleario" è frutto di un lavoro svolto in questi ultimi anni con tutti i soggetti partecipanti al tavolo regionale della filiera olivicola olearia ed è stato trasmesso il 5 giugno 2013 ai componenti del tavolo stesso con una lettera di accompagnamento dell'Assessore all'Agricoltura della Regione Toscana, Gianni Salvadori.

Il settore olivicolo regionale è stato oggetto di questo lavoro e di questa particolare attenzione sia per le problematiche economiche che lo affliggono ormai da diversi anni, sia per la grande importanza che esso riveste, non solo dal punto di vista produttivo, ma anche sotto il profilo ambientale e paesaggistico.

Il documento non deve essere considerato un risultato finale, ma deve essere inteso come una tappa intermedia di un percorso che richiede un ulteriore impegno da parte di tutti per segnalare gli aggiornamenti che si renderanno necessari, a seguito, sia dei continui cambiamenti del variegato quadro di riferimento, sia dell'effettuazione di eventuali approfondimenti.

Il documento non è un piano o un programma ai sensi della normativa regionale in materia di programmazione, ma può rappresentare un supporto conoscitivo e propositivo utile per l'implementazione delle politiche regionali rivolte al settore olivicolo ed oleario nell'ambito degli strumenti della programmazione regionale, in particolare di quelli relativi al settore agricolo e forestale (PRAF e PSR).


Ultima modifica: 18/07/2013 11:34:04 - Id: 1172891
  • Condividi
  • Condividi