Salta al contenuto Salta al menu'

Consumatori

In Primo Piano

Contattare gli sportelli delle Associazioni consumatori e utenti per assistenza

Le Associazioni dei consumatori e degli utenti sono raggiungibili attraverso la rete dei punti di informazione ed assistenza per il cittadino consumatore ed utente

Elenco regionale Associazioni dei consumatori e degli utenti

Confermate anche nel 2016 le 13 associazioni già presenti nell'Elenco regionale del 2014. Sede e contatti di tutte le associazioni iscritte. Come è stato per il 2015 (...

Concorso "Giovani Consumatori 2016-2017: invio elaborati entro il 2 maggio 2017

La sfida "artistica", tra studenti delle classi 4° e 5° delle scuole primarie della Toscana, è sul tema dello spreco alimentare. La classe vincitrice riceverà un'aula multimediale composta...

"Comitato regionale consumatori utenti" (Crcu) per dare voce a consumatori e utenti

L'organo di rappresentanza delle Associazioni dei consumatori e degli utenti: legge di riferimento, missione istituzionale e composizione. Già attivo in attuazione delle prime...

Conciliazione di controversie in materia di commercio e servizi

Conciliazione di controversie in materia di commercio e servizi

Come effettuare un procedimaneto di conciliazione verso gestori di servizi e commercio


Le Associazioni dei consumatori e degli utenti attraverso i loro sportelli possono orientare i cittadini, coinvolti in controversie in materia di commercio/servizi, verso il tentativo di conciliazione (procedimento di conciliazione) più idoneo.

Le Camere di commercio in quanto iscritte al Registro degli organismi di conciliazione, ed il Co.re.com (Comitato regionale di comunicazione) offrono specifici servizi di conciliazione delle controversie in materia di commercio e telecomunicazioni.

Il tentativo di conciliazione
Il Registro degli organismi di conciliazione
Il servizio di conciliazione delle Camere di commercio - vai al servizio di  Unioncamere Toscana
 

Il tentativo di conciliazione

La conciliazione è il servizio reso da uno o più soggetti, diversi dal giudice o dall'arbitro, in condizioni di imparzialità rispetto agli interessi in conflitto e avente lo scopo di dirimere una lite già insorta o che può insorgere tra le parti, attraverso modalità che comunque ne favoriscono la composizione autonoma" (ex art. 1 decreto n.222/2004)
Il tentativo di conciliazione è lo strumento di definizione delle controversie capace di offrire, quando possibile, soluzioni più spedite, agevoli ed economiche alle liti e di ridurre il contenzioso giurisdizionale. Si tratta infatti di una procedura extragiudiziale in cui un terzo soggetto neutrale, il conciliatore appunto, aiuta le parti in conflitto a trovare una soluzione che sia di reciproca soddisfazione.
Mediante tentativo di conciliazione possono essere affrontate le controversie di natura commerciale insorte
- tra un consumatore e un'azienda pubblica o privata (impresa) dei settori artigianato, assicurazioni, commercio, edilizia, industria, intermediazione immobiliare, istituti di credito, servizi pubblici - acqua, gas. radiotelevisione...-, telefonia, turismo, ecc.:
· tra imprese (controversie inerenti, ad esempio, i mancati pagamenti, l'esecuzione dei lavori, ecc.)
Inoltre il tentativo di conciliazione è obbligatorio per tutte le liti relative ai contratti di subfornitura, come da legge n. 192/98.

Nella legislazione la conciliazione italiana trova i suoi fondamenti nel d.lgs. 17 gennaio 2003 n. 5 "Definizione dei procedimenti in materia di diritto societario e di intermediazione finanziaria, nonché in materia bancaria e creditizia, in attuazione dell'articolo 12 della legge 3 ottobre 2001, n. 366", in particolare nell'art. 38  "Organismi di conciliazione",  art. 39 "Imposte e spese. Esenzione fiscale", art. 40  "Procedimento di conciliazione" del Titolo VI  "Della conciliazione stragiudiziale".


Registro degli organismi di conciliazione

I soggetti pubblici o privati che vogliano effettuare servizi di conciliazione delle controversie, devono fare domanda di iscrizione al Registro degli organismi di conciliazione, un registro tenuto presso il Ministero della giustizia e sottoposto alla vigilanza del direttore generale per gli affari civili del Ministero o un suo delegato: si tratta della è banca dati in cui sono registrati tutti gli organismi che hanno conseguito la qualificazione a svolgere attività finalizzate al procedimento di conciliazione (artt. 38-40 del d.lgs. 5/2003).
In tale contesto, le Camere di Commercio che, individualmente o in forma associata, abbiano istituito organismi di conciliazione ai sensi dell'art. 2, comma 4, della L. 29 dicembre 1993, n. 580 hanno diritto di ottenere l'iscrizione di tali organismi nel Registro su semplice domanda (art. 4, comma 2, D.M. 222/2004).
Istituito in attuazione degli articoli 38 e 40 del d.lgs. 17 gennaio 2003 n. 5 "Definizione dei procedimenti in materia di diritto societario e di intermediazione finanziaria, nonché in materia bancaria e creditizia, in attuazione dell'articolo 12 della legge 3 ottobre 2001, n. 366" , il registro degli organismi di conciliazione è disciplinato dal  "Regolamento recante la determinazione dei criteri e delle modalità di iscrizione nonché di tenuta del registro degli organismi di conciliazione di cui all'articolo 38 del decreto legislativo 17 gennaio 2003, n. 5" (decreto 23 luglio 2004 n. 222),
 

Il servizio di conciliazione delle Camere di commercio

La legge di riforma delle Camere di commercio (L. n. 580/93) ha previsto l'istituzione del servizio di conciliazione presso ogni Camera di commercio al fine di risolvere le cojtroversie tra consumatore e impresa e tra imprese.
Successivamente il legislatore è intervenuto in più occasioni per specificare la competenza camerale in materia di ricorso alla strumento della conciliazione; di particolare interesse sono:
- Legge n. 481/95 "Norme per la concorrenza e la regolazione dei servizi di pubblica utilità. Istituzione delle Autorità di regolazione dei servizi di pubblica utilità.";
- Legge n. 249/97 "Istituzione dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e norme sui sistemi delle telecomunicazioni e radiotelevisivo";
- Legge n. 281/98 "Disciplina dei diritti dei consumatori e degli utenti";
- Legge n. 192/98 "Disciplina della subfornitura nelle attività produttive";
- Legge n.  135/2001 "Riforma della legislazione nazionale del turismo";
- Decreto legislativo n. 5/2003 "Definizione dei procedimenti in materia di diritto societario e di intermediazione finanziaria, nonchè in materia bancaria e creditizia, in attuazione dell'articolo 12 della legge 3 ottobre 2001, n. 366"
- Decreto legislativo n. 6/2003 "Riforma organica della disciplina delle societa' di capitali e societa' cooperative, in attuazione della legge 3 ottobre 2001, n. 366"
- Legge n. 129/2004 "Norme per la disciplina dell'affiliazione commerciale"


Ultima modifica: 20/04/2015 13:11:19 - Id: 48385