Salta al contenuto Salta al menu'

In evidenza

« Indietro

Finanziamento per danni da eventi calamitosi-ord.383/2016 - Aggiornamenti

Finanziamento per danni da eventi calamitosi-ord.383/2016 - Aggiornamenti

Si comunica che nella GU Serie Generale n.15 del 19-1-2017 è stata pubblicata la delibera del Consiglio dei Ministri 29 dicembre 2016 che stanzia le risorse finanziarie per il rimborso dei danni al patrimonio edilizio abitativo di cui all'ordinanza 383/2016. Le risorse stanziate fanno riferimento alla tabella riepilogativa elaborata dalla Regione Toscana sulla base delle singole tabelle trasmesse dai Comuni nei termini stabiliti dalle disposizioni attuative.

Successivamente a tale approvazione, l'elenco ha subito alcune variazioni per effetto degli esiti dei controlli a campione effettuati dai Comuni che si sono avvalsi della facoltà di proroga prevista al punto 15 delle disposizioni, nonché a seguito di nominativi di beneficiari comunicati successivamente alla delibera sopraindicata. L'elenco così integrato è stato trasmesso al Dipartimento della Protezione Civile e sarà oggetto di una nuova approvazione da parte del Consiglio dei Ministri.

In attesa della nuova Delibera, in considerazione del fatto che un primo gruppo bancario ha aderito alla convenzione con la Cassa Depositi e Prestiti e che altri ne seguiranno nei prossimi giorni, si pubblica di seguito la tabella inviata al Dipartimento della Protezione Civile per l'approvazione definitiva affinché i Comuni possano procedere all'avvio della fase finale della procedura contributiva, secondo quanto indicato con nota del 28 novembre scorso già trasmessa (vedi allegati in fondo alla pagina), ovvero informare i beneficiari presenti nell'elenco tramite raccomandata A/R o Pec all'indirizzo già indicato nella domanda di contributo, invitandoli a recarsi presso gli uffici comunali al fine di comunicare l'istituto di credito prescelto.


ATTENZIONE

Per i nominativi che a seguito dei controlli a campione hanno subito una rideterminazione dell'importo ammissibile, nonché per quelli trasmessi successivamente alla prima delibera (entrambi i casi evidenziati in arancione in tabella), la fase finale della procedura contributiva potrà essere attivata solo dopo la nuova approvazione da parte del Consiglio dei Ministri. Di ciò verrà data opportuna notizia su questo sito e tramite PEC.

 

Aggiornato il data 03/04/2017


Ultima modifica: 03/04/2017 13:32:45 - Id: 14071874