Salta al contenuto Salta al menu'

Ammortizzatori sociali

In Primo Piano

Ammortizzatori sociali in deroga 2017

Proroga della mobilità in deroga e della cassa integrazione per l'anno 2017 Decreto legislativo 50/2017

Regione Toscana: gli Uffici vertenze e crisi aziendali

Indirizzi, e mail e referenti degli Uffici centrali e territoriali della Regione Toscana, competenti per vertenze e crisi aziendali, procedure CIGS e di Licenziamento Collettivo. ...
« Indietro

Mobilità in deroga per l'anno 2017

Decreto legislativo n. 50/2017

Mobilità in deroga per l'anno 2017

 

La concessione della mobilità in deroga riguarda soggetti disoccupati ai sensi del D.lgs. 150/2015, licenziati da un'unità produttiva ubicata in uno dei Comuni appartenenti alle aree di crisi industriale complessa di Piombino e Livorno, ovvero:

  • Piombino - Campiglia Marittima - San Vincenzo - Suvereto - Livorno - Collesalvetti - Rosignano Marittimo

e che abbiano beneficiato o stiano beneficiando, a seguito di tale licenziamento, dell'indennità di mobilità ex L. 223/91.
I soggetti interessati devono risultare beneficiari al 1° gennaio 2017 del trattamento di mobilità ordinaria, o di mobilità in deroga, con scadenza di tale prestazione nel periodo compreso tra il 1° gennaio e il 30 dicembre 2017.

La durata massima del trattamento è di 12 mesi, così come previsto dall'art. 53-ter del D.L. 50/2017.

L'art. 53-ter del decreto legge 24 aprile 2017 n. 50  convertito, con modificazioni, nella L. 96/2017, consente alle Regioni di destinare le risorse non utilizzate per la proroga della CIGS - di cui all'articolo 44 "Disposizioni finali e transitorie" comma 11-bis  del decreto legislativo n. 148/2015 -  alla prosecuzione, senza soluzione di continuità, del trattamento di mobilità in deroga per una durata massima di 12 mesi, per i soggetti licenziati da unità produttive ubicate nelle aree di crisi industriale complessa.

Con la delibera di Giunta reginale n. 842 del 31 luglio 2017 sono state approvate le le Linee Guida per la mobilità in deroga per l'anno 2017 (allegato A della delibera) che disciplinano la concessione della mobilità in deroga in Toscana ai sensi dell'art. 53-ter del decreto legge n. 50/2017.
 

Presentazione della domanda

I lavoratori in possesso dei requisiti previsti dalla D.G.R. 842/2017, devono recarsi presso il Centro per l'Impiego di competenza per la compilazione della domanda.
La domanda deve essere inviata a mezzo raccomandata A/R, unitamente a copia del documento di identità del lavoratore in corso di validità, a

  • Regione Toscana, Settore Lavoro
  • via Pico della Mirandola, 24 – 50132 Firenze

Nella domanda il richiedende deve indicare l'indirizzo postale o la casella email presso la quale vuole ricevere la comunicazione sull'esito della richiesta. 

La domanda di mobilità in deroga deve essere inviata alla Regione Toscana entro il termine perentorio di 60 giorni dalla scadenza della precedente prestazione di mobilità ordinaria o di mobilità in deroga; per i lavoratori che abbiano cessato la precedente prestazione nel periodo che intercorre tra il 1° gennaio 2017 e la data di pubblicazione sul BURT delle Linee Guida di cui alla D.G.R. 842/2017, il termine di 60 giorni decorre dalla data di pubblicazione delle citate Linee Guida sul BURT.

Il modello INPS di richiesta del pagamento del trattamento di mobilità in deroga (DS21-SR05), deve essere trasmesso all'INPS, esclusivamente per via telematica attraverso uno dei seguenti canali indicati nella circolare INPS n. 102/2012:

  • portale web dell'INPS: servizi telematici accessibili al cittadino, previa registrazione sul sito web stesso, tramite PIN
  • Patronati/Intermediari dell'Inps: attraverso i servizi telematici da loro offerti;
  • contact center integrato: telefono 803164

La richiesta di pagamento ad INPS deve essere inviata entro 60 giorni dalla fine della precedente prestazione; se la precedente prestazione è scaduta antecedentemente alla pubblicazione delle presenti Linee Guida sul BURT, il termine di 60 giorni decorre dalla data di pubblicazione delle Linee Guida sul BURT.

Valutazione e auotirzzazione delle domande di mobilità in deroga
Le domande saranno valutate e autorizzate, secondo l'ordine cronologico di arrivo della documentazione completa dal Settore Lavoro della Regione Toscana, nei limiti delle risorse disponibili, e previa valutazione da parte del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali del piano regionale delle politiche attive e della sostenibilità finanziaria del trattamento di prosecuzione di mobilità in deroga.

L'autorizzazione o la comunicazione di diniego della domanda di mobilità in deroga saranno inviate al richiedente, tramite posta ordinaria,  all'indirizzo indicato sulla domanda, nonché all'INPS regionale. Per tutti coloro che nella richiesta avranno indicato un indirizzo di email valido, l'autorizzazione o la comunicazione di diniego potranno essere inviate via email.

Informazioni
È possibile rivolgersi alla Regione Toscana il martedì e mercoledì dalle ore 10.00 alle ore 13.00 al seguente numero telefonico 055 4382086 oppure inviando una mail a: mobilitaderoga@regione.toscana.it


Norme di riferimento

  • Delibera G.R. n. 842 del 31 luglio 2017  
    Mobilità in deroga per l'anno 2017 - approvazione Linee Guida
  • Accordo Quadro Regione Toscana e Parti Sociali del 9 novembre 2016  
     
  • Delibera G.R. n. 1101 del 8 novembre 2016   
    Ammortizzatori sociali in deroga per la Toscana - modifiche alla delibera Giunta regionale 1324/2015
     
  • Circolare Ministero del Lavoro n. 34 del 4/11/2016 ►►
     
  • Decreto legislativo 24 settembre 2016 n. 185 ►►
     
  • Delibera G.R. n. 1324 del 29/12/2015   
    Ammortizzatori sociali in deroga per la Toscana anno 2016: approvazione linee guida
  • Delibera G.R. n. 1120 del 1/12/2014  ►►
    Ammortizzatori sociali in deroga in Toscana 2014 e 2015: approvazione linee guida
     
  • Decreto interministeriale n. 83437 del 1 agosto 2014 ►►

 


Ultima modifica: 06/12/2017 16:41:08 - Id: 64724