Salta al contenuto Salta al menu'

Progetti integrati di filiera (PIF)

Programma di sviluppo rurale Feasr 2014-2020

Progetti integrati di filiera (PIF)


I Progetti integrati di filiera (Pif)  aggregano gli attori di una filiera agroalimentare o forestale (agricoltori, imprese di trasformazione, commercializzazione ecc.) per affrontare problemi della filiera e per migliorare le relazioni di mercato. I Pif consentono l'attivazione, nell'ambito dello stesso progetto, di una molteplicità di sottomisure/operazioni del Psr Feasr 2014-2020:

  • investimenti aziendali
  • promozione
  • innovazione tecnologica
  • diversificazione delle attività agricole (anche a scopi energetici)


Chi partecipa? I partecipanti sono soggetti di varia natura, appartenenti ad una filiera produttiva: aziende agricole/forestali, imprese di trasformazione primaria e secondaria, imprese che svolgono la commercializzazione, soggetti pubblici ecc…), interessati al raggiungimento degli obiettivi del progetto. Per ciascun progetto di filiera il numero minimo di soggetti partecipanti è 12.

Quali filiere?
Le filiere interessate sono praticamente tutte quelle dei settori agricolo, agroalimentare e forestale (legno-energia). È stato inoltre possibile presentare progetti multifiliera, ovvero su più filiere concentrate su un determinato territorio e/o di filiera corta.

Come?
Con un Accordo di filiera. Per poter presentare la richiesta di finanziamento, i partecipanti hanno sottoscritto un "Accordo di filiera" che rappresenta un vero e propri contratto fra le parti interessate e costituisce un forte impulso allo sviluppo ed all'integrazione delle filiere locali.
I firmatari sono legati tra loro, per almeno tre anni, da vincoli di carattere contrattuale che regolano obblighi e responsabilità reciproche in merito alla realizzazione degli investimenti finalizzati al raggiungimento degli obiettivi prefissati nel Pif e alla fornitura di prodotti agricoli o forestali destinati alla trasformazione e commercializzazione agroindustriale.
Negli impianti di trasformazione o nelle strutture di commercializzazione finanziati nell'ambito Pif, infatti, le materie prime o i prodotti semilavorati utilizzati devono provenire, per almeno il 51% del quantitativo totale, dalle imprese agricole (o loro aggregazioni) di produzione primaria partecipanti al Pif, sia direttamente che indirettamente, per la durata prevista nell'Accordo.

BANDO PIF 2015

La dotazione finanziaria del bando PIF 2015 assegnata è pari a 81.387.166,16€.

BANDO PIF AGROALIMENTARE 2017

Bando chiuso. Progetti in corso di realizzazione. Dotazione finanziaria messa a bando 30.000.000€

BANDO PIF FORESTALE 2017

Bando aperto. Dotazione finanziaria messa a bando 7.890.000€.


 


Ultima modifica: 17/05/2019 17:25:26 - Id: 15409418
  • Condividi
  • Condividi