Salta al contenuto Salta al menu'

Innovazione e ambiente nelle filiere agricole e forestali: i risultati dei progetti

Psr Feasr 2014-2020, sottomisura 16.2

Innovazione e ambiente nelle filiere agricole e forestali: i risultati dei progetti

Pubblicati i risultati ottenuti da 17 progetti realizzati per otto filiere, all'interno di aziende agricole e forestali della Toscana, tra il 2015 e il 2018, confinanziati dal Programma di sviluppo rurale (Psr) Feasr della Regione Toscana


In occasione della Settimana dell'innovazione nello sviluppo rurale, evento internazionale che si svolge in questi giorni a Firenze, dal 26 al 29 marzo 2019, sono online i risultati conseguiti tra il 2015 e il 2018 da 17 progetti  cofinanziati dalla sottomisura 16.2  "Sostegno a progetti pilota e di cooperazione"  del Programma di sviluppo rurale (Psr) del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (Feasr) 2014-2020.
I progetti cofinanziati ad ora dal Psr Feasr sottomisura 16.2, attraverso il bando 2015 per Progetti integrati di filiera (Pif), sono 35.

La sottomisura 16.2 è stata studiata per migliorare qualità e quantità delle produzioni, ridurre i costi di produzione, migliorare la sostenibilità ambientale dei processi produttivi, all'interno delle aziende agricole e forestali della Toscana. In particolare la sottomisura 16.2 finanzia progetti:

  • per la verifica e il collaudo di specifiche innovazioni già messe a punto dalla ricerca, oppure, per l'adattamento e l'introduzione di nuovi prodotti, pratiche, processi e tecnologie già esistenti e collaudate altrove o per filiere differenti da quella oggetto dell'intervento


I beneficiari dei bandi della sottmisura 16.2 sono:
• le imprese agricole e forestali
• le imprese di  trasformazione di prodotti agricoli, agroindustriali e forestali
• gli operatori commerciali
• i soggetti di diritto pubblico
• i soggetti operanti nella produzione di ricerca e trasferimento di innovazione
• le PMI operanti in zone rurali
• le imprese di servizio
• le associazioni e le ONG
• le organizzazioni dei produttori
• i soggetti operanti nella divulgazione e informazione
• le rappresentanze delle imprese e altre loro forme  di aggregazione
che si uniscono in una forma di aggregazione per realizzare il progetto presentato

Ecco i progetti suddivisi per filiera:

Filiera ortofrutticola, castanicola, piccoli frutti e funghi

  • OPEN RICCIO: gestione innovativa dei castagneti in termini di difesa fitosanitaria e di impiego della biomassa attraverso mappatura realizzata con voli aerei e foto da droni. Realizzazione di un prototipo per l'estrazione di polifenoli ad uso cosmetico dai ricci e da altri scarti della lavorazione delle castagne >>> segue


Filiera cerealicola

  • PRINCE: sviluppare filiere toscane di pasta e prodotti da forno a zero o ridotto contenuto di glutine ed alto contenuto di composti bioattivi, per la terapia dietetica di celiaci e non celiaci intolleranti al glutine >>> segue


Filiera foresta - legno ed energia

  • RICACCI: aumentare l'efficienza del processo e la qualità del carbone vegetale tramite la messa a punto di un prototipo meccanico di forno mobile,  rafforzare la presenza di produttori toscani di biomasse sotto il profilo economico, organizzativo, qualitativo e ambientale >>> segue

 

Filiera olivicola

  • SEMIA: trasferire innovazione tecnica, tecnologica e metodologica per una gestione della filiera olivicola economicamente e ambientalmente sostenibile: modellistica fitosanitaria, biodiversità, macchine e tecniche colturali, produzione di ammendante compostato verde (ACV) >>> segue

 

Filiera vitivinicola
 

  • NABIO: sviluppare una filiera vitivinicola Biointegrale, multifunzionale ed economicamente sostenibile, per produzioni che sappiano tornare ad uno stretto legame con la natura e con i territori in cui esse ricadono. >>> segue
     
  • OENOSMART:: creare un sistema territoriale innovativo e promuovere una piattaforma collaborativa pluriservizi per l'applicazione della agricoltura di precisione, favorendo l'introduzione di innovazioni in materia di meccanizzazione, difesa fitosanitaria, uso sostenibile dell'acqua e del suolo, salvaguardia e incremento della biodiversità  >>> segue
     
  • QUASAR: gestione della difesa fitosanitaria in vigneto attraverso un modello previsionale delle malattie, l'impiego di un DSS e l'utilizzo di biostimolanti e induttori di resistenza... >>> segue
  • QUE STAB: trasferire un servizio di monitoraggio analitico per prevenire / abbattere i rischi di perdita delle caratteristiche qualitative e di stabilità del vini di Sangiovese, soprattutto in riferimento alle precipitazioni di quercetina, ottimizzando le procedure di monitoraggio analitico ad idonee scelte tecnologiche
  • SOS-WINE: migliorare il processo produttivo viticolo ed enologico attraverso l'implementazione di innovazioni relative alla sostenibilità ambientale e alla salubrità del prodotto. >>> segue
     
  • SOST: valutare per la filiera viti-vinicola l'impronta carbonica ed idrica ed implementare l'analisi sociale ed economica >>> segue
     
  • SOSTE.NOBIL-ETA': aumentare la sostenibilità ambientale delle aziende vitivinicole incentivando l'innovazione tecnologica dei processi produttivi per il compimento di una economia low carbon  >>> segue
  • VELTHA: delineare e diffondere esperienze, conoscenze e tecnologie che hanno trovato un riconoscimento di eccellenza nel mercato internazionale dei vini e del turismo ambientale e culturale >>> segue
  • VICASTART: produrre in autonomia il proprio starter per condurre la fermentazione alcolica partendo da ceppi di lievito autoctoni selezionati per le caratteristiche enologiche desiderate >> segue

 

Filiera ovicaprina

  • STILNOVO: risolvere problematiche specifiche della filiera ovina sia per la produzione primaria sia per la fase di trasformazione attraverso l'implementazione di innovazioni di processo  >>> segue


Multifiliera

  • VALMONTI: Caratterizzare prodotti agroalimentari tradizionali e di nuova concezione, ottimizzandone i processi di produzione. Le filiere interessate dalla sperimentazione sono quella zootecnica (settore ovino e suino); ortofrutticola (piccoli frutti); cerealicola (coltivazione di grani antichi)  >>> segue

 

Filiera vivaistica

  • VI-AA: Introdurre innovazioni di processo e di prodotto per qualificare specie arboree forestali autoctone, destinate a sistemi e infrastrutture verdi, in funzione della loro adattabilità a contesti siccitosi, in un'ottica di adattabilità al cambiamento climatico >>> segue



Anna Luisa Freschi

foto slidershow: pasta e grano saraceno, progetto PRINCE
foto in alto: rami di olivo con frutti, progetto SEMIA

 


Ultima modifica: 09/04/2019 18:33:17 - Id: 16031300
  • Condividi
  • Condividi