Salta al contenuto Salta al menu'

Servizio antincendio

In Primo Piano

Incendi boschivi ottobre 2017

26 incendi sull’intero territorio regionale per 26 ettari di superficie boscata

La Toscana aderisce a Euforfire

A Sintra in Portogallo, l'organizzazione antincendi della Regione Toscana ha preso parte - unica rappresentanza italiana - alla costituzione del network europeo Euforfire (European Forest Fire...

Abbruciamento di residui vegetali

Norme per abbruciamenti e accensione fuochi Periodo non a rischio di incendio (fino al 30 giugno 2018) In questo periodo la normativa consente l'abbruciamento di...

Organizzazione regionale antincendi (Aib)

La gestione operativa AIB che la Regione Toscana si è data mira a favorire l'attività preventiva di controllo del territorio e di rapida segnalazione dei principi di incendio,...

Incendi boschivi luglio 2016

Servizio Anti Incendio Boschivo (AIB)

Incendi boschivi luglio 2016

Nel mese di luglio i boschi della Toscana sono stati colpiti da 95 incendi: in termini di superficie boscata circa 70 ettari. I due principali incendi boschivi si sono verificati in provincia di Livorno. Rispetto alla media degli ultimi 5 anni, il numero di incendi aumenta a luglio 2016 del +15%, ma è in netto calo la superficie percorsa da fuoco. Mantenuto l'indicatore dell'efficienza di intervento del servizio AIB, le cui squadre sono state impegnate anche in numerosi incendi di vegetazione.


Nel mese di luglio di quest'anno 95 incendi hanno interessato i boschi toscani, per una superficie boscata di circa settanta ettari. Tutte le province sono state coinvolte anche se in molti casi si è trattato esclusivamente di principi di incendio, subito domati e messi in sicurezza. I 95 incendi scendono infatti a 12 se si considerano soltanto quelli con superficie superiore ai 2 ettari e di questi appena 3 fanno registrare un'estensione  compresa tra i 10 e 15 ettari.

I due incendi con maggiore superficie percorsa dal fuoco (stimata al momento in 15 ettari, in attesa dei rilievi ufficiali) hanno interessato in entrambi i casi il territorio della provincia di Livorno:

  • il 7 luglio nel comune di Piombino e il giorno 15 nel comune di Capoliveri, Isola d'Elba (Parco nazionale dell'Arcipelago Toscano).


E' sul territorio della provincia di Grosseto che si è sviluppato il numero più alto di   incendi:
 

  • 24 incendi boschivi con più di un evento attivo anche in contemporanea in numerosi casi. Castiglione della Pescaia e Magliano in Toscana i comuni più colpiti. A livello di superfici interessate, le squadre e la flotta aerea dell'organizzazione regionale AIB sono riuscite a contenere i danni. In attesa dei rilievi ufficiali, la prima stima delle aree boscate percorse dalle fiamme nel solo grossetano è di 24 ettari (in media la stima è di un ettaro per ciascun evento).

Nel resto della Toscana, numerosi interventi di spegnimento e messa in sicurezza delle squadre AIB sono stati necessari in provincia di Lucca (20 incendi boschivi), Firenze (18), Arezzo (10) e Pisa (9).

Nel corso del mese di luglio la stessa organizzazione AIB è stata presente anche su un numero rilevante di incendi di vegetazione (superficie vegetata da erbe, alberi e/o arbusti non classificabile come bosco secondo la definizione della legge regonale forestale). Il supporto delle squadre AIB è stato richiesto dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, che ha la competenza diretta sulle aree non boscate, ben 159 volte e in cinque casi oltre alle squadre è stato chiamato ad operare anche l'elicottero della flotta regionale.

A livello statistico, confrontando i valori medi registrati negli ultimi 5 anni, si evidenziano due dati su tutti: il numero di incendi boschivi nel luglio di quest'anno è in contenuto aumento (+15 per cento), ma la superficie percorsa dalle fiamme è in netto calo, risultando ridotta praticamente a un terzo rispetto alla media dell'ultimo quinquennio.

In presenza di un numero di eventi di un certo rilievo e considerando anche la ripetitività dei fenomeni su alcuni territori, aver mantenuto l'indicatore dell'efficienza di intervento, ovvero la superficie boscata media ad evento, ampiamente sotto l'ettaro di superficie, è un risultato importante centrato dall'organizzazione regionale AIB nello scorso mese di luglio.

Gli interventi realizzati a supporto dei VVF su incendi di vegetazione appaiono in lieve diminuzione rispetto alla media del periodo 2011-2015, mentre risultano in aumento le false segnalazioni (142 contro una media del periodo di riferimento di 114).

Occorre quindi ricordare che le norme del vigente regolamento forestale in tema di abbruciamenti di residui vegetali vietano fino al 31 agosto qualsiasi tipo di accensione sull'intero territorio regionale.
Oltre a non poter accendere fuochi all'aperto, se non nelle aree attrezzate e osservando specifiche prescrizioni, è allo stesso tempo vietato compiere tutte quelle operazioni che possono causare l'innesco di incendi, come gettare mozziconi non spenti oppure usare attrezzi che producano scintille.
Il mancato rispetto delle norme comporta sanzioni amministrative tra i 240,00 e i 2.000,00 euro. Ma nel caso in cui i comportamenti fuori dalle regole causino una propagazione del fuoco e inneschino un incendio, le conseguenze penali diventano molto più gravi.


Numero incendi nei territori provinciali: Arezzo 10, Firenze 18, Grosseto 24 per un totale di 24 ha percorsi da fiamme, Livorno 8 per 31 ha percorsi, Lucca 20, Massa Carrara 1, Pisa 9, Pistoia 2, Prato 1, Siena 2.
 

 

 

 

 

 


 


Ultima modifica: 02/09/2016 15:58:42 - Id: 13598358