Salta al contenuto Salta al menu'

Por Fse 2014-2020, finanziamenti per progetti di orientamento all'Università

Por Fse 2014-2020, finanziamenti per progetti di orientamento all'Università

Presentazione domanda, progetto e documentazione via pec, entro le ore 11 del 10 novembre 2017

venerdì, 10 novembre 2017 11:00
Non specificato



Con provvedimento n. 478/17 del 9 ottobre 2017, l'Azienda regionale per il diritto allo studio universitario della Toscana, organismo intermedio della Regione Toscana nella gestione del Programma operativo (Por) del Fondo sociale europeo (Fse) 2014-2020, ha approvato

La Regione Toscana, con questo bando, punta a migliorare l'istruzione, la formazione e l'occupabilità dei giovani, favorendo il conseguimento della laurea da parte di un numero sempre maggiore di giovani, e promuovendo il raccordo tra Università, alta formazione e sistema produttivo toscano.

Il bando è cofinanziato dal Programma operativo (Por) del Fondo sociale europeo (Fse) 2014-2020, della Regione Toscana, ed in particolare dalle risorse stanziate per l'asse C Istruzione e Formazione – attività C.2.1.1.a Orientamento verso l'università, nella scelta dei corsi post laurea e all'uscita dall'università del programma.
Il bando rientra anche nell'attuazione del progetto Giovanisì, il progetto della Regione Toscana per l'autonomia dei giovani.


Finalità. In particolare il bando ha la finalità di

  • favorire il conseguimento di titoli di studio terziari nei tempi previsti con migliori esiti formativi da parte di una più ampia platea di giovani;
  • migliorare l'occupabilità dei giovani che intraprendono percorsi di studio universitari, favorendone, tramite il supporto alla scelta universitaria, la successiva collocazione in posti di lavoro in linea con le competenze possedute e con le specificità economico produttive del territorio toscano;
  • promuovere una governance condivisa del sistema regionale delle università, favorendo un migliore raccordo fra gli attori dell'alta formazione, della scuola e del sistema produttivo toscano e contribuendo a creare le condizioni per favorire lo sviluppo e l'innovazione nell'ambito del sistema socio economico regionale, con particolare attenzione agli indirizzi della strategia Industria 4.0.


Destinatari (potenziali beneficiari del finanziamento "Soggetti attuatori"): Possono presentare la proposta progettuale e la relativa domanda di ammissione al cofinanziamento (come indicato all'art. 10 del bando) in risposta al bando le Associazioni temporanee di scopo (ATS) costituite o da costituire a finanziamento approvato, composte dai seguenti soggetti:

  • almeno 1 organismo formativo accreditato ai sensi della DGR 1407/2016 o che si impegni ad accreditarsi entro la data di avvio delle attività;
  • almeno 3 tra:

- Università pubbliche statali, Università non statali riconosciute dal MIUR, con sede legale e/o almeno una sede operativa (da intendersi come sede amministrativa e formativa) in Toscana;

- Istituti di istruzione universitaria a ordinamento speciale e Istituzioni di formazione e ricerca avanzata, ivi inclusi i soggetti di cui all'art. 74 DPR 382/80, con sede legale e/o almeno una sede operativa (da intendersi come sede amministrativa e formativa) in Toscana.

  • La sede operativa in Toscana deve essere effettivamente attiva entro la data di sottoscrizione della Convenzione, pena la revoca del finanziamento.
  • Il capofila dell'ATS deve essere un organismo formativo accreditato ai sensi della DGR 1407/2016.
  • Ogni soggetto può partecipare ad un'unica ATS e presentare un unico progetto.


Ammissibilità. Le proposte progettuali pervenute sono ammissibili alla valutazione se:

  • pervenute entro le ore 11.00 del 10 novembre 2017;
  • presentate sull'apposita modulistica e con le modalità indicate nei precedenti articoli 9 e 10;
  • presentate da soggetti attuatori ammissibili ai sensi dell'articolo 3 dell'avviso;
  • sottoscritte dal legale rappresentante del soggetto attuatore o da persona che abbia legittimità ad impegnare verso l'esterno l'ente di appartenenza in forza di procura o altro documento equivalente (allegarne copia);
  • contenenti interventi ammissibili (rif. articoli 4, 5 e 8 dell'avviso);
  • complete della documentazione necessaria, delle dichiarazioni e sottoscrizioni indicate nell'articolo 10;
  • il soggetto proponente non abbia messo in pratica atti, patti o comportamenti discriminatori ai sensi degli artt. 25 e 26 del Decreto legislativo 198/2006 "Codice delle pari opportunità tra uomo e donna ai sensi dell'articolo 6 della legge 28 novembre 2005 n. 246", accertati da parte della direzione provinciale del lavoro territorialmente competente.

Valutazione. Se  le domande sono ammissibili (superano l'uistruttoria di ammissibilità) possono passare alla successiva fase di valutazione tecnica ai sensi dell'articolo 12 del bando. Il progetto è ammissibile se raggiunge un punteggio almeno pari a 65/100 e risulterà finanziabile solo nella loro intera determinazione, nel rispetto della graduatoria di cui all'art. 13 dell'avviso e delle risorse disponibili (dotazione finanziaria del bando)


Dotazione finanziaria. Il bando ha un budget finanziario di 1milione 200mila euro. I progetti vengono finanziati solo nella loro intera determinazione, nel rispetto della graduatoria di cui all'articolo 13 e del budget disponibile.

Per conoscere tutti i dettagli necessari a presentare correttamente la domanda consultare integralmente il testo del bando e dei suoi allegati.


Per saperne di più contattare:

 

Ardsu Toscana

Ultima modifica: 16/10/2017 17:05:48 - Id: 14762702
  • Condividi
  • Condividi