Salta al contenuto Salta al menu'

Vaccinazioni

Le vaccinazioni con compartecipazione al costo

Le vaccinazioni con compartecipazione al costo


Le Aziende USL, valutando anche la disponibilità di nuovi vaccini sul mercato, una volta assicurati e resi operativi i programmi di vaccinazione del presente calendario, possono rendere disponibili tutte le vaccinazioni di comprovata efficacia che non contrastino con le strategie di sanità pubblica.
Le prestazioni richieste saranno offerte con la compartecipazione al costo da parte dell'utente, secondo un tariffario approvato con deliberazione della Giunta Regionale, prevedendo anche il coinvolgimento dei pediatri di famiglia o dei medici di medicina generale, tramite appositi accordi aziendali.

Vaccinazione antirotavirus (RV)
La possibilità di disporre di vaccini utili per la prevenzione di massa della gastroenterite acuta da RV ha fatto sì che la Regione Toscana, vista l'epidemiologia della malattia, le sue complicanze, i costi diretti ed indiretti, il carico di lavoro che determina per tutta la Sanita, abbia inserito tali vaccini tra quelli da rendere disponibili, su consiglio del pediatra di famiglia, in co-pagamento.
Esistono in commercio due vaccini che hanno caratteristiche e schedule differenti:

  • uno contiene un ceppo umano vivo ed attenuato, si somministra per bocca in due dosi a distanza di quattro settimane a partire dalla 6° settimana di vita ed è co-somministrabile con le altre vaccinazioni previste per l'età; il ciclo dovrebbe essere effettuato preferibilmente entro la 16° settimana di vita e in ogni caso entro la 24esima settimana di vita.
  • l'altro è costituito da 5 ceppi di virus vivo attenuato umano-bovino, si somministra per bocca in tre dosi a partire dalle sei settimane di vita con un intervallo di almeno 4 settimane tra una dose e l'altra ed e co-somministrabile con la altre vaccinazioni previste per l'età; è preferibile che le tre dosi siano somministrate prima delle 20-22 settimane e non oltre gli 8 mesi di età.

Nell'anamnesi prevaccinale va valutata la presenza di pregresse invaginazioni intestinali, perché in caso positivo la vaccinazione è controindicata.


Ultima modifica: 18/11/2016 14:42:02 - Id: 12031965