Salta al contenuto Salta al menu'

Energia

In Primo Piano

Certificazione energetica in Toscana

Certificazione energetica degli edifici: ecco le regole vigenti in Toscana

Piano ambientale ed energetico

Il Paer è lo strumento per la programmazione ambientale ed energetica.

Conferenze dei Servizi

Pubblicati qui gli ultimi avvisi di convocazione

Controlli sugli impianti termici

Gli "impianti termici" sono gli impianti per il riscaldamento o il condizionamento dei nostri immobili

Misurare la performance energetica

Cittadini: Certificazione energetica

Misurare la performance energetica


L’attestato di certificazione energetica è un documento che indica mediante una lettera il consumo dell'immobile.
La legge prevede una scala che va dalla A (con la A+ che è in assoluto la più virtuosa), alla G (che è la più energivora, quella con i consumi più alti).
Questo valore, per adesso, tiene conto soltanto dei consumi per il riscaldamento invernale e di quelli per la produzione di acqua calda e non considera quelli per il condizionamento e l'illuminazione. Con successivi atti integrativi il legislatore dovrà procedere all’estensione della certificazione a tutti i consumi energetici degli edifici.

L’attesta di certificazione energetica dura dieci anni e consente di conoscere la qualità di un'abitazione e di quantificare gli interventi per renderla meno energivora.

Le “Linee guida nazionali sulla certificazione energetica degli edifici” indicano le metodologie per classificare l’immobile.
La Toscana, che ha recentemente varato proprie norme (DPGR 25 febbraio 2010, n. 17/R), ha confermato le metodologie di calcolo indicate dalle Linee Guida nazionali.
Le Linee guida nazionali rappresentano uno dei provvedimenti attuativi previsti dal D.Lgs 192/2005.. Precedentemente era entrato in vigore il DPR n. 59 del 2 aprile 2009 che ha stabilito i requisiti energetici minimi per i nuovi edifici e per le attività di ristrutturazione di quelli esistenti

Per maggiori informazioni sui decreti applicativi del D.Lgs.192

La certificazione energetica è stata pensata per ridurre i consumi energetici a livello globale: così come si sceglie un elettrodomestico che consuma poco, in un futuro non molto lontano sceglieremo un'abitazione non solo per i diversi fattori che oggi la caratterizzano (posizione, qualità e distanza dei servizi, rumorosità, etc. etc.) ma anche sulla base del suo consumo misurato in Kilowattore. Con la certificazione energetica si avranno presto vantaggi per molte categorie: nel settore delle costruzioni ci saranno sempre più ristrutturazioni indirizzate al contenimento della spesa energetica; i cittadini avranno in mano uno strumento con il quale poter scegliere l’appartamento anche in base ai consumi e non solo in base alla finiture; il Paese avrà una ricaduta in termini di sostenibilità energetica e ambientale dovuta al miglioramento delle prestazioni energetiche del parco edilizio.


Ultima modifica: 13/12/2012 02:18:19 - Id: 277187
  • Condividi
  • Condividi