Salta al contenuto Salta al menu'

Par Fas, linea 2. Sostegno ai Programmi di sviluppo delle PMI industriali, artigiane, cooperative ivi compresa l'imprenditoria femminile

Par Fas, linea 2. Sostegno ai Programmi di sviluppo delle PMI industriali, artigiane, cooperative ivi compresa l'imprenditoria femminile


domenica, 31 gennaio 2010 11:59
Non specificato

PIR 1.3 - Linea 2 Finalità
L'intervento ha l'obiettivo di supportare i processi di internazionalizzazione delle piccole e medie imprese, anche in forma associata, mediante il sostegno a progetti di investimento in Paesi esterni all'area UE, favorendone in particolare una presenza stabile.

Soggetti beneficiari
Piccole e medie imprese, come definite dall'allegato 1 del Reg. CE n. 800/2008 della Commissione europea, ubicate nell'intero territorio regionale, regolarmente iscritte al registro delle imprese, che esercitino un'attività economica indicata come prevalente nelle seguenti sezioni della classificazione delle attività economiche ATECO 2007:
B – Estrazione di minerali da cave e miniere, ad esclusione dei gruppi 05.1, 05.2 e della classe 08.92
C - Attività manifatturiere, ad esclusione del gruppo 19.1
E – Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento
F – Costruzioni
H – Trasporto e magazzinaggio, ad esclusione dei gruppi 49.1, 49.3, 50.1, 50.3, 51.1, 51.2, 53.1 e 53.2
J – Servizi di informazione e comunicazione, ad esclusione della divisione 60 e dei gruppi 61.9, 63.9
M – Attività professionali, scientifiche e tecniche, limitatamente ai gruppi 71.2, 72.1, 74.1
S – Altre attività di servizi, limitatamente alla categoria 96.01.1

Sono ammessi i raggruppamenti temporanei di imprese – RTI (come disciplinati dal D.Lgs. 163/06 e successive modifiche e integrazioni), costituiti o costituendi, di almeno tre imprese di piccola e/o media dimensione.
Sono ammessi, altresì , i consorzi di imprese purché sia garantita la partecipazione al programma di internazionalizzazione di almeno 3 imprese associate al consorzio stesso.

Attività finanziabili
Sono ammissibili alle agevolazioni le spese relative a progetti di penetrazione commerciale, rivolti a Paesi esterni all'area UE, che comprendano le seguenti attività:
A. Partecipazione a fiere e saloni all'estero.
B. Creazione di uffici o sale espositive all'estero.
C. Altre azioni promozionali: incoming di operatori esteri, incontri bilaterali fra operatori,
workshop, seminari all'estero o nel territorio in cui hanno sede le imprese beneficiarie, azioni di comunicazione sul mercato, eventi collaterali alle presenze fieristiche, attività di formazione.
D. Studi di fattibilità.
E. Servizi e attività di gestione e coordinamento del progetto.

Misura dell'agevolazione
Sono ammessi i soli programmi che prevedano un investimento ammissibile non inferiore a € 15.000 e non superiore a € 150.000 se presentati da imprese singole.
Nel caso di Consorzi tali limiti minimi e massimi sono fissati rispettivamente a € 50.000 e € 400.000.
Nel caso di RTI i limiti sono rispettivamente pari a € 50.000 e € 1.000.000.
L'agevolazione è pari al 50% delle spese ammesse ed è concessa nella forma di contributo in conto capitale nel limite di quanto previsto dal Regolamento CE 1998/2006.
Per ciascuna tipologia di spesa sono previsti limiti massimi.
Il contributo erogato alle imprese beneficiarie, con esclusione della parte inerente l'acquisto dei beni strumentali, così come previsto dall'art. 28 del D.P.R. 600/73, è soggetto a una ritenuta d'acconto del 4%.
Non sono ammessi programmi di investimento che prevedano esclusivamente la "partecipazione a fiere e saloni" o "servizi e attività di gestione e coordinamento del progetto".
La graduatoria è redatta sulla base di definiti criteri di premialità.

Scadenza
Le domande devono essere presentate dal 15/12/2009 al 31/01/2010

Presentazione domande
Le domande dovranno essere spedite a mezzo raccomandata A.R. dal 15 dicembre 2009 e fino al 31 gennaio 2010. Per la presentazione delle domande devono essere utilizzati esclusivamente i moduli che saranno resi disponibili su rete telematica all'indirizzo:
http://www.regione.toscana.it/regione/export/RT/sito-RT/Contenuti/sezioni/economia_finanza/Imprese/visualizza_asset.html_1277850858.html

Per saperne di più
Riccardo Sassetti – Tel 055/4383182 – riccardo.sassetti@regione.toscana.it
Teresa Magherini – Tel 055/4383132 – teresa.magherini@regione.toscana.it

Riferimenti normativi
Decreto Dirigenziale n. 6276 del 04/12/2009
 

Regione Toscana

Ultima modifica: 19/03/2013 15:15:16 - Id: 349676