Salta al contenuto Salta al menu'

Por Creo Fesr 2007-2013, Progetto pilota Startup House, microcredito per le imprese giovanili

Por Creo Fesr 2007-2013, Prse 2012-2015, progetto Giovani sì

Por Creo Fesr 2007-2013, Progetto pilota Startup House, microcredito per le imprese giovanili

Finanziamenti agevolati, a tasso zero, senza garanzie personali, per progetti di micro, piccole e medie imprese giovanili nel commercio, istruzione, attività artistiche e professionali, servizi di alloggio, di ristorazione, di informazione e comunicazione, ecc.. Domande online dal 26 gennaio al 27 febbraio 2015

venerdì, 27 febbraio 2015 23:59
Non specificato


La Regione Toscana, con decreto dirigenziale n. 6065 del 15/12/2014 (certificato il 17/12/2014), ha approvato e pubblicato, nell'ambito del Prse 2012-2015 linea 1.3a, Por Creo Fesr 2007-2013 linea 1.4 a3 (come previsto dalla delibera di Giunta regionale n. 929/2014), il bando per favorire l'accesso al microcredito da parte di giovani tra i 18 e i 40 anni, che vogliono intraprendere un'attività imprenditoriale.
Con questo bando la Regione intende realizzare quanto previsto dal Programma regionale di sviluppo 2011-2015 che prevede, tra l'altro, il progetto Giovani Sì ed interventi di sostegno all'occupazione giovanile e di sviluppo economico.

Vai alle graduatorie del bando

Finalità. Favorire l'accesso al microcredito da parte di giovani tra i 18 e i 40 anni, che vogliono intraprendere un'attività imprenditoriale, sistenendo l'avvio di piccole iniziative imprenditoriali, attraverso la concessione di piccoli finanziamenti agevolati a tasso zero.

Destinatari. 1) Le micro, piccole e medie imprese (MPMI), come definite dall'allegato 1 del Reg. (UE) n. 651/2014 e giovanili come definite dalla legge regioale n. 35/2000 successive modifiche e integrazioni, la cui costituzione è avvenuta nel corso dei due anni precedenti alla data di presentazione della domanda di accesso all'agevolazione; 2) le persone fisiche che costituiranno l'impresa entro 6 mesi dalla data di notifica del provvedimento di concessione. In particolare:
- per le imprese individuali, l'età del titolare dell 'impresa non deve essere superiore a 40 anni
al momento della costituzione;
- per le società, l'età dei rappresentanti legali e di almeno il 50% dei soci che detengono almeno il 51% del capitale sociale della società medesima non deve essere superiore a 40 anni al momento della costituzione; il capitale sociale deve essere interamente sottoscritto da persone fisiche;
- per le cooperative, l'età dei rappresentanti legali e di almeno il 50% per cento dei soci
lavoratori che detengono almento il 51% del capitale sociale, non deve essere superiore a 40 anni al momento della costituzione.

Tipologia di agevolazione. Finanziamento agevolato a tasso zero, non supportato da garanzie
personali e reali concesso ai sensi del Regolamento de minimis. L'importo del finanziamento va da un minimo di 5.000,00 ad un massimo di 15mila euro per ogni singola domanda e per categoria di intervento di cui al successivo punto 3.4. La durata del finanziamento va da 36 a 120 mesi con un pre-ammortamento di ulteriori 12 mesi, e un pre-ammortamento tecnico di massimo 30 giorni.
Ai sensi della legge regionale 35/2000, i finanziamenti previsti dal bando, sono concessi nella forma di finanziamento agevolato fino ad una misura massima del 100% della spesa ammissibile a seguito di valutazione. Il valore nominale dell'aiuto concesso è pari al totale degli interessi gravanti su analoga operazione di finanziamento, determinati al tasso di riferimento vigente alla data di ammissione del progetto. Nella determinazione del tasso di riferimento si terrà conto di quanto previsto dalla Comunicazione della Commissione relativa alla revisione del metodo di fissazione dei tassi di riferimento e attualizzazione (2008/C14/02) e dalla Comunicazione della Commissione "Quadro di riferimento temporaneo comunitario per le misure di aiuto di Stato a sostegno del finanziamento nell'attuale situazione di crisi finanziaria ed economica" (2009/C16/01) e successive modifiche e integrazioni (s.m.i.).

Scadenza e presentazione delle domande: a partire dalle ore 9:00 del 26 gennaio fino alle ore 24:00 del 27 febbraio 2015 esclusivamente online, previo rilascio delle credenziali di accesso al sistema informativo, all'indirizzo http://www.toscanamuove.it così come specificato al par. 4 del testo integrale del bando.  La Regione Toscana si riserva di riaprire i termini di presentazione delle domande in relazione alle risorse disponibili.
Per ottenere le credenziali, nell'area "Registrazione" del sito occorre compilare la schermata con i dati anagrafici del legale rappresentante / persona fisica (o ad una persona delegata con apposita procura, anche in forma di scrittura privata, a sottoscrivere la domanda d'aiuto) e un indirizzo mail che verrà utilizzato per l'invio delle credenziali di accesso per l'area riservata
La modulistica è disponibile online http://www.toscanamuove.it così come previsto al par. 4.3 del testo integrale del bando

Riferimenti programmatici. Progetto pilota Startup House - azione 1.3 microcredito giovani,  turismo, commercio, cultura e terziario, di cui alle delibere di Giunta regionale n. 929/2014  e n. 866/2014 (Prse 2012-2015. Por Creo Fesr 2007-2013. Por Fesr 2014-2020: gestione in anticipazione. Progetto pilota Start up house). Nell'ambito di Startup House è aperto anche, dal 15 gennaio fino alle 17 del 16 novembre 2015, il bando per voucher per utilizzare spazi attrezzati

Attività produttive ammissibili. Sono ammissibili le iniziative nei settori che rientrano nelle sezioni della Classificazione delle attività economiche Ateco Istat 2007 così come definite dalla Raccomandazione della Commissione n. 361/2003 di seguito elencate:
G – Commercio all'ingrosso e al dettaglio;
Riparazione di autoveicoli e motocicli, con esclusione dei seguenti codici: 45.11.02, 45.19.02, 45.2 , 45.31.02, 45.40.12, 45.40.22, 45.40.3, 45.40.30, 46.1;
H – Trasporto e magazzinnaggio, esclusivamente per i seguenti codici: 49.39.01, 52.22.0, 52.22.09.
I – Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione;
J – Servizi di informazione e comunicazione, ad esclusione dei 61, 62 e 63 (quest'ultima ammissibile solo limitatamente al gruppo 63.91)
M – Attività professionali, scientifiche e tecniche esclsuivamente per i codici 71.11, 73.11.0, 74.2, 74.3
N – Noleggio, agenzia di viaggio, servizi di supporto alle imprese, esclusivamente per
i codici: 77.21.02; 77.22, 79, 82.3
P – Istruzione, esclusivamente per i codici 85.52;
R - Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento
S – Altre attività di servizi, esclusivamente per i seguenti codici: 96.04.2 e 96.04.20.

Progetti ammissibili. I destinatari del bando che intendono realizzare un progetto sul territorio della Regione Toscana in forza dell'agevolazione prevista dal bando, presentano, unitamente alla domanda di agevolazione una specifica proposta progettuale, corredata di tutta la documentazione di cui al paragrafo 4.3. La proposta progettuali deve illustrare nel dettaglio:
- le varie fasi del programma, ivi compresa quella realizzativa del risultato finale da conseguire;
- le modalità di realizzazione, finanziarie e gestionali del programma.

Spese ammissibili. Sono ammesse tutte le spese connesse allo svolgimento dell'attività economica e riconducibili alle seguenti categorie:
a) per investimenti, funzionalmente collegati all'attività economica ammissibile e regolarmente iscritti in bilancio:
1. macchinari, attrezzature, ivi compresi gli automezzi, e arredi (anche usati);
2. acquisto di brevetti e software;
3. opere murarie ed assimilate comprese quelle per l'adeguamento funzionale dell'immobile
per la ristrutturazione dei locali, nel limite del50% del totale delle spese ammesse;
4. investimenti atti a consentire che l'impresa operi nel rispetto di tutte le norme di sicurezza
dei luoghi di lavoro, dell'ambiente e del consumatore e, tra questi, investimenti specifici volti alla riduzione dell'impatto ambientale, allo smaltimento o riciclaggio dei rifiuti e alla riduzione dei consumi energetici o idrici.
È ammissibile anche l'acquisto di materiale usato se sono soddisfatte le tre seguenti condizioni:
- il venditore rilasci una dichiarazione attestante la provenienza esatta del materiale e che lo stesso, nel corso degli ultimi sette anni, non abbia beneficiato di un contributopubblico;
- il prezzo del materiale usato non sia superiore al suo valore di mercato e sia inferiore al costo di materiale simile nuovo, attestata da un perito tecnico;
- le caratteristiche tecniche del materiale usato acquisito siano adeguate alle esigenze dell'operazione e siano conformi alle norme e agli standard pertinenti, attestata da un perito tecnico.
b) per liquidità:
1. spese di costituzione;
2. acquisizione di consulenze e servizi connessi all'avvio e/o allo sviluppo dell'attività d'impresa;
3. spese generali (es. utenze, affitto, stipendi);
4. scorte;
5. materie prime

Per conoscere tutti i dettagli necessari per partecipare consultare il testo integrale del bando
Per saperne di più: www.toscanamuove.it, info@toscanamuove.it
Per assistenza tecnica e informazioni numero verde Toscanamuove 800 327723 dal lunedì al venerdì con orario 8:30 - 17:30.

Regione Toscana

Ultima modifica: 28/04/2017 15:26:17 - Id: 12217596
  • Condividi
  • Condividi