Salta al contenuto Salta al menu'

Rifiuti

In Primo Piano

Raccolte differenziate, sistemi di calcolo

All'interno del sistema integrato di gestione dei rifiuti, la raccolta differenziata svolge il compito fondamentale di ridurre il flusso e la pericolosità dei rifiuti da...

Autorizzazioni per impianti rifiuti

Cosa prevede la normativa - in vigore dal 2014 - in relazione alle autorizzazioni per gli impianti dei rifiuti

Rifiuti e bonifica dei siti, il piano regionale

Strumento di programmazione per le politiche di prevenzione, riciclo, recupero e smaltimento dei rifiuti.

Convocazioni Conferenze dei Servizi, autorizzazioni e procedimenti

Avvisi di Conferenza di Servizi - Rifiuti e bonifiche dei siti inquinati

Piano Rifiuti e Bonifiche

Piano Rifiuti e Bonifiche


Il 1° dicembre 2011 si è svolto a Firenze in Palazzo Strozzi Sacrati (Piazza del Duomo, 10) l'Electronic Town Meeting per la redazione del Piano regionale di gestione dei rifiuti e bonifica dei siti inquinati.

Instant Report prodotto alla conclusione dell'evento

Un percorso di accompagnamento al piano dei rifiuti e bonifica dei siti inquinati

Un percorso di ascolto e confronto
Lo scorso 7 luglio la Giunta Regionale della Toscana ha dato avvio al procedimento di formazione del Piano regionale di gestione dei rifiuti e bonifica dei siti inquinati.

Il contesto in cui si interviene è connotato da una sempre più accesa sensibilità delle amministrazioni e della popolazione sui temi ambientali, che, insieme al progresso dell'innovazione tecnologica, rende urgente la programmazione di nuovi obiettivi e strumenti a scala regionale. Il tema è tuttavia denso di criticità e potenziali conflittualità. Per questa ragione la Regione ha scelto di accompagnare la redazione del Piano con un percorso di ascolto e confronto con quanti per competenze professionali, ruolo istituzionale o esperienza diretta sul territorio possono arricchire il quadro conoscitivo e le possibili strategie future della pianificazione in quest'ambito. Il percorso di accompagnamento per la formazione della proposta intermedia del Piano è stato attivato con delibera regionale il 12 luglio, tramite un affidamento all'ATI Avventura Urbana-Sociolab, e ha le seguenti finalità:

  1. Svolgere un'indagine preliminare riguardante gli attori, sia pubblici che privati, che siano portatori di interesse sul tema dei rifiuti a scala regionale;
  2. Diffondere e condividere il quadro conoscitivo inerente lo scenario attuale e le possibili strategie future in tema di rifiuti, e contemporaneamente attivare un percorso di formazione e informazione rivolto in particolare agli amministratori pubblici;
  3. Promuovere una consultazione informata attraverso lo strumento del Town Meeting con un campione di portatori di interesse dell'intera regione, per far emergere il quadro delle opinioni in merito ad alcuni dilemmi di rilevanza pubblica.

Che cos'è il Town Meeting: il Town Meeting elettronico
Lo strumento del Town Meeting è nato circa quattrocento anni fa negli Stati Uniti come espressione di democrazia diretta. Rivisitato e riproposto negli anni '90 con l'introduzione delle nuove tecnologie ("electronic-TM"), tale strumento consente un processo deliberativo, ossia un confronto argomentato su larga scala con l'inclusione di tutti gli interessi e i punti di vista toccati dall'oggetto della discussione, permettendo a centinaia o migliaia di persone di discutere ed esprimersi, anche da luoghi diversi, su problemi di interesse generale.

Come funziona
Un campione di partecipanti viene invitato a partecipare all'evento e a discutere sul tema prescelto. Affinché tutti i partecipanti arrivino il giorno dell'evento con una preparazione comune sul tema in oggetto e possano così intavolare delle discussioni informate, viene inviata a tutti, qualche giorno prima dell'evento, una guida alla discussione, contenente informazioni sui temi che verranno trattati.

I partecipanti discutono attorno a tavoli rotondi di circa 10 persone, ai quali siede un facilitatore, che ha il compito di moderare la discussione.

Ciò che emerge durante la discussione al tavolo viene descritto con brevi commenti e inviato, attraverso un pc collegato in rete con un server centrale, alla squadra dei temi (Theme Team), che ha il compito di leggere i commenti pervenuti e di evidenziare i temi comuni e le intuizioni più stimolanti e infine di condensarli in un testo sintetico. Le sintesi prodotte dalla Theme Team (TT) vengono presentate all'attenzione di tutta l'assemblea e rappresentano la base per la formulazione di domande da sottoporre al pubblico tramite il televoto.

Il televoto consiste in una votazione individuale che permette di porre individualmente ai partecipanti le domande generate dalla discussione e sulle quali i partecipanti possono  esprimersi votando in tempo reale mediante apposita strumentazione.

Al termine della giornata viene distribuito un documento finale (instant report), contenente gli esiti delle discussioni sintetizzate dalla Theme Team e del televoto.

Scarica il documento in pdf


Quadro conoscitivo condiviso: qual è la situazione attuale?

Premessa
Il seguente documento è stato elaborato sulla base di un lavoro di analisi e condivisione con il "Tavolo degli stakeholders", un tavolo ristretto a cui sono invitati a sedere circa venti portatori di interesse strategici per l'implementazione delle politiche regionali sul tema.

Obiettivo principale del tavolo è stato condividere il presente quadro conoscitivo e affiancare la Regione nella selezione dei dati e delle informazioni più rilevanti per impostare correttamente la discussione pubblica sul tema del Piano regionale e, in questo caso, fornire la base conoscitiva da  inserire nella presente Guida alla discussione... scarica il documento completo (pdf)

 


Ultima modifica: 13/01/2014 12:08:09 - Id: 56232
  • Condividi
  • Condividi