Salta al contenuto Salta al menu'

Cinema, musica e teatro

In Primo Piano

River to River Florence Indian festival 2017

Arriva a Firenze, dal 7 al 12 dicembre, la diciassettesima edizione del concorso di lungometraggi, cortometraggi e documentari

MutaMenti, 13 importanti appuntamenti con la musica jazz

Dal 29 novembre al 16 dicembre, in 13 luoghi diversi del territorio di Massa Carrara

Festival del Cinema d'Indonesia

Festival del Cinema d'Indonesia

Allo Spazio Alfieri di Firenze dal 23 al 25 settembre

Allo Spazio Alfieri di Firenze la seconda edizione del Festival del Cinema d'Indonesia da venerdì 23 a domenica 25 settembre. Madrina di questa edizione la cantante Anggun ospite della serata di apertura.

Il festival è curato da IMI - Indonesia Meets Italy a fianco di Fondazione Sistema Toscana e Quelli della Compagnia.

Sei anteprime, tutte in lingua originale sottotitolate in italiano e inglese, ad ingresso libero (fino ad esaurimento posti).

 

Programma [programma in formato .pdf]

Venerdì 23 settembre

Ore 21.00 - Inaugurazione del Festival
Ospite d'onore la cantante Anggun che si esibisce con Riccardo Mori

Ore 21.30 - Filosofi Kopi di A. Sasongko (Indonesia 2015 – 117′); sarà presente il regista
Jody e Ben amici di vecchissima data si trovano sull'orlo del fallimento commerciale della loro caffetteria (chiamata "Filosofi Kopi"). Una scommessa inattesa, lanciata loro da un ricco uomo d'affari potrebbe salvare i loro destini oppure affondarli per sempre.

Sabato 24 settembre

Ore 18.00 - Turis Romantis di Senoaji Julius (Indonesia 2015 – 92′)
Per Nabil, giovane ragazza cresciuta come un maschiaccio, perdere il proprio lavoro in un modesto albergo di Yogyakarta è un vero problema. Con un padre indebitato e una madre sembra non comprendere affatto il dramma in cui si trovano,  Nabil deve trovare e consegnare cento milioni di Rupiah all'esattore Taruk. L'arrivo di un turista indiano dall'animo romantico non sembra certo rappresentare la soluzione di tutti i problemi e darà luogo ad equivoci ed anche ripensamenti.

Ore 19.00 - Indonesian Aperi-Cena, ristorante "I Cinque Sensi" a cura della Chef indonesiana Linda Sangalli

Ore 21.00 - Performance Danza Saman di Aceh
La danza Saman (letteralmente danza delle mille mani) è una delle danze tradizionali dell'Indonesia. Ha le sue origini nella tribù di Gayo, facente parte dell'etnia Aceh, originaria dell'isola di Sumatra. La danza viene normalmente messa in scena durante occasioni speciali, eccezionali o particolari.

Ore 21.30 - Jingga di Lola Amaria (Indonesia 2016 – 102′); sarà presente la regista
A seguito di un incidente scolastico il giovane Jingga  perde la vista. S troverà, quindi, a dover imparare ogni cosa un'altra volta, ricominciando tutto dal principio. Una vita buia e nuova, dove ogni singolo movimento gli richiederà un impegno gigantesco. Ad accompagnarlo in questa nuova vita altri giovani studenti che, come lui, condividono la passione per la musica. Rinascerà l'amore, in una forma assai più profonda di quella che dovrebbe poter vivere un giovane.

Domenica 25 settembre

Ore 16.30 - Pasukan Kapiten di Rudy Soedjarwo (Indonesia 2012 – 88′)
In una città dell'Indonesia un gruppo di bambini vengono maltrattati da un ragazzo più grande che non perde occasione per dimostrare chi è il più forte. Quando però egli farà cadere il proprio aquilone e quello del giovane Yuma in una casa abbandonata e spettrale del quartiere, le cose cambieranno. Il giovane Yuma, entrando nella casa, incontrerà il suo abitante ed insieme sapranno trovare qualcosa di molto importante per ognuno di loro.

Ore 18.00 - We are Molukku di A. Sasongko (Indonesia 2014 – 150′); sarà presente il regista
Settecentomila sfollati, un numero imprecisato di morti sono il risultato degli scontri che, per ben tre anni (1999 – 2002), hanno attanagliato il paradiso naturale delle Molucche ed i suoi abitanti, trascinati in una guerra fratricida dove appare singolare e significativo che, il gioco del calcio, potesse fare la differenza tra la vita e la morte…

Ore 21.00 - Tiga dara/ Three Maidens di Usmar Ismail (Indonesia 1957 – 114′); copia restaurata da L'Immagine Ritrovata nel 2016; sarà presente il produttore
Tre figlie, una suocera petulante ed impicciona e molti, potenziali pretendenti. Questa la condizione del povero vedovo Sukandar il quale, da un giorno all'altro si trova a fronteggiare lo sbocciare di amori ormai destinati ad essere importanti, l'ansia della suocera per fare sposare la figlia maggiore e le rivalità tra sorelle. Fortunatamente, nella direzione delle operazioni si riuscirà ad intromettere la giovane, ma scaltra figlia minore, con buoni quanto inattesi risultati.

 


Ultima modifica: 26/09/2016 11:11:34 - Id: 13682526