Salta al contenuto Salta al menu'

Guida incentivi

In Primo Piano

Tutti i bandi e altre opportunità offerte da Regione Toscana

Per consultare tutti i bandi e avvisi pubblici della Regione Toscana aperti, per finanziamenti, agevolazioni, e altre opprtunità (chiamate per manifestazioni di...

La nuova edizione della Guida di orientamento agli incentivi per le imprese

Pubblicati due nuovi supplementi, uno su "Criteri ambientali minimi ed economia", l'altro su aiuti alle pubbliche amministrazioni per rimozione e smaltimento amianto. L'edizione n. 2 anno X...

Agevolazioni fiscali e incentivi per contratti e assunzione di personale

Agevolazioni fiscali e incentivi per contratti e assunzione di personale

Credito d'imposta del 35% per assunzione di personale altamente qualificato, azzeramento dei contributi a carico del datore di lavoro per i contratti di apprendistato stipulati dal 1° gennaio 2012 al 31 dicembre 2016, riduzione dei contributi per assunzioni a tempo determinato e indeterminato di disoccupati e donne senza retribuzione, il Fondo nazionale per occupazione dei giovani e delle donne

Contributi per assunzione personale altamente qualificato

- A decorrere dalla data 12 agosto 2012, a tutte le imprese, indipendentemente dalla loro forma giuridica, dimensioni aziendale, settore economico di appartenenza e regime contabile, è concesso un contributo sotto forma di credito d'imposta del 35%, con un limite massimo pari a 200 mila euro annui, del costo aziendale sostenuto per le assunzioni a tempo indeterminato di a) personale in possesso di un dottorato di ricerca universitario conseguito presso una università italiana o estera se riconosciuto equipollente in base alla legislazione vigente in materia; „ b) personale in possesso di laurea magistrale in discipline di ambito tecnico o scientifico, impiegato in attività di Ricerca e Sviluppo.

Agevolazioni per contratti di apprendistato e assunzione disoccupati e donne senza retribuzione

- Contratti di apprendistato. ll d.lgs. 15 settembre 2011, n. 167 ha riordinato la normativa in materia di apprendistato. Si forniscono le indicazioni di carattere normativo e si affrontano gli aspetti contributivi connessi all'istituto contrattuale. La legge 12 novembre 2011 n. 183 ha previsto, all'articolo 22, l'azzeramento dei contributi a carico del datore di lavoro per i contratti di apprendistato stipulati dal 1° gennaio 2012 al 31 dicembre 2016 da datori di lavoro che occupano fino a nove dipendenti, per i primi tre anni, restando fermo il 10% per i periodi contributivi successivi al terzo. Informazioni e dettagli sulla pagina del sito web dell'Inps

- Assunzioni a tempo determinato e indeterminato di disoccupati e donne senza retribuzione. Dal 1° gennaio 2013, è prevista la riduzione del 50% dei contributi a carico del datore di lavoro per assunzioni a tempo indeterminato per la durata di 18 mesi e per assunzioni a tempo determinato anche in somministrazione, per la durata di 12 mesi (art. 4 della legge n. 92/2012).

Fondo nazionale per occupazione dei giovani e delle donne

Il decreto interministeriale 5 ottobre 2012 (Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministero dell'Economia e delle Finanze) prevede un incentivo del valore di € 12.000,00 in caso di trasformazione dei contratti a tempo determinato in contratti a tempo indeterminato nonché di stabilizzazione, con contratto a tempo indeterminato, dei lavoratori con contratto di collaborazione coordinata e continuativa, anche nella modalità di progetto, o delle associazioni in partecipazione con apporto di lavoro. Sono inoltre previsti incentivi per le assunzioni di giovani e donne a tempo determinato, di importo decrescente in base alla durata del rapporto di lavoro:
-„ 3.000 euro per contratti di lavoro di durata non inferiore a 12 mesi,
-„ 4.000 euro se la durata del contratto supera i 18 mesi,
„- 6.000 euro per i contratti aventi durata superiore a 24 mesi.
Questi incentivi saranno corrisposti dall'INPS, in base all'ordine cronologico di presentazione delle domande ed entro il limite delle risorse disponibili attraverso modalità telematiche che saranno attivate al più presto e consentiranno ai datori di lavoro di avere facile accesso allo strumento.
Vai alla pagina del Ministero del Lavoro: http://www.lavoro.gov.it/Lavoro/Notizie/20121019_DI_5ottobre2012.htm


Ultima modifica: 13/08/2013 13:57:51 - Id: 1436697
  • Condividi
  • Condividi