Salta al contenuto Salta al menu'

Biblioteche

In Primo Piano

Leggere in Toscana

I lughi dove leggere in Toscana e alcuni consigli di lettura

Reti documentarie toscane

Come sono organizzati biblioteche e archivi in Toscana

Trovare una biblioteca o un archivio

Per trovare una biblioteca o un archivio nel territorio toscano si possono consultare più strumenti: il repertorio e la ricerca georeferenziata delle biblioteche e...
« Indietro

Per una storia della tutela bibliografica

Per una storia della tutela bibliografica

Spunti di riflessione dall'Archivio storico regionale
Con l'ultima riforma del Ministero dei beni culturali (Legge n. 125/2015) la competenza sulla tutela bibliografica, gestita dalle Regioni tra il 1972 e il 2015, è stata avocata di nuovo allo Stato. Dagli anni Settanta la tutela sulle biblioteche locali e di interesse locale era stata esercitata dalle Regioni. Prima di questo lungo periodo la funzione di tutela era affidata alle Soprintendenze bibliografiche istituite presso le Biblioteche statali e con competenze sul territorio regionale: in Toscana, sede della Soprintendenza fu la Biblioteca nazionale centrale di Firenze. Gli uffici addetti alla tutela si occuparono del controllo sulle biblioteche antiche, soprattutto per quanto riguarda la vendita, l'esportazione e i passaggi di proprietà, ma anche e sempre di più della promozione delle biblioteche pubbliche.
La storia di questa funzione e soprattutto il lavoro svolto sul territorio, prima del transito in Regione Toscana, è raccontata dalle carte conservate nell'Archivio storico della Regione Toscana.
 
In questo archivio si conservano infatti, tra l'altro, i documenti provenienti dalle istituzioni soppresse prima della nascita della Regione. Da quelle carte si comprende come avvenne la nascita dell'ufficio di Soprintendenza bibliografica, come operò rafforzando i servizi di pubblica lettura fino alla nascita di un moderno servizio bibliotecario regionale.
 
In occasione di questo ritorno della funzione della tutela bibliografica allo Stato, l'Archivio della Giunta regionale toscana ha pubblicato l'inventario di quelle carte sulle quali si potrà studiare questa storia.
 
Il 27 febbraio prossimo il libro che contiene l'inventario – terzo volume della collana "Archiversi" edita dall'Archivio della Regione Toscana – verrà presentato al pubblico, proprio presso la Soprintendenza archivistica e bibliografica per la Toscana che è l'ufficio dello Stato che ha ereditato la competenza sulla tutela bibliografica. Sarà l'occasione per discutere di questo passaggio con andata e ritorno della funzione di tutela e vigilanza sulle biblioteche, dell'importanza degli archivi che raccontano la storia e soprattutto della collaborazione tra Stato e Regione in materia di beni culturali.
 

Ultima modifica: 23/02/2018 16:32:37 - Id: 15122151