Salta al contenuto Salta al menu'

Por Fse 2014-2020, finanziamenti per progetti di alternanza scuola-lavoro

Programma operativo regionale del Fse. Giovanisì. Sistema duale

Por Fse 2014-2020, finanziamenti per progetti di alternanza scuola-lavoro

Bando rivolto a Scuole e Organizzazini costituite o da costituirsi in Associazioni temporanee di scopo (Ats), per cofinanziare la realizzazione di progetti di alternanza scuola-lavoro in favore di studenti dell'ultimo triennio delle scuole superiori di II grado. Presentazione progetto e relativa domanda di finanziamento entro il 31 maggio 2017, tramite pec

mercoledì, 31 maggio 2017 23:59
Non specificato


Approvata la Graduatoria dei progetti ammessi a finanziamento:
La Regione Toscana con Decreto Dirigenziale n. 14740 del 28/09/2017 avente oggetto "DD 4118/2017_ P.O.R. Toscana 2014-2020 Asse A – Occupazione Avviso pubblico per la concessione di finanziamenti per la realizzazione di interventi a supporto delle azioni di alternanza scuola lavoro"  ha approvato e pubblicato gli esiti della valutazione tecnica dei progetti.

Allegato A - progetti finanziabili e non finanziabili
Allegato Bprogetti finanziati
 

La Regione Toscana con decreto dirigenziale n. 4118 del  31 marzo 2017, ha approvato l'avviso pubblico per la concessione di finanziamenti per la realizzazione di interventi a supporto delle azioni di alternanza scuola lavoro" (allegato A del decreto), al fine di rafforzare  il  raccordo  tra  il  mondo  dell'istruzione  e  della formazione  e  quello  del  lavoro  nel  cui  ambito  rientrano  anche  i  percorsi  formativi  in alternanza scuola-lavoro, sostenendo la realizzazione di interventi di alternanza scuola-lavoro.

Il bando è realizzato nell'ambito del Programma operativo (Por) del Fondo sociale europeo (Fse)  2014-2020, in particolare dell'asse A Occupazione – attività A.2.1.5. A) Alternanza scuola-lavoro, nonchè del progetto regionale Giovanisì.
La Regione ha approvato gli elementi essenziali del bando con la delibera di Giunta regionale n.
289 del 27 marzo
2017.


Finalità. Il bando punta a sostenere, mediante il cofinanziamento, azioni tese a creare un modello condiviso che faciliti il rapporto tra istituzioni scolastiche e organizzazioni per la realizzazione dei percorsi di alternanza. Tale modello dovrà consentire agli studenti della Toscana di sviluppare competenze e abilità utili al loro ingresso nel mondo del lavoro.

Destinatari del bando (potenziali beneficiari dei cofinanziamenti): Progetto (proposta progettuale) e relativa domanda di finanziamento devono essere presentati ed attuati da un'associazione temporanea di scopo (ATS), costituita o da costituire a finanziamento approvato, il cui capofila deve essere un Istituto di istruzione secondaria di secondo grado.  Ogni istituto di istruzione secondaria di secondo grado può partecipare a più progetti ma può essere capofila di un solo progetto.  

Comonenti dell'Associazione temporanea di scopo
Devono obbligatoriamente far parte dell'Ats:

  • almeno un'impresa;
  • almeno un ente pubblico;
  • almeno un organismo di formazione accreditato ai sensi della DGRT 1407/2016;
  • almeno un istituto tecnico;
  • almeno un istituto professionale;
  • almeno un liceo.

Possono  partecipare  all'ATS  in  qualità  di  partner  tutti  i  soggetti  che  intendono  avere  parte attiva nel progetto.  
Ciascuna  Organizzazione  ospitante  i percorsi di alternanza scuola-lavoro deve essere  iscritta   nel   Registro nazionale per l'alternanza scuola lavoro di cui al comma 41 dell'articolo 1 della legge n. 107/2015, istituito  presso le Camere di  commercio,  industria,  artigianato  e  agricoltura.

Nel  caso  di  ATS  da  costituire,  tutti  i  soggetti  partner  devono  dichiarare  l'intenzione  di costituire l'associazione ed indicare l'istituto di istruzione secondaria di secondo grado quale capofila sin dal momento della presentazione del progetto.
L'obbligo di accreditamento riguarda i partner che erogano le attività formative previste nel
progetto e devono risultare accreditati alla data di stipula della convenzione.  
La  delega  a  terzi deve  essere  autorizzata  dall'Amministrazione; a tal fine la necessità  della stessa deve essere chiaramente indicata e motivata in fase di candidatura, ai sensi della delibera di Giunta n. 635/2015 "Approvazione procedure di gestione degli interventi formativi oggetto di sovvenzioni a valere sul Por Fse 2014 - 2020",  sezione A1 – punto b.1 "Attività caratteristiche del progetto – Delega")

Destinatari dei percorsi di alternanza scuola-lavoro: studenti individuati dalla legge n. 107/2015 nota "Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti" (Buona scuola), ossia studenti dell'ultimo triennio delle scuole superiori di II grado.

Scadenza e presentazione domande. La domanda, presentata in bollo da 16,00 (o con indicazione  della normativa di riferimento in caso di esenzione), firmata digitalmente oppure sottoscritta dal legale rappresentante del soggetto capofila con allegata copia leggibile del documento di identità in corso di validità, deve essere inviata, entro il 31 maggio 2017, tramite casella di posta elettronica certificata (pec) all'indirizzo per di Regione Toscana: regionetoscana@postacert.toscana.it
Le domande, corredate dei relativi allegati, devono riportare nell'oggetto della comunicazione via pec telematica la seguente dicitura "Settore Programmazione Formazione Strategica: POR FSE 2014-2020 – Avviso alternanza scuola lavoro".
Non deve essere inviata alcuna proposta progettuale in forma cartacea ai sensi dell'art. 45 del d.lgs. 82/2005 e successive modifiche.
 

Progetti ammissibili.  Le domande-progetto pervenute sono ritenute ammissibili se:

  • presentate da un istituto di istruzione secondaria di secondo grado come capofila, ai sensi di  quanto  previsto  all'articolo  7.2  lettera  B  del bando e  con un  partenariato  coerente  con  quanto indicato all'articolo  4 del bando;
  • complete di tutti gli allegati previsti all'articolo 8 "Documenti da presentare" del bando. nelle modalità di presentazione ivi indicate;
  •  trasmesse  tramite  posta  elettronica  certificata  (pec)  all'indirizzo pec della Regione Toscana regionetoscana@postacert.toscana.it, entro e non oltre il 31 maggio 2017, nelle modalità di cui all'articolo 9 "Modalità di presentazione delle proposte progettuali" del bando.

Si ricorda che chi invia la domanda-progetto è  tenuto  a  verificare  l'effettiva  ricezione  da  parte della Regione Toscana attraverso  le  ricevute  di  avvenuta  consegna  rilasciate  dal  sistema  di  posta certificata della Regione Toscana.
E' facoltà del settore richiedere chiarimenti e/o integrazioni sui progetti.
Le  domande-progetto ritenute  ammissibili  passano alla valutazione tecnica,  ai  sensi dell'articolo 11 "Valutazione" del bando.

Tipo di agevolazione. I progetti sono finanziabili per un importo minimo pari a 100.000 euro e non superiore a 145.000 euro

Spese ammissibili (piano finanziario). Il piano finanziario dei progetti deve essere redatto quantificando le voci di spesa del Piano economico di dettaglio (Ped) in coerenza con le attività previste e nel rispetto dei massimali indicati nella delibera di Giunta regionale n. 635/2015.  
Non  sono  ammesse  deroghe  alla  percentuale  massima  prevista  per  la  componente  C  "costi
indiretti" (max 10% del costo totale del progetto
).
Inoltre devono essere rispettati i seguenti limiti di spesa:

Il  rispetto  dei seguenti limiti, mantenuto  per  tutta  la  durata  del  progetto
compresa la fase di rendicontazione finale,  è  oggetto  di verifica  in  fase  di  ammissibilità:

  • Preparazione voce B.1) "Preparazione" del Ped massimo il 35% del costo totale del progetto
  • Realizzazione voce B.2) "Realizzazione" del Ped minimo il 37% del costo totale del progetto

Il mancato rispetto di tali limiti percentuali comporta il riallineamento alle % previste.
La Regione si riserva la facoltà di procedere alla rimodulazione dei costi dei singoli progetti,
in relazione a) alle disponibilità finanziarie, b) alle risultanze della valutazione complessiva
del piano finanziario.  
In  caso  di  tagli  finanziari,  il  soggetto  capofila  è  tenuto  a  riformulare  il  piano  finanziario
secondo le indicazioni fornite dagli uffici regionali.
 

Dotazione finanziaria. Il budget finanziario del bando  è di 2 milioni 798.688,64 euro comprendente le annualità del Provvedimento attuativo di dettaglio del 2017-2018 e 2019 del Por Fse 2014-2020

Per conoscere tutti i dettagli necessari a presentare correttamente la domanda consultare integralmente il testo del bando e i suoi allegati.
decreto dirigenziale n. 4118 del  31.03.2017 


Domande e risposte: scarica le FAQ aggiornate all'8 maggio 2017

Per saperne di più contattare

Regione Toscana
Regione Toscana

Ultima modifica: 18/10/2017 12:24:50 - Id: 14489011
  • Condividi
  • Condividi