Salta al contenuto Salta al menu'

Intense defogliazioni causate da Limantria in Provincia di Arezzo

Intense defogliazioni causate da Limantria in Provincia di Arezzo

Comuinicazione servizio Meta della Regione Toscana, Corpo forestale dello Stato e Provincia di Arezzo

In Provincia di Arezzo, i querceti a cavallo del confine tra i comuni di Sansepolcro e Pieve S. Stefano, hanno subito nel mese di giugno un'intensa defogliazione a causa dell'attività trofica delle larve di Limantria dispar. Nel corso del sopralluogo effettuato dai rilevatori del Servizio Meta insieme al personale del CFS e della Provincia di Arezzo è emerso come l'infestazione interessi più di 200 ettari di bosco.
È stato notato inoltre come da focolai iniziali ubicati in prevalenza su aree di crinale le giovani larve siano state trasportate dal vento espandendosi anche nei versanti sottostanti e sulle colline adiacenti.
Le piante, che ora si presentano anche con forti defogliazioni, non subiranno danni permanenti ma saranno presto in grado di ricostituire la chioma.
In aree limitate è stata osservata anche la presenza di un altro defogliatore, Euproctis chrysorrhoea, le cui larve, a differenza di quelle di Limantria, sono dotate di peli urticanti in grado di provocare irritazioni a persone o animali.
Nei prossimi giorni verranno effettuati ulteriori sopralluoghi al fine di definire con maggior precisione l'estensione dell'area colpita. Ulteriori rilievi saranno realizzati a fine estate-autunno per effettuare una prognosi sull'andamento dell'infestazioni nella prossima primavera-estate.
La valutazione su di un possibile aumento o al contrario ridimensionamento degli attacchi di questo defogliatore nel prossimo anno, permetteranno, qualora necessario di predisporre interventi mirati di controllo a basso impatto ambientale.


Ultima modifica: 09/06/2017 11:07:17 - Id: 68556
  • Condividi
  • Condividi