Salta al contenuto Salta al menu'

Energia

In Primo Piano

Controlli sugli impianti termici

Gli "impianti termici" sono gli impianti per il riscaldamento o il condizionamento dei nostri immobili

Piano ambientale ed energetico

Il Paer è lo strumento per la programmazione ambientale ed energetica.

Certificazione energetica in Toscana

Certificazione energetica degli edifici: ecco le regole vigenti in Toscana

Conferenze dei Servizi

Pubblicati qui gli ultimi avvisi di convocazione

Le buone pratiche

Le buone pratiche

Naviga in questa sezione per scoprire alcune delle tante buone pratiche realizzate dagli enti pubblici toscani. Ma soprattutto, segnalaci le buone pratiche che sono state realizzate dal tuo ente. Invia le tue segnalazioni a energia@regione.toscana.it e clicca qui per scoprirne alcune.

Risparmio energetico, Arezzo passa al Led per l'illuminazione pubblica
Tetti fotovoltaici per le scuole della Provincia di Firenze
Grosseto ha il parco eolico più famoso della Toscana: ai Poggi Alti di Scansano
Livorno accende il carcere di Gorgona con il fotovoltaico
Il comune di Massa autoregolamenta i propri consumi
Lucca: al via il progetto Biomass
Pisa: fotovoltaico sui tetti di scuole ed edifici pubblici
Pistoia: al via i lavori per la centrale a biomasse di Pescia
Il Comune di Prato compra terreni inutilizzabili e vi costruisce parchi fotovoltaici
Siena progetta la filiera del biodiesel: dai campi ai mezzi pubblici
Comune di Campiglia Marittima (LI): Fischiailvento azionariato diffuso per le energie rinnovabili


 


Risparmio energetico, Arezzo passa al Led per l'illuminazione pubblica

Il comune di Arezzo ha varato un progetto per rendere efficiente tutta la rete di illuminazione pubblica: con un costo complessivo di 15 milioni di euro saranno sostituite tutte le lampade dei vecchi lampioni, con nuovi punti luce a tecnologia Led, sperimentata e brevettata da Enel sole, che ha vinto l'appalto per espletare il servizio in tutta la filiera, dall'illuminazione alla manutenzione della rete, senza tralasciare la parte innovativa sperimentale. Le nuove lampade assicurano oltre 50.000 ore di vita media rispetto alle 12.000 delle lampade del passato, e a regime è stata stimata una riduzione dei consumi energetici per circa un milione e settecentomila KWh/annui, e delle emissioni di anidride carbonica nell'ambiente pari a circa 1.300 tonnellate annue.
Infine i nuovi punti luce a led eliminano ogni dispersione del flusso verso l'alto, quindi contribuiscono anche alla riduzione dell'inquinamento luminoso.

Tetti fotovoltaici per le scuole della Provincia di Firenze

La Provincia di Firenze ha approvato concessioni ventennali di porzioni di tetto di alcuni immobili di proprietà all'Agenzia fiorentina per l'energia srl per l'installazione di pannelli fotovoltaici. Si tratta di 10 scuole: Agnoletti di Sesto Fiorentino; Gobetti e Volta di Bagno a Ripoli; Russel Newton di Scandicci; Ulivi di Borgo San Lorenzo; Vasari di Figline Valdarno; Saffi, Peano e Gramsci di Firenze e Pontormo Ferraris di Empoli. L'Agenzia fiorentina per l'energia farà l'intero investimento avvalendosi dell'incentivo previsto dal conto energia per la posa in opera dei pannelli ed offre la possibilità di poter vendere l'energia prodotta. Quindi il conto energia sarà preso dall'Agenzia per poter finanziare l'operazione attraverso un mutuo ventennale. Il corrispettivo della Provincia verrà, di anno in anno, valutato perché sta all'autorità per l'energia elettrica valutare ogni anno qual è il corrispettivo che verrà dato per l'immissione in rete dell'energia prodotta. Nei costi dell'operazione, nell'arco di 20 anni, non si prevede solo il costo dell'istallazione dei pannelli, ma anche tutti i costi assicurativi, di manutenzione, di intervento ed i costi che garantiscono l'efficienza per almeno 20 anni dei pannelli.


Grosseto ha il parco eolico più famoso della Toscana: ai Poggi Alti di Scansano

Il parco eolico dei Poggi Alti è costituito da dieci aerogeneratori, ubicati sull'omonimo crinale collinare ad un'altitudine variabile tra i 600 e i 650 metri slm. Sulle torri, alte 67 metri, sono installati rotori tripala che hanno un diametro di 90 metri. Ciascuna di esse è equipaggiata con un generatore G90 in grado di produrre 2 megawatt di energia. La capacità produttiva totale dei dieci aerogeneratori è, pertanto, di 20 megawatt e fa dell'impianto il più grande parco eolico della Toscana. La produzione di energia eolica ha l'obiettivo di rendere autonomi, dal punto di vista energetico, i comuni di Scansano e quelli limitrofi situati nell'area delle colline dell'Albegna e del Fiora.
 

Livorno accende il carcere di Gorgona con il fotovoltaico

L'impianto fotovoltaico, installato direttamente dai detenuti del penitenziario di Gorgona, si inserisce in un progetto più ampio che, evitando l'emissione di 63 tonnellate di CO2 all'anno, costituisce un piccolo contributo per rispettare e raggiungere gli obiettivi del Protocollo di Kyoto. L'impianto fotovoltaico è costituito da 304 moduli fotovoltaici e ha una potenza complessiva di 50kW.
L'energia prodotta dall'impianto è immessa nella rete elettrica dell'isola e usata in primis dalle utenze locali, mentre l'eccesso viene distribuito sul resto dell'isola dove ci sono molteplici attività ittiche, agricole e di allevamento. Gorgona, infatti, non è connessa alla rete elettrica nazionale e la produzione primaria è affidata a due gruppi elettrogeni da 300kW, collegati in parallelo e alimentati a gasolio, che producono energia elettrica in modalità trifase a 400V che viene distribuita sull'isola, dopo essere convertita a 400V/230V, attraverso una rete locale di nove cabine per essere utilizzata localmente.
L'impianto fotovoltaico è stato, quindi, installato e connesso nella zona degli uffici della direzione dove il consumo di energia è più elevato e dove, oltre agli uffici direttivi e amministrativi, sono presenti alcune attività come il bar, la mensa e gli alloggi utilizzati dal personale.

Il comune di Massa autoregolamenta i propri consumi

Un tetto massimo alle temperature negli uffici, maggiore attenzione nell'uso degli impianti elettrici e degli strumenti elettronici, cura e auto-controllo nell'uso delle postazioni e degli ambienti di lavoro. L'Amministrazione comunale di Massa ha avviato nel gennaio del 2009 un percorso di autoregolamentazione, volto al risparmio energetico. Il regolamento invita tutti i dipendenti ad evitare consumi impropri d'energia, stabilisce controlli e individua i controllori che avranno la responsabilità di informare i colleghi sulle possibilità di risparmio e di sorvegliare l'effettiva e corretta osservanza delle disposizioni, al fine di costituire un esempio virtuoso per i cittadini

Lucca: al via il progetto Biomass

Si chiama «Biomass, energia che cresce», il primo progetto del Programma transfortaliero Italia-Francia per la valorizzazione delle biomasse come fonte energetica rinnovabile.
Biomass è un piano da 1 milione e 850mila €, finanziato dal FERS (1.387.500 €) e dal Cipe (462.500 €), di cui la provincia di Lucca è capofila, e ha come partner le province di Pisa, Massa Carrara, Grosseto, Nuoro, la Regione Liguria e l'Ordac (Office du développement agricole et rural de Corse). Il progetto ha portato sul territorio 500mila euro di contributi, ed è volto a verificare e promuovere l'utilizzo di sostanze di origine animale e vegetale, non fossili, come gli scarti delle attività agricole, dell'allevamento, dell'industria del legno o di quella agroalimentare, che possono essere usate come combustibili per la produzione di energia. Trarre energia dalle biomasse consente di eliminare gli scarti prodotti dalle attività agroforestali e, contemporaneamente, produrre energia elettrica, riducendo, i costi del consumo energetico. (25-5-2009).

Pisa: fotovoltaico sui tetti di scuole ed edifici pubblici

L' Aep (Agenzia Energetica Pisana) ha completato lo studio di fattibilità, elaborato su incarico della provincia di Pisa, per l'installazione di impianti energetici alimentati da fonte solare fotovoltaica sui tetti degli edifici dell'Ente. L'Aep ha anche sviluppato le progettazioni (11 in totale quelle realizzate e riguardanti 9 siti diversi, ritenuti idonei). L'operazione, inoltre si è caratterizzata per l'introduzione di un innovativo modello di finanziamento (il leasing pubblico), grazie al quale non solo si prevede di coprire i costi per le installazioni, ma si stima anche un ricavo annuo.
Per quanto riguarda i costi, in base alle stime dell'Aep con l'utilizzo del finanziamento innovativo, l'intera operazione potrà avvenire a costo zero e addirittura produrre anche un utile netto per le casse provinciali che, grazie alle incentivazioni statali e al meccanismo del leasing, dovrebbe raggiungere i 65.000 euro all'anno e oltre 1.100.000 euro in 20 anni. Gli edifici individuati per le progettazioni sono: 4 scuole superiori di Pisa (liceo scientifico Dini, classico Galilei, professionale Pacinotti, magistrale Carducci), 3 di Pontedera (Itis Marconi, Itcg Fermi, magistrale Montale), 1 di Volterra (istituto d'arte), più il centro per l'impiego di Santa Croce.

Pistoia: al via i lavori per la centrale a biomasse di Pescia

Nei giorni scorsi la Provincia di Pistoia ha reso noti i risultati della gara per la realizzazione dell'impianto a biomasse per l'Istituto Marchi Sismondi Pacinotti di Pescia. L'impianto da realizzare all'Istituto di Pescia, da terminare a fine 2009, prevede un nuovo sistema di riscaldamento con centrale composta da due caldaie, con potenza complessiva di 1,2 Mw termici al servizio di 6 edifici (tra cui la piscina, le palestre e le officine) dei due complessi scolastici interessati. Con questo sistema, si avrà un riduzione di CO2 pari a circa 430 tonnellate l'anno, mentre è stimato un consumo di cippato (il combustibile proveniente da materiale forestale locale) di circa 600 tonnellate annue. Il costo complessivo dell'opera è di 850.000 €, di cui 362.435 finanziati dalla Regione Toscana.


Il Comune di Prato compra terreni inutilizzabili e vi costruisce parchi fotovoltaici

Il Comune di Prato ha investito 75mila euro per l´acquisto di un terreno nella zona del Calice intorno alla seconda tangenziale e ne ricaverà 100.000 l´anno per 20 anni, producendo energia rinnovabile. L'idea è venuta dal fatto che essendo "aree di laminazione" (per la vicinanza della costruenda arteria stradale) non è possibile realizzarvi parchi e giardini. Di qui l´idea della loro valorizzazione per la produzione di energia. il comune recupererà già dal primo anno la spesa per il terreno, è la dimostrazione che la compatibilità ambientale può andare di pari passo con gli interessi economici, una cosa molto importante anche per un cambiamento culturale. L´amministrazione ha calcolato che un´area di 15.000 mq consente la produzione di 1.350.000 Kwh/anno per un valore economico complessivo di 600.000 euro, incentivi compresi.

Siena progetta la filiera del biodiesel: dai campi ai mezzi pubblici

Sono stati recentemente presentati i risultati del "Progetto pilota per lo sviluppo integrato delle energie rinnovabili dal settore agricolo – progetto S.I.En.A. – sottoprogetto filiera biodiesel". Si è realizzata una filiera pilota per la produzione di biodiesel e per il suo utilizzo in miscela al 25% in alcuni mezzi pubblici della società di trasporto Train e della società di gestione dei rifiuti urbani Siena Ambiente, operanti nel territorio della provincia di Siena. L'obiettivo ultimo del progetto era quello di verificare la sostenibilità economica e ambientale della filiera, nell'ambito del territorio della provincia di Siena ed anche di valutare la replicabilità dell'esperienza in contesti più ampi rispetto a quello oggetto della sperimentazione. E' stato un progetto innovativo, tra i primi in Italia, che ha fatto il calcolo delle emissioni di gas serra in ogni fase della filiera, come previsto dalla recente direttiva europea (2009/28/CE sulla Promozione dell'uso dell'energia da fonti rinnovabili pubblicata in GU lo scorso 5 giugno).

 


Comune di Campiglia Marittima (LI): Fischiailvento azionariato diffuso per le energie rinnovabili

Si è costituito il 7 Aprile 2010, in Venturina, un gruppo per l'azionariato sociale nel settore del mini-eolico.
Il gruppo, che ha assunto il nome di "Fischiailvento", intende reperire uno o più siti idonei alla installazione di turbine eoliche di potenza inferiore a 60 kW costituendo, per ciascuna, gruppi di acquisto composti di circa 40 famiglie per ogni turbina. Sono già stati individuati siti idonei ed immediatamente "fischiailvento" avvierà le trattative per acquisire i diritti di installazione su tali siti. Il gruppo provvederà ad attivare l'installazione con la procedura di D.I.A. ed alla gestione dell'impianto che dovrà produrre energia equivalente a quella necessaria per il fabbisogno domestico dei promotori.
L'energia sarà consegnata alla rete e dalla vendita dovranno ricavarsi, oltre alla copertura dei costi, dei giusti margini di guadagno per le famiglie promotrici. Il gruppo di promotori provvederà ad accogliere nuovi soci, sulla base di un modulo di adesione e riserva l'accesso ai cittadini del Comune di Campiglia Marittima. Una delegazione appositamente nominata procederà nei prossimi giorni a visitare i produttori delle turbine della taglia programmata ed a prendere contatti per la costituzione ufficiale della società.
Il gruppo costitutivo è contattabile all'indirizzo: sozzi.gino@alice.it


Ultima modifica: 08/02/2013 14:39:38 - Id: 258618
  • Condividi
  • Condividi