Salta al contenuto Salta al menu'

Zootecnia

In Primo Piano

Apicoltura, contributi per assistenza e lotta alle malattie degli alveari

Bando per produttori del settore e loro unioni, associazioni di produttori, federazioni, cooperative e consorzi di tutela. Domande entro il 9 settembre 2019

Contributi per miglioramento dei pascoli

Con il presente intervento la Regione Toscana migliora la competitività delle aziende zootecniche toscane e la qualità ambientale attraverso il sostegno a investimenti finalizzati a favorire la...

Aiuti per l'acquisto di riproduttori

Con il presente intervento la Regione Toscana sostiene la competitività delle aziende zootecniche toscane attraverso il sostegno al miglioramento genetico degli allevamenti, nello specifico...

Investimenti 2019 per la zootecnia

La presentazione delle domande su ARTEA tramite le ID 335 e 336   A seguito dell'emanzione della delibera di Giunta Regionale n. 93/2019 sono stati attivati, fra gli altri,...

Le regole per la riproduzione animale

Online l'aggiornamento 2019 delle stazioni di monta equina naturale e delle stazioni d'inseminazione artificiale equina operanti sul territorio regionale. La normativa di...

Interventi per 2 milioni di euro per il rilancio del settore zootecnico con particolare riguardo al comparto ovicaprino da latte

La Giunta regionale con la delibera n. 93 del 28/01/2019 ha approvato una serie di interventi per il rilancio del settore zootecnico, con priorità per il comparto ovicaprino da latte, assegnando a...
« Indietro

Contributi per miglioramento dei pascoli

Emanato il decreto per investimenti finalizzati ad una corretta gestione del pascolo e alla conservazione del paesaggio

Contributi per miglioramento dei pascoli

Le domande dal 9 maggio al 27 settembre 2019

mercoledì, 08 maggio 2019 09:00
venerdì, 27 settembre 2019 23:59
Non specificato

A seguito della pubblicazione sul BURT del Decreto del 23 marzo 2019, n. 6547 "DCR n. 2/2019 - DGR 93/2019. DEFR 2019 Progetto Regionale 6 - 6.III Intervento a). Valorizzazione delle aree marginali tramite investimenti nelle aziende zootecniche finalizzati ad una corretta gestione del pascolo, all'utilizzo sostenibile delle risorse e alla conservazione del paesaggio. Approvazione bando di attuazione. Impegno e liquidazione ad ARTEA", è possibile presentare richiesta di sostegno per la realizzazione di interventi di miglioramento sui pascoli.

 

Bando

 

Decreto del 23 marzo 2019, n. 6547

Scadenza

 

Il bando scade venerdì, 27 settembre 2019

A chi si rivolge

 

Imprenditori agricoli singoli e associati ai sensi dell'articolo 2135 del c.c., titolari di una Unità Tecnica Economica (UTE) funzionalmente collegata a una o più Unità Produttive Zootecniche (UPZ) di almeno 5 Unità Bovini Adulti (UBA) complessive date da bovini, bufalini, ovini, caprini, equini, asinini e suini.

Opportunità

 

Contributo in conto capitale per i costi sostenuti per la realizzazione di interventi finalizzati al:

• recupero di pascoli abbandonati o sottocaricati;

• recupero di aree sovraccaricate;

• recupero a pascolo di aree diversamente utilizzate;

• miglioramento qualitativo del cotico erboso e riduzione delle piante infestanti;

• miglioramento della gestione della risorsa idrica per l'abbeveraggio degli animali.

Come partecipare

 

La domanda, completa di tutti i documenti richiesti, si presenta sul portale di Artea www.artea.toscana.it a partire dal 9 maggio 2019, ID 336

Leggi il bando completo

 

Decreto del 23 aprile 2019, n. 6547


Finalità
Con il presente intervento la Regione Toscana migliora la competitività delle aziende zootecniche toscane e la qualità ambientale attraverso il sostegno a investimenti finalizzati a favorire la gestione razionale del pascolo e il miglioramento della sostenibilità dell'attività agricola.

Destinatari / beneficiari Possono presentare domanda di contributo gli imprenditori agricoli singoli e associati ai sensi dell'articolo 2135 del c.c., titolari di una Unità Tecnica Economica (UTE) funzionalmente collegata a una o più Unità Produttive Zootecniche (UPZ) di almeno 5 Unità Bovini Adulti (UBA) complessive date da bovini, bufalini, ovini, caprini, equini, asinini e suini.

Scadenza e presentazione della domanda
Le domande di aiuto possono essere presentate solo mediante procedura informatizzata, a partire dal 9 maggio ed entro le ore 24.00 del 27 settembre 2019, impiegando esclusivamente la modulistica disponibile sulla piattaforma gestionale dell'Anagrafe Regionale delle aziende agricole gestita dall'Agenzia regionale erogazione in agricoltura (ARTEA) e raggiungibile dal sito www.artea.toscana.it, attraverso il modulo ID 336.

Tipo di agevolazione.
Il sostegno è erogato in forma di contributo in conto capitale per interventi finalizzati al miglioramento della gestione del pascolo e il miglioramento della sostenibilità dell'attività agricola.

Per tali interventi può essere erogato un sostegno è pari al 40% del costo totale ammesso e accertato, elevabile:

  • del 10% per investimenti realizzati da aziende la cui superficie condotta ricada per almeno il 50%in zone soggette a vincoli naturali o ad altri vincoli specifici ai sensi dell'art. 32 del regolamento (UE) n. 1305/2013;
     

  • del 10% nel caso di investimenti realizzati da giovani agricoltori (secondo la definizione di cui alla lettera n), paragrafo 1, articolo 2 del regolamento (UE) n. 1305/2013) o da agricoltori insediati nei 5 anni precedenti la domanda di aiuto.

Il minimale di contributo ammissibile è pari a 5.000 euro per UTE ed il massimale è pari a 25.000 euro per UTE.

L'aiuto ricade nell'ambito dell'articolo 14 del Regolamento (UE) n. 702/2014 della Commissione del 25 giugno 2014 che dichiara compatibili con il mercato interno, in applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea, alcune categorie di aiuti nei settori agricolo e forestale e nelle zone rurali e che abroga il regolamento della Commissione (CE) n. 1857/2006 (Gazzetta ufficiale dell'Unione europea L193 del 1° luglio 2014), di cui all'Aiuto di Stato notificato n. SA 42150 (2015/XA).

Dotazione finanziaria
Il bando ha un budget finanziario è di 100.000,00 euro.

Per conoscere i dettagli necessari a presentare correttamente la domanda, consultare integralmente il testo del bando (allegato A del decreto del 23 aprile 2019, n. 6547), nonché le modifiche apportate con il decreto n. 7703/2019, che, come previsto dall'aiuto notificato SA.42150, dispone:

  • di associare a ciascuna domanda un Codice Unico di Progetto (CUP)
     
  • di indicare il Codice Unico di Progetto (CUP) nelle fatture, quietanze di pagamento e altri giustificativi di spesa. E' fatta salva la documentazione eventualmente già emessa per acquisti e spese già sostenuti a valere su domande già presentate, e compresa fra la data di presentazione della domanda e la data successiva alla pubblicazione del presente atto sul Bollettino Ufficiale della Regione Toscana (BURT n. 22 del 29 maggio 2019, parte III)


Per ulteriori informazioni

Dirigente responsabile

Gennaro Giliberti - tel 055/4383747 e-mail: gennaro.giliberti@regione.toscana.it

Referent per la misura:

Francesca Maria Cappè - tel 055/4386148 e-mail: francescamaria.cappe@regione.toscana.it

Riccardo Buti - tel 055/4383207 e-mail: riccardo.buti@regione.toscana.it

Regione Toscana

Ultima modifica: 18/09/2019 11:07:45 - Id: 16308479
  • Condividi
  • Condividi