Salta al contenuto Salta al menu'

Finanziamenti turismo e terziario

In Primo Piano

Tutti i bandi e altre opportunità offerte da Regione Toscana

Per consultare tutti i bandi e avvisi pubblici della Regione Toscana aperti, per finanziamenti, agevolazioni, e altre opprtunità (chiamate per manifestazioni di...

Contributi alle imprese di informazione: domande online fino alle 17 del 24 novembre

Contributi alle imprese di informazione: domande online fino alle 17 del 24 novembre

Bando rivolto alle imprese dell'emittenza televisiva e radiofonica, web tv e web radio, stampa quotidiana e periodica, quotidiani e periodici online, agenzie di stampa web.

venerdì, 03 ottobre 2014 11:50
lunedì, 24 novembre 2014 17:00
Non specificato

La Regione Toscana,  con decreto dirigenziale n. 3821 dell'8 settembre 2014, ha approvato e pubblicato il bando per la concessione di contributi alle imprese di informazione,  ai sensi della legge regionale n. 34/2013 Disciplina del sostegno regionale alle imprese di informazione. La dotazione finanziaria del bando è di un milione e 700mila euro, nell'ambito dell'attuazione del Programma regionale di sviluppo economico 2012-2015.

Progroga dei termini di scadenza presentazione domande fino alle 17 del 24 novembre
La Regione Toscana con il decreto dirigenziale n. 5142 del 13 novembre 2014 ha prorogato al 24 novembre  2014, entro le ore 17,00, il termine per la presentazione delle domande.

Finalità. Agevolare la realizzazione di progetti rilevanti ed innovativi per l'informazione delle comunità locali da parte delle imprese di informazione ed innovativi, finanziare investimenti per l'innovazione organizzativa e tecnologica  necessari alla realizzazione dei suddetti progetti, finalizzati prioritariamente alla tutela del lavoro e dell'occupazione nelle imprese dedite all'informazione alle quali è rivolto il bando (vedi sotto Destinatari).

Destinatari: possono presentare domanda le micro, piccole e medie imprese (MPMI) come definite dalla Raccomandazione della Commissione europea 6 maggio 2003, n. 2003/361/CE, che svolgono attività prevalente in uno dei seguenti ambiti:
a) emittenza televisiva digitale terrestre (DTT);
b) emittenza radiofonica via etere;
c) web tv, ovvero emittenze che trasmettono esclusivamente via web;
d) web radio, ovvero radio che trasmettono esclusivamente via web;
e) stampa quotidiana e periodica;
f) quotidiani e periodici online;
g) agenzie di stampa quotidiana via web.
I requisiti di ammissibilità al bando sono specificati al paragrafo 2.2 del testo integrale del bando

Ammissibilità dei progetti. Saranno ammessi i progetti innovativi per l'informazione delle comunità locali, aventi ad oggetto almeno uno dei seguenti ambiti:
1) comunicazione di interventi di pubblica utilità (come protezione civile, campagne sociali ecc.);
2) giornalismo d'inchiesta;
3) giornalismo di informazione legato a comunità e territori specifici, con particolare attenzione per aree montane o svantaggiate e con minore copertura informativa;
4) canali tematici e iniziative culturali multimediali che si caratterizzino per il loro contenuto informativo su temi sociali, culturali e artistici, educativi e di servizio;
5) progetti che incentivino il diritto-dovere della comunicazione trasparente da parte delle pubbliche amministrazioni.

Tipo di agevolazione: concessione, ai sensi della legge regonale n. 34/2013, di un aiuto in conto capitale, ovvero in conto esercizio pari al 70% delle spese complessivamente sostenute e ritenute ammissibili per la realizzazione del progetto presentato, tenendo conto che il costo totale del progetto presentato a valere sul presente bando (sia come spesa per la realizzazione del progetto informativo sia come spesa di investimento ad esso correlata) deve essere: non inferiore a € 50.000,00, non superiore a € 250.000,00
L'aiuto verrà concesso in regime "de minimis" come disciplinato dal Regolamento (CE) n. 1407/2013 della Commissione del 18/12/2013 (la regola "de minimis" prevede che l'importo complessivo degli aiuti "de minimis" concessi ad una medesima impresa non deve superare i 200.000 euro nell'arco di tre esercizi finanziari). Il contributo verrà concesso in conformità alle disposizioni comunitarie e/o nazionali e regionali vigenti in materia, nonché dei principi di semplificazione e di riduzione degli oneri amministrativi a carico delle imprese.

Scadenza e presentazione domande. Le domande possono essere presentate, solo online sul sistema informatico online (piattaforma web) di Sviluppo Toscana spa, dalle ore 9,00 del giorno 18/9/2014 fino alle ore 17 del giorno 14/11/2014 (vedi Modalità di presentazione delle domande sul sistema informatico di Sviluppo Toscana spa,allegato H del decreto n. 3821/2014 di approvazione del bando). La domanda di aiuto è il documento in formato .pdf, generato in automatico sul sistema informatico di Sviluppo Toscana alla chiusura della compilazione online, comprensivo di tutte le dichiarazioni/schede presentate nella piattaforma online dal proponente, firmato digitalmente da parte del legale rappresentante dell'impresa richiedente il contributo e completo di tutti i documenti obbligatori descritti di seguito, nonché di tutti gli eventuali ulteriori documenti che l'impresa intende
allegare in sede di presentazione della domanda di aiuto. Per tutti i dettagli utili alla presentazione della domanda-progetto: capitolo 4 del bando
La modulistica:
- Richiesta di contributo (allegato A del decreto n. 3821/2014)
- Scheda tecnica di progetto e piano finanziario (allegato B del decreto)
- Dichiarazione PMI (allegato C)
- Dichiarazione relativa ad aiuti illegali (allegto D)
- Dichiarazione sostitutiva di atto notorio su normativa ambientale (allegato E)
- Dichiarazione sostitutiva di atto notorio relativa al trattamento dei dati personali (allegato F)
- Certificazione sostitutiva di atto notorio relativa agli aiuti "De minimis" (allegato G)
- Schema di garanzia fideiussoria (allegato I)

Norme di riferimento
- L.R. 35 del 20/3/2000 "Disciplina degli interventi regionali in materia di attività produttive e competitività delle imprese";

- L.R. 34 del 4/7/2013 "Disciplina del sostegno regionale alle imprese di informazione. Modifiche alla L.R. 35/2000, alla L.R. 22/2002 ed alla L.R. 32/2002"

- Delibera di Giunta regionale n. 592 del 14/7/2014 "Approvazione criteri e modalità per l'accesso ai finanziamenti previsti dalla L.R. 34/2013 a favore delle imprese di informazione definite all'art. 2 della stessa"

- Delibera di Giunta regionale n. 734 del 1/9/2014 "L.R. 34/2013 Disciplina del sostegno regionale alle imprese di informazione - Assegnazione di ulteriori risorse finanziarie e sostituzione dell'All. A della DGR n. 592 del 14/7/2014"

- Regolamento (CE) n. 1407/2013 della Commissione Europea del 18/12/2013 "de minimis"

- Nuovo regolamento di esenzione Reg. (CE) n. 651/2014

- Decreto legislativo 31 marzo 1998 n. 123 "Disposizioni per la razionalizzazione degli interventi di sostegno pubblico alle imprese, a norma dell'art. 4, cmma 4, lettera c) della L. 15 marzo 1997, nr. 59

- Raccomandazione CE del 6 maggio 2003 nr. 2003/361/CE "Definizione di Micro, piccole e medie imprese

Per tutti i dettagli necessari a presentare la domanda consultare il testo integrale del bando
 

Regione Toscana

Ultima modifica: 07/04/2015 16:23:56 - Id: 11969428
  • Condividi
  • Condividi