Salta al contenuto Salta al menu'

Servizio antincendio

In Primo Piano

Incendi boschivi gennaio 2018

4 ettari di bosco percorsi dal fuoco in 7 eventi. Quasi tutti concentrati sul territorio livornese

La Toscana aderisce a Euforfire, rete del progetto europeo Mefisto

A Sintra in Portogallo, l'organizzazione antincendi della Regione Toscana ha preso parte - unica rappresentanza italiana - alla costituzione del network europeo Euforfire (European Forest Fire...

Abbruciamento di residui vegetali

Norme per abbruciamenti e accensione fuochi Periodo non a rischio di incendio (fino al 30 giugno 2018) In questo periodo la normativa consente l'abbruciamento di...

Organizzazione regionale antincendi (Aib)

La gestione operativa AIB che la Regione Toscana si è data mira a favorire l'attività preventiva di controllo del territorio e di rapida segnalazione dei principi di incendio,...

Incendi boschivi luglio 2015

Incendi boschivi luglio 2015

Ancora a Capannori i due principali eventi del mese


Nel mese appena concluso 137 incendi hanno interessato i boschi toscani, per una superficie boscata di oltre cento ettari. Tutte le province sono state coinvolte ad esclusione del territorio di Prato, ma è ancora la provincia di Lucca la più colpita in termini di estensione del territorio percorso dalle fiamme, a causa del ripetersi dallo scorso mese di giugno di eventi localizzati nel comune di Capannori. Qui il 15 luglio si è registrato un evento in località Sant'Andrea di Compito che ha richiesto alcune giornate di lavoro per poter completare le operazioni di spegnimento, bonifica e messa in sicurezza, anche a causa di una ripresa importante dell'incendio registrata il 18 luglio. A supporto delle decine di squadre degli Enti competenti e del volontariato AIB che hanno lavorato su tutta l'area percorsa dall'incendio, hanno operato anche 4 elicotteri della flotta regionale e 3 canadair. La direzione delle operazioni di spegnimento è stata effettuata dal personale del Comune di Lucca. In attesa dei rilievi ufficiali, la prima stima della superficie bruciata è di 18 ettari.

Dopo la metà di luglio la zona di Capannori è stata interessata da altri eventi con superficie contenuta, fino ad arrivare all'incendio partito il 27 luglio, in località Massa Macinaia, che ha interessato una superficie stimata in circa quindici ettari.

Anche in questo caso, le sale operative, provinciale e regionale, hanno concentrato sul posto una forza di intervento composta da decine di squadre a terra e dai mezzi aerei (4 elicotteri della flotta regionale e due canadair). In entrambi gli eventi il personale AIB degli Enti e del volontariato è intervenuto nell'area per alcuni giorni consecutivi, movimentato anche da fuori provincia e, sull'incendio di Massa Macinaia, sotto la direzione delle operazioni del Comune di Lucca, della Provincia di Lucca e dell'Unione dei Comuni Media Valle del Serchio.

Nel corso del mese di luglio, gli incendi boschivi in provincia di Lucca sono stati in tutto 22 per una superficie di circa 57 ettari. Sul resto del territorio regionale si sono avuti altri 115 eventi che hanno interessato in tutto circa 50 ettari di superficie boscata. Di questi eventi, 25 sono concentrati nella provincia di Firenze, 21 su Pisa, 18 su Siena, 16 su Massa Carrara, 13 nel Grossetano e altrettanti nella provincia di Arezzo, 7 sul territorio di Pistoia e 2 a Livorno. Oltre agli incendi in lucchesia, gli eventi più importanti per estensione si sono verificati il 10 luglio a Siena, in località le Beringhe, nel comune di Colle Val d'Elsa e l'11 luglio sui Monti pisani, a Calci in località San Bernardo, con una superficie interessata di circa 10 ettari in entrambi i casi.

Il supporto della flotta aerea regionale è stato richiesto su circa un terzo degli eventi boschivi (47 sul totale di 137) e in molti casi hanno operato contemporaneamente più di due elicotteri su ciascun evento.

Nel corso del mese, l'organizzazione AIB è anche stata presente su un numero molto rilevante di incendi di vegetazione. L'intervento AIB è stato richiesto a supporto del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, che ha la competenza diretta sulle aree non boscate, ben 204 volte e in quattro casi oltre alle squadre AIB è stato chiamato ad operare anche l'elicottero della flotta regionale.

A livello statistico, confrontando i valori medi registrati negli ultimi 5 anni, si evidenziano due dati su tutti: il numero di incendi boschivi nel luglio di quest'anno è in netto aumento, ma resta comunque contenuta la superficie boscata media ad evento. Appare in tutta chiarezza l'eccezionalità del dato riferito al luglio degli ultimi due anni, 2013 e 2014, nei quali il numero di incendi boschivi risulta nettamente inferiore alla media del quinquennio e soprattutto la superficie boscata percorsa dalle fiamme è molto lontana da tutti i valori di riferimento. Si tratta di stagioni che hanno potuto godere di un favore meteoclimatico del tutto eccezionale, con livelli di piovosità importanti in tutti i mesi, compresi quelli estivi e temperature ben al di sotto dei valori medi registrati in estate.

Nel mese appena concluso, invece, il numero di eventi è più vicino a quello registrato nel luglio 2012, anno critico per eccellenza, ma la superficie boscata percorsa nei due periodi non appare neppure confrontabile (109 contro 853 ettari). In sintesi, rispetto al valore medio del luglio dell'ultimo quinquennio, il numero di incendi è raddoppiato, ma la superficie boscata media è estremamente contenuta: 0,80 contro 2,98 ettari.

La tendenza evidenziata è chiaramente influenzata dalla stagione 2012 che ha rappresentato un'annata atipica sia per la ripetitività che per l'estensione dei singoli eventi, determinati anche da condizioni meteo favorevoli alla propagazione delle fiamme. Se si escludesse dal dato statistico il valore 2012, il luglio appena concluso si attesterebbe nettamente al di sopra di tutti i riferimenti numerici e di superficie degli ultimi 5 anni. In presenza di un complesso così impegnativo di eventi, aver mantenuto l'indicatore dell'efficienza di intervento, ovvero la superficie boscata media ad evento, ampiamente sotto l'ettaro di superficie, è un risultato importante centrato dall'organizzazione regionale AIB in questo luglio 2015.

Anche gli interventi realizzati a supporto dei VVF su incendi di vegetazione appaiono parallelamente in crescita, con un valore di 204 rispetto alla media del periodo 2010-2014 che è pari a 178. Calano, invece, le false segnalazioni (116 contro una media del periodo di riferimento di 122), grazie anche alle molteplici attività organizzate sul territorio regionale per diffondere le norme del vigente regolamento forestale in tema di abbruciamenti di residui vegetali che vietano qualsiasi tipo di accensione nei mesi di luglio e agosto.
 

Regione Toscana – mese LUGLIO 2015
MESE / ANNO INCENDI BOSCHIVI (NUMERO) SUPERFICIE BOSCATA (ETTARI) SUPERFICIE BOSCATA MEDIA AD EVENTO (ETTARI) SUP. NON BOSCATA (ETTARI) SUP. TOTALE (ETTARI) INCENDI AREE NON BOSCATE CON SUPPORTO ORGANIZZAZ. REGIONALE AIB (NUMERO) FALSE SEGNALAZIONI (NUMERO)
LUGLIO 2010 49 47,85 0,98 9,95 57,80 199 146
LUGLIO 2011 64 87,03 1,36 10,82 97,85 153 139
LUGLIO 2012 167 853,91 5,11 307,36 1.161,27 368 157
LUGLIO 2013 32 2,51 0,08 0,71 3,22 122 99
LUGLIO 2014 24 9,77 0,41 21,76 31,53 48 69
Totale 336 1.001,07 2,98 350,60 1.351,67 890 610
MEDIE MESE LUGLIO 2010-2014 67,20 200,21 2,98 70,12 270,33 178,0 122,0
LUGLIO 2015 137 109,80 0,80 104,70 214,50 204 116

 

 


Ultima modifica: 02/09/2015 17:51:42 - Id: 12766078