Salta al contenuto Salta al menu'

Zootecnia

In Primo Piano

Apicoltura, contributi per assistenza e lotta alle malattie degli alveari

Bando per produttori del settore e loro unioni, associazioni di produttori, federazioni, cooperative e consorzi di tutela. Domande entro il 9 settembre 2019

Contributi per miglioramento dei pascoli

Con il presente intervento la Regione Toscana migliora la competitività delle aziende zootecniche toscane e la qualità ambientale attraverso il sostegno a investimenti finalizzati a favorire la...

Aiuti per l'acquisto di riproduttori

Con il presente intervento la Regione Toscana sostiene la competitività delle aziende zootecniche toscane attraverso il sostegno al miglioramento genetico degli allevamenti, nello specifico...

Investimenti 2019 per la zootecnia

La presentazione delle domande su ARTEA tramite le ID 335 e 336   A seguito dell'emanzione della delibera di Giunta Regionale n. 93/2019 sono stati attivati, fra gli altri,...

Le regole per la riproduzione animale

Online l'aggiornamento 2019 delle stazioni di monta equina naturale e delle stazioni d'inseminazione artificiale equina operanti sul territorio regionale. La normativa di...

Interventi per 2 milioni di euro per il rilancio del settore zootecnico con particolare riguardo al comparto ovicaprino da latte

La Giunta regionale con la delibera n. 93 del 28/01/2019 ha approvato una serie di interventi per il rilancio del settore zootecnico, con priorità per il comparto ovicaprino da latte, assegnando a...

Chi siamo

Istituto Incremento Ippico

Chi siamo

Il Deposito Cavalli di Pisa, trasferitosi nell'anno 1867, in questa sede da Firenze, Poggio Imperiale, è uno dei più importanti d'Italia, la sua antica sede era l'Arsenale per le Galee dell'Ordine dei Cavalieri di Santo Stefano, struttura della seconda metà del cinquecento, posta in Lungarno Simonelli che poteva ospitare 150 stalloni.

L'azione del Deposito comprendeva un vastissimo territorio composto da sedici province, di cui facevano parte: La Mareamma Toscana, il Lazio e Agro Pontino, aree di allevamento del cavallo per i servizi del Regio Esercito e del cavallo distinto per ufficiali, fra gli allevatori più prestigiosi: Il Duca Salviati, Migliarino Pisano - Conte Della Gherardesca, S. Vincenzo - COnte Giuseppe Giuli, Vignale Riotorto - Conte Sen. Figoli, Vignale Riotorto - Eredi Rosselmini, Casone di Scarlino - Conte Guicciardini, Acqisti (Grosseto) - Cav. Ponticelli, Grosseto - Ingegner Pallini, Grosseto - Ing. Bruchi, Grosseto - Comm. De Rham, Grosseto - Principe Torlonia, Musignano e Canino - Istituto Sperimentale Zootecnico di Roma, Tor Mancina - Società Anon. Bonifiche, Maccarese - Princ. Don Urbano Del Drago, Sutri (Viterbo) - "Tre Ponti" (Agro Pontino) - Comm. Zannelli, Bocca di Fiume (Agro Pontino) Mazzocchio ed altri molti di minore importanza.
Nelle scuderie del Deposito hanno stazionato i migliori riproduttori di razza Purosangue Inglese. Si ricordano fra i più noti: Melton (Master Kildare); Spartivento (Le Sancy); Melanion (Hermit); Genial (Callistrate; Jean de Nivelle (Persimmon) e Signorino (Best Man).

Oggi il Deposito Stalloni ha cambiato la propria denominazione in "Istituto Incremento Ippico" e dall'anno 2000 occupa una sede prestigiosa all'interno della Tenuta di San Rossore già residenza estiva della Casa Reale dei Savoia, alle dipendenze dirette della Regione Toscana, Direzione Generale dello Sviluppo Economico.

La sua gestione, prevista dall'art. 75 D.P.R. 616/77 consiste; nel mantenimento di stalloni di pregio distaccati annualmente in pubbliche stazioni di monta, iscritti ai Libri Genealogici delle razze equine allevate in italia e in particolare sul miglioramento e diffusione del Cavallo Maremmano, del Pony di Monterufoli e dell'Asino dell'Amiata, razze allevate in Toscana.

L'utilizzo dei riproduttori non è limitato al territorio regionale, ma si estende alla Regione Lazio e alla Regione dell'Umbria con le quali è stata attivata una convenzione interregionale sin dal 1979, che consente di distaccare gli stalloni, durante la stagione di fecondazione equina in pubbliche stazioni di fecondazione nelle due regioni.

L'Istituzione funziona come "Centro di Produzione del Seme Equino e come Centro di Recapito del Seme Equino" l'attività di laboratorio: manipolazione e conservazione del seme è regolata da una convenzione stupulata con l'Università degli Studi di Pisa, Facoltà di Medicina Veterinaria.

L'Istituto prosegue la sua storia ultracentenaria, oggi come allora, con la professionalità e l'impegno di tutto il personale.



Torna alla pagina principale

Ultima modifica: 14/11/2012 16:00:43 - Id: 66441
  • Condividi
  • Condividi