Salta al contenuto Salta al menu'

Prodotti tipici

In Primo Piano

Olio extravergine della Toscana: le 23 eccellenze della Toscana

Selezione 2017 Sono 23 gli oli extravergini di oliva che rappresentano l'eccellenza in Toscana e che da oggi diventeranno ambasciatori della nostra produzione olearia nelle...

Corsi per assaggiatori di olio d'oliva

Procedure amministrative per il rilascio dell'autorizzazione per la realizzazione di corsi per assaggiatori di olio d'oliva (decreto 18 giugno 2014 del Ministro delle Politiche...

Elenco dei tecnici ed esperti degli oli di oliva vergini e extravergini

Articolazione regionale toscana: come iscriversi   L'articolazione regionale toscana dell'elenco dei tecnici ed esperti degli oli di oliva vergini e extravergini è...

Modifica del disciplinare di produzione del vino a DOCG

Riunione di pubblico accertamento per esaminare la proposta di modifica del disciplinare di produzione del vino a DOCG Chianti presentata dal Consorzio Vino Chianti.

La nuova OCM vitivinicola

Dal 1° gennaio 2016 le nuove regole per la gestione del potenziale viticolo   Con il regolamento (UE) n. 1308/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17...

Presentazione del Disciplinare del Marrone del Mugello IGP

Avviso di riunione di pubblico accertamento per per le modifiche al disciplinare di produzione del Marrone del Mugello IGP

Cancro dell'Actinidia

Cancro dell'Actinidia

Pesudomonas syringae pv. actinidia

Il 7 febbraio 2011 è stato emanato il Decreto Ministeriale che riguarda le misure di emergenza per la prevenzione il controllo o l’eradicazione del cancro batterico dell’actinidia, causato da Pseudomonas syringae pv Actinidiae.

Considerato che l’ agente del cancro batterico dell’actinidia, è un microrganismo estremamente pericoloso per le piante di actinidia, e che in base all’attuale stato di conoscenze tecnico scientifiche non esistono mezzi di difesa atti a contrastare efficacemente la sua diffusione ed a prevenirne i danni, le misure emanate dal D.M. sopra riportato sono necessarie per impedire gravi perdite all’economia agricola nazionale.

Questo pericoloso parassita già segnalato in alcune regioni d’Italia, agisce a livello vascolare e una volta entrato all’interno della pianta è difficile da debellare.

Tra i sintomi più evidenti ricordiamo:
  • imbrunimento dei fiori e dei boccioli e successiva cascola;
  • necrosi fogliare di forma irregolare, di color marrone scuro;
  • formazione di cancri sul tronco e tralci con formazione di essudato di color rosso scuro;
  • avvizzimento dei frutti;
  • morte improvvisa della pianta.


Tra le cultivar coltivate sembra che la più colpita sia la cv Hort, con frutti a polpa gialla.

Vista l’importanza vivaistica della Toscana e la vasta gamma di piante prodotte, potrebbe esserci la possibilità che qualche ditta svolga l’attività di produzione e commercializzazione di piante di actinidia e quindi sia particolarmente interessata a questa normativa.

Si prega di approfondire quanto riportato in questa nota leggendo attentamente l’allegato, per dare necessaria divulgazione.

Si ricorda che al momento nella nostra Regione questo pericoloso batterio non è stato riscontrato e che quindi siamo considerati zona indenne (art 2 lettera b del D.M.). E’ fatto obbligo ai proprietari o ai detentori a qualsiasi titolo di piante di Actinidia, di segnalare ogni sintomo sospetto di cancro batterico al Servizio fitosanitario (art 4 , punto 1 del D.M.).

Data l’importanza dell’argomento sarà nostra cura dare ulteriori dettagli in merito a quanto sopra.

Per ulteriori informazioni, chiarimenti o segnalazioni contattare il Servizio Fitosanitario Regionale:
mail: serviziofitosanitario@regione.toscana.it



Ultima modifica: 13/12/2012 02:19:44 - Id: 277565
  • Condividi
  • Condividi